Pubblicità

Alessandro Arbasino, un altro grande nuotatore in forza al Derthona Nuoto

Il Derthona Nuoto continua a sfornare atleti di alto livello. È il caso di Alessandro Arbasino, un giovane diciottenne che gareggia negli stili libero e delfino.

Il mio successo più grande – ci rivela l’atleta – sono state le 2 medaglie d’argento ai campionati italiani di 3 anni fa e, di minor importanza, sono le medaglie regionali prese 3 e 2 anni fa. Gareggio per il Phoenix Nuoto una società che tutt’ora non esiste perché deve essere costituita dato il nostro recente distacco dal Team Insubrika”.

Un giovane che ha iniziato a nuotare da piccolo senza mai fermarsi. “Nuoto da circa 12 anni – continua Arbasino – e se devo pensare alla prima volta mi viene in mente quando all’età di sei anni mi hanno messo in vasca piccola con gli altri bambini della mia età ma dopo poche lezioni mi hanno messo con i bambini più grandi nella vasca grande”.

Come tutti gli atleti professionisti ha una vita dura. “La vita di un nuotatore al mio livello – prosegue Alessandro – è più o meno come quella di tutti i nuotatori. Molto stancante. È piena di impegni tra i quali gli allenamenti tutti i giorni, la palestra e, soprattutto, le gare nei weekend. La cosa bella del nuoto, infatti, è che l’impegno è lo stesso a tutti i livelli sia che tu sei uno dei migliori del mondo, sia che tu cerchi di arrivare ai campionati italiani”.

Per Alessandro il nuoto, però, non è tutto. L’attenzione in questo momento riguarda la scuola. Arbasino, infatti, è in quinta e dedica molto tempo anche allo studio. “Il mio rimpianto più grosso – ci racconta – è quello di non aver perseverato nell’allenamento come nei miei primi anni nel Team Insubrika ma la scuola ha la precedenza e per questo mi sono concentrato anche su quella”.

Un giovane dalle idee molto chiare. “Il mio obbiettivo a breve termine – conclude Arbasino – riguarda più che altro la mia carriera scolastica ovvero riuscire a entrare al politecnico di Milano per proseguire al meglio la mia carriera ovviamente senza abbandonare il nuoto. Non ho obbiettivi a lungo termine perché non so ancora in che direzione andrà la mia vita ma una cosa che so per certo è che il nuoto farà sicuramente parte di essa”.

L.S.

Pubblicità