Il nuovo reddito di inclusione: la Carta REI

A partire dal 1° dicembre 2017 i residenti del Comune di Alessandria possono presentare la domanda per ricevere il Reddito di Inclusione (REI) presso il Consorzio C.I.S.S.A.C.A., in via Galimberti 2/A ad Alessandria (per informazioni è possibile telefonare al numero 0131.229711).

Il REI è un trattamento economico mensile erogato su carta elettronica prepagata (Carta REI) per l’acquisto di generi di prima necessità e il parziale prelevamento di contanti. Con la Carta REI si ha inoltre diritto allo sconto del 5% sugli acquisti nei negozi e nelle farmacie convenzionate. Per ottenere la Carta REI è necessario sottoscrivere un progetto personalizzato di inclusione sociale e lavorativa mirato al superamento della condizione di povertà e predisposto dai Servizi Sociali, da seguire obbligatoriamente pena la revoca del sussidio. L’importo del reddito di inclusione verrà erogato prendendo a riferimento non soltanto il reddito ma anche la composizione del nucleo familiare.

Requisiti richiesti per l’ottenimento:

• Nucleo familiare: presenza di almeno un minorenne all’interno del nucleo familiare oppure nucleo composto da disabile con genitore oppure presenza di una donna in stato di gravidanza (non più di 4 mesi dalla data presunta del parto).

• Status occupazionale del nucleo familiare: presenza di lavoratore di età pari o superiore a 55 anni disoccupato (a seguito di licenziamento, anche collettivo, oppure di dimissioni per giusta causa o risoluzione consensuale).  

• Residenza e cittadinanza: i richiedenti devono essere cittadini dell’Unione Europea o familiari titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, oppure cittadini di Paesi Terzi con permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo;

occorre avere la residenza in Italia, in via continuativa, da almeno due anni.

• Reddito ISEE: attestazione ISEE non superiore a 6mila euro (ISRE non superiore a 3mila euro)

• Patrimonio: patrimonio immobiliare, diverso dalla casa di abitazione, non superiore a ventimila euro; patrimonio mobiliare non superiore a 6mila euro (questa soglia viene accresciuta di duemila euro per ogni componente del nucleo familiare successivo al primo e fino a un tetto massimo complessivo di diecimila euro); nessun componente della famiglia deve essere intestatario di autoveicoli o motoveicoli immatricolati, per la prima volta, nei 24 mesi antecedenti la richiesta (fatti salvi quelli per i disabili) oppure di navi e imbarcazioni da diporto.

Il REI non è compatibile con la contemporanea fruizione, da parte di qualsiasi componente del nucleo familiare, della NASPL o di altri ammortizzatori sociali.

Attenzione: per verificare l’effettivo possesso dei requisiti (sono presenti casistiche particolari) è necessario riferirsi direttamente al Consorzio CISSACA, unico autorizzato alla raccolta delle domande.