La rete nefrologica di Piemonte e Valle D’Aosta all’avanguardia in Italia

Il Piemonte è una delle regioni italiane all’avanguardia per la prevenzione e cura delle malattie renali. Sul territorio esiste da tempo una rete nefrologica, estesa anche alle Valle d’Aosta, che garantisce cure efficaci e capillari costituita da 16 Centri (strutture complesse) di Nefrologia e Dialisi, 2 centri di Nefrologia, dialisi e trapianto, 1 centro pediatrico di nefrologia, dialisi e trapianto, 1 SSD (struttura semplice dipartimentale) di Nefrologia e dialisi al San Luigi di Orbassano e 1 all’Ospedale Maggiore di Novara.

Oggi a Torino si è svolto l’incontro del Consiglio direttivo della Società Italiana di Nefrologia che precede la tavola rotonda dal titolo “Sin Tour: la realtà nefrologica in Piemonte”, dalle 15: 30 alle 18 nella sala multimediale di corso Regina Margherita 174.

Presenti il Presidente nazionale della SIN, professor Loreto Gesualdo, il dottor Stefano Cusinato, direttore della struttura complessa di Nefrologia dell’Asl di Novara, ospedale di Borgomanero, consigliere nazionale SIN, il dottor Alfonso Pacitti, presidente della sezione Piemonte Valle d’ Aosta ed i rappresentanti delle associazioni Aned e Aido.

Per l’assessore regionale alla Sanità Antonio Saitta: “ E’ motivo di orgoglio e soddisfazione che il Consiglio direttivo della Società italiana di Nefrologia abbia scelto Torino ed il Piemonte come sede della propria assise. La presenza di Centri di assoluta eccellenza e di molti professionalità di grande valore colloca il Piemonte al vertice delle regioni per la cura di queste malattie che hanno un rilevante impatto sulla salute e che fortunatamente, grazie al progresso scientifico ed alla ricerca, sono sempre più curabili e compatibili con una vita normale.”

“La tappa piemontese del SIN Tour Italy segna un percorso importante per il rapporto con le territorialità della Nefrologia in quanto siamo riusciti a focalizzare i punti di forza ed eccellenza. Sicuramente il contributo istituzionale della Regione Piemonte è determinante anche per il ruolo di coordinamento che l’Assessore Saitta ha nel panorama nazionale, quale punto di riferimento in sanità nel contesto delle regioni italiane. Per questo continueremo ad essere presenti sui territori e continueremo nella nostra azione per fortificare le reti nefrologiche in tutto il territorio nazionale”- ha dichiarato il Presidente nazionale della SIN, professor Loreto Gesualdo.

Il Sin Tour Italy- Piemonte domani 27 ottobre si sposterà a Borgomanero, al teatro Rosmini, dove nella mattinata il direttore Cusinato ed il Presidente SIN, professor Gesualdo, hanno organizzato un incontro con gli studenti degli istituti su temi come la prevenzione delle malattie renali e la donazione d’organo, con la partecipazione di pazienti trapiantati di rene.

In serata, alle 20.30, sempre al teatro Rosmini, l’associazione Pronefropatici “Fiorenzo Alliata”, con la Nefrologia di Borgomanero, festeggerà il suo trentesimo compleanno insieme alla popolazione e alle autorità locali e regionali, alla SIN , all’AIDO e all’ANED.

“Ringrazio il Direttivo della SIN per aver fatto tappa in Piemonte e spero che il coinvolgimento continui con anche con le iniziative dell’Associazione Pronefropatici “Fiorenzo Alliata” che compie oggi 30 anni. Abbiamo voluto festeggiare questo importante traguardo insieme agli amici, a tutte le persone che in questi anni ci hanno sostenuto ed affiancato, a medici ed infermieri della Nefrologia, alla città di Borgomanero, che si è sempre dimostrata sensibile, senza trascurare un ringraziamento particolare ai nostri pazienti che rappresentano la mission della nostra vita. Un percorso di racconti, ricordi, emozioni che ci portano al passato ma capace di darci quella forza necessaria per proseguire nel futuro con la volontà di donare un sostegno, talvolta necessario per ridare un sorriso” – ha detto il consigliere nazionale della SIN, Stefano Cusinato.