La Pace spiegata agli studenti

La  mostra “Alberto H. Gagliardo – Non fate ad altri quello che non vorreste fosse fatto a voi” a cura di Zonta Club Alessandria inaugurata il 5 novembre con il patrocinio del Comune  di Castelletto Monferrato, nella sua seconda settimana di esposizione è visitata dalle scuole.

Alberto Helios Gagliardo (Genova: 1893 – 1987) fu pittore e incisore. Zonta Club Alessandria dedica una mostra all’artista genovese che nel periodo 1925 -1940 realizzò 19 acqueforti con tema la guerra per diffondere nel mondo un forte invito alla pace, “a non fare ad altri quello che non vorreste fosse fatto a voi”:  ecco  il  legame con Zonta.  Il codice d’onore del più antico Club di Servizio Femminile (tra due anni festeggerà il Centenario) ha proprio questo precetto tra i suoi fondamenti. Il codice d’onore è del 1921 e mette in evidenza come le Zontiane siano professioniste, protagoniste della società e del mondo economico in cui vivono ma anche promotrici di pace.

Martedì 14 Novembre la mostra, fortemente voluta dal sindaco Gianluca Colletti,  è stata visitata dalla Scuola Primaria di Castelletto M.to e venerdì 17 saranno gli studenti delle classi quinte dell’istituto Superiore Leardi di Casale Monferrato ad intervenire interessati dall’artista e dalla tecnica incisoria nonché dalle finalità perseguite da Gagliardo con quest’opera.

Le ragioni che rendono così cariche d’interesse le 19 lastre dell’artista e che di conseguenza ne giustificano, anche a distanza di 80-90 anni, l’esposizione sono duplici e cioè di natura storico-ideologica ed estetica. E’ subito evidente il loro fermo carattere di condanna della violenza bellica. E’ difficile ricordare qualcosa di così drastico, di così deciso nel segno e nel giudizio. In Italia, forse solo i grandi disegni di Carpi sulla tragica ritirata dell’esercito serbo in Albania possono reggere il confronto. Ma in Gagliardo la definizione dell’immagine è più netta e tagliente, l’ispirazione è meno patetica. Per taluni aspetti il rimando che viene più spontaneo è quello a Otto Dix che incideva i suoi cinquanta zinchi sugli orrori della guerra ’14-’18 pressappoco nello stesso periodo in cui Gagliardo stava per incidere i suoi. Dalle immagini di Gagliardo, come in Dix, esulano i commenti pietistici dei fatti. Le sue immagini hanno margini duri, risentiti che sigillano spietatamente la forma, dandole perentorietà, esemplare energia. A volerle collocare dentro il gioco delle tendenze, si potrebbe vederle in uno spazio intermedio tra espressionismo e Nuova oggettività.

“Il tema della prima guerra mondiale non aveva avuto tempo di risolversi che già il secondo conflitto esplodeva più atroce: Gagliardo continua nella sua opera rivelando quanto profondi fossero i motivi del suo dissenso nei confronti della prevaricazione sull’uomo. Ed è appunto in tale dissenso che attinge la  forza di persuasione di queste sue immagini, superando le stesse dolenti e drammatiche “occasioni” che le hanno dettate. Nei giorni di rischio e di sgomento in cui viviamo, con  gli echi quotidiani di un conflitto in Siria che sembra non fare più notizia  mentre l’Europa è invasa  di profughi e la minaccia nucleare è nuovamente quotidiana, queste immagini ci appaiono come la testimonianza del giudizio generale e immutabile che vuole la violenza fuori dai confini della nostra storia. Lo Zonta ha tra le sue finalità il’empowerment femminile  che significa progresso per la società tutta. Le donne sono state e saranno sempre fondamentali in ogni processo di  ricostruzione ma anche e soprattutto nel mantenimento della pace tra i popoli. La mostra è un’occasione per ribadire il nostro no alla guerra, il nostro si al rispetto dei diritti umani, al rispetto delle idee e delle differenze altrui sempre” afferma  Nadia Biancato, responsabile Advocacy di Zonta Club Alessandria e curatrice della mostra che rimarrà aperta al pubblico fino a sabato 18 Novembre nella sala consiliare del Municipio di Castelletto Monferrato.