Intrecci Barocchi, un nuovo progetto musicale

Per promuovere ulteriormente nella nostra regione il repertorio musicale sacro e profano fiorito tra gli ultimi anni del XVI e la metà del XVIII secolo è stato creato, con la collaborazione e su impulso dell’Assessorato alla Cultura della Regione Piemonte Intrecci barocchi, un progetto, elaborato da quattro importanti istituzioni musicali piemontesi: l’Academia Montis Regalis, l’Accademia Corale Stefano Tempia, Musici di Santa Pelagia e il Coro Ruggero Magrini

“Abbiamo voluto creare un dialogo tra quattro direzioni artistiche, che consentirà di valorizzare un patrimonio musicale ancora in gran parte da scoprire, permettendo a ogni ensemble di dedicarsi alle proprie opere e compositori d’elezione – dichiara Antonella Parigi, assessora alla Cultura e al Turismo della Regione Piemonte – La progressiva integrazione tra i quattro Enti consentirà anche di ottimizzare le aree organizzative di ognuna, razionalizzando il lavoro e i costi fissi legati alla sfera extra artistica”.

Del progetto Intrecci Barocchi fanno parte tutti i concerti organizzati dai quattro Enti, Musici di Santa Pelagia con Regie Sinfonie, Accademia Corale Stefano Tempia e Academia Montis Regalis con la propria stagione, Accademia Ruggero Maghini con Bach to Bach. Sarà Regie Sinfonie ad inaugurare per prima la stagione, il 4 novembre prossimo.

Riguardo agli eventi realizzati insieme, è da segnalare il concerto di inaugurazione della Accademia Corale Stefano Tempia, che il 12 novembre vedrà l’ensemble strumentale dei Musici di Santa Pelagia al fianco del Coro Stefano Tempia nella grandiosa esecuzione delle Odi per la festa di Santa Cecilia di Henry Purcell, utilizzando le stesse sale e strutture per prove e concerti, con una conseguente ottimizzazione di risorse. Farà seguito il concerto di martedì 21 novembre con I Musici di Santa Pelagia e il Maghini Consort nel programma “Bach Trascrittore”, il concerto del 5 dicembre Magnificat!, con i Musici di nuovo al fianco del Maghini e il concerto del 18 maggio dell’Academia Montis Regalis nella stagione Regie Sinfonie.

Dal 2018-19 partirà una stagione unica, con quattro filoni musicali ben distinti tra loro, dando vita a un cartellone di ampio respiro con la partecipazione anche di artisti di livello internazionale. Con la collaborazione di tutti i quattro Enti, sarà possibile creare una stagione barocca di largo respiro e, sotto il profilo artistico, una rassegna in grado di reggere il confronto con le maggiori manifestazioni del genere nazionali ed internazionali.

Oltre all’aspetto puramente concertistico, Intrecci barocchi organizzerà incontri, conferenze e giornate di studio su temi specifici in collaborazione con le principali istituzioni piemontesi quali Conservatori e Università. In collaborazione con la Regione Piemonte, potrà inoltre svolgere un utile lavoro nelle scuole secondarie di primo e di secondo grado della regione volto a colmare le lacune dei programmi scolastici, attraverso lezioni tenute da riconosciuti esperti nel settore, calibrate secondo il livello di ogni classe.