Conclusa la XXXVIII Stagione Internazionale di concerti sugli organi storici della provincia di Alessandria

Con uno spettacolare concerto nella suggestiva sede dell’ Abbazia di Santa Croce a Bosco Marengo, tradizionale evento in collaborazione con il Conservatorio “Vivaldi” e questa volta anche con l’ Associazione Amici di Santa Croce, si è conclusa la Stagione internazionale di concerti promossa dagli Amici dell’Organo, sostenuta come sempre da numerose Fondazioni e premiata per il secondo biennio consecutivo con l’Effe Label, riconoscimento conferito dalla Comunità Europea ai festival di qualità.​
L’Abbazia era stracolma di pubblico, richiamato dall’ opportunità di ascoltare una prima esecuzione assoluta, cioè l’ Oratorio “Vittoria Navale predetta dal Beato Pio Quinto” del compositore settecentesco Giacomo  Goccini, riscoperto da Paolo Masini degli Amici di Santa Croce e trascritto in notazione moderna da Aldo Bertone e Giovanni Cestino. Allestito a cura dell’ Interdipartimento di Musica Antica del Conservatorio di Alessandria, ha visto la partecipazione di cantanti e strumentisti in massima parte del nostro Conservatorio, sotto la direzione di Marco Berrini.
Pur nelle inevitabili differenze di risposta, dovuta soprattutto alla variegata localizzazione dei nostri diciassette concerti – dice Letizia Romiti coordinatrice da sempre della Rassegna – il ciclo di quest’anno è andato particolarmente bene, con punte quasi da record specialmente nel caso degli eventi di Castelnuovo, Casalnoceto e Garbagna, dove si sono esibiti importantissimi solisti di fama mondiale, uno fra tutti Michael Schoenheit titolare dell’ organo della mitica Neue Gewandhaus di Lipsia, oltre appunto a Bosco Marengo, Valenza e Tortona.Un grandissimo grazie alla Compagnia di San Paolo, alle Fondazioni CRT, CRAL, SociAl e Piemonte Dal Vivo che ci hanno messo in condizione di continuare ad offrire alla cittadinanza ed alla provincia intera manifestazioni di elevato valore artistico; ma anche al Conservatorio specialmente nella persona del Direttore (purtroppo ormai emerito) Angela Colombo, che con noi ha voluto impostare per la prima volta una proficua e duratura collaborazione che ha permesso ai nostri diplomati e laureati di esibirsi in pubblico con l’orchestra ed il Coro del Conservatorio stesso. Un altro grazie al Comune ed alla Provincia di Alessandria che pur  in modi diversi ci hanno dato una grossa mano, si pensi solo al paziente e puntuale lavoro che Luigi Di Carluccio ha realizzato per noi sui diversi Social….ricordiamo anche tutte le persone che in luoghi diversi hanno messo a disposizione risorse varie, ma soprattutto un grande impegno personale per fare andare le cose nel miglior modo possibile. Siamo riconoscenti anche a tutti i Parroci, i Priori, gli Assessori ed i Sindaci che hanno voluto nuovamente o per la prima volta ospitare un nostro concerto, ed a questo proposito possiamo già annunciare che per il prossimo anno stiamo stabilendo contatti anche fuori dal territorio provinciale e che privilegeremo le “location” di grande pregio artistico, anche se per adesso non facciamo nomi. Sempre circa il futuro, se altri Enti ci daranno una mano, vorremmo proseguire nella promozione dei nostri giovani organisti, stabilendo collaborazioni con Associazioni straniere che condividono i nostri stessi scopi; nella realizzazione di programmi per organo ed organici grandi, che incontrano sempre il favore del pubblico, e nella valorizzazione di restauri recenti. Naturalmente non mancherà la consueta ampia scelta di nomi illustri, alcuni dei quali provenienti da molto, molto lontano. Nel corso di quest’ anno ci hanno lasciato Maestri, amici di vecchia data e figure di riferimento nella promozione e nella valorizzazione dei nostri antichi strumenti, di statura mondiale o più semplicemente locale. E’ giusto che siano tutti ricordati con apposite manifestazioni cui stiamo già pensando, in modo che non vada perso l’enorme lavoro al quale hanno dedicato tutta la vita, che sarà prezioso insegnamento per chi vorrà continuarne l’opera“.