A Castelletto Monferrato la “Marcia delle Scarpe senza Corpo”

Cinque anni fa la Marcia delle Scarpe senza Corpo NON ROSSE partì da Casale Monferrato promossa da Zonta Club e l’esempio fu ripreso ovunque nel mondo, fino alla Nuova Zelanda.

L’anno seguente la marcia tornò in Alessandria, in galleria Guerci sempre ad opera dello Zonta Club locale e domenica 3 dicembre  2017 approda a Castelletto Monferrato.

E’ questa una delle iniziative della campagna “Zonta Says NO to violence against women – Giù le mani dalle donne” che Zonta Club Alessandria conduce in collaborazione con le amministrazioni comunali.

“Abbiamo trovato nel sindaco Gianluca Colletti e nella sua amministrazione una sensibilità non comune verso la prevenzione di ogni forma di violenza, manifestata il 25 novembre con lo striscione “Basta Violenza sulle Donne” steso dal balcone del Municipio, che si rafforza con l’installazione che andremo ad inaugurare domenica  3 dicembre” afferma la presidente di Zonta Club Alessandria, Gabriella Daini.

Perché non scarpe rosse?

A spiegarlo è la responsabile advocacy di Zonta Club Alessandria, Nadia Biancato: “L’installazione delle scarpe rosse riprende l’iniziativa di un’artista ed è certamente di impatto, ma Zonta Club Alessandria vuole dare un segno chiaro e preciso: la marcia delle scarpe senza corpo richiama l’attenzione verso le donne vittime di femminicidio, donne comuni, donne di ogni età, donne di qualsiasi ceto sociale. Le scarpe rosse sono una forzatura. Il giorno del loro femminicidio le 3.000 donne uccise negli ultimi 10 anni in Italia, non indossavano di certo scarpe rosse. Alcune calzavano semplici ciabatte perché uccise in cucina, altre scarpe con il tacco o semplici sneakers, infradito, stivali… vogliamo ricordare quel momento, quel crimine che ha tolto la vita ad una donna perché donna, da parte di chi non accettava una storia finita. Sono tante le vittime di violenza domestica, donne che per i propri figli non hanno voluto lasciare il loro uomo, donne che avevano denunciato il loro maltrattante e che dopo anni di vessazioni volevano  riprendersi la loro vita. Donne che la legge non ha saputo proteggere e tutelare. Vogliamo ricordare le vittime, mamme, studentesse, avvocate, impiegate, nonne, prostitute, artiste, disoccupate, ecc.., tutte accomunate dall’essere DONNE.

L’installazione sarà inaugurata Domenica 3 dicembre alle ore 11,30 presso il Municipio di Castelletto Monferrato e rappresenterà un monito per un cambio di cultura necessario ad eliminare quel crimine contro l’umanità che in Italia continua a colpire una donna ogni 2 giorni.

La “Marcia delle Scarpe senza Corpo” è una delle iniziative promosse da Zonta Club Alessandria per il contrasto della violenza. L’altra è lo spettacolo di teatro civile “E’l modo ancor m’offende” portato ad Acqui Terme il 30 novembre e 1° dicembre e in Alessandria il 1 e 2 dicembre per sensibilizzare al Rispetto verso le Donne in ogni età.