Doppia data per lo spettacolo “Salario”

Doppia data per il nuovo spettacolo dell’attore alessandrino Gualtiero Burzi, SALARIO, che debutterà il 1° dicembre al Teatro della Juta di Arquata Scrivia in occasione dell’Orange Festival, con replica il 2 dicembre presso il Teatro Ambra di Alessandria, in occasione della stagione teatrale “Ambra Brama di Musica e Teatro”.

Lo spettacolo, scritto da Gualtiero Burzi e Mauro Pescio, è tratto da un monologo radiofonico per la RAI. E’ una storia di frontiere, di pregiudizi e di sfruttamento ambientata a fine Ottocento, ma più che mai attuale per la tematica trattata: la xenofobia. Le musiche sono di Gianni Coscia.

Ogni anno, tra agosto e settembre, al momento della raccolta del sale ad Aigues-Mortes, in una cittadina della Linguadoca-Rossiglione (Francia) affluivano migliaia di lavoratori italiani richiamati dalla speranza di trovare un lavoro stagionale, nonostante i rapporti tra Italiani e Francesi fossero tesi.

Nell’agosto del 1893 un conflitto tra operai francesi e italiani impiegati nelle saline di Peccais si trasformò in un vero e proprio eccidio: undici morti e più di centocinquanta feriti tra gli italiani. La tensione che ne seguì fece sfiorare la guerra tra i due Paesi.

Purtroppo è una storia più̀ che mai attuale e balza subito agli occhi la somiglianza con l’Italia di oggi: i piemontesi nelle saline di Aigues-Mortes sono come gli extracomunitari in alcune fabbriche italiane del Nord-Est o nei campi di pomodori della Campania. Giovani uomini che soprattutto in questo momento storico compiono un viaggio doloroso, lontano dalla propria famiglia e dalla propria casa per assicurarsi un futuro migliore.