Pubblicità

Al via “Talenti per l’Impresa” di formazione CRT per 120 giovani laureati e dottori di ricerca

Al via Talenti per l’Impresa, il progetto interamente ideato e finanziato dalla Fondazione CRT che offre un percorso di alta formazione sul tema dell’impresa innovativa a 120 laureati in qualsiasi disciplina e dottori di ricerca degli atenei del Piemonte e della Valle d’Aosta.

Il bando è aperto da martedì 20 febbraio a venerdì 23 marzo sul sito www.fondazionecrt.it.

Con un investimento della Fondazione CRT di 300.000 euro, questo progetto mira a sviluppare la cultura d’impresa, ad accrescere le competenze e a favorire l’interazione tra persone provenienti da percorsi diversi e accomunate dallo stesso spirito imprenditoriale: è rivolto sia a chi ha già un’idea imprenditoriale, ma ancora in fase embrionale – pre-incubazione e accelerazione –, sia a chi non ha ancora un’idea da sviluppare, ma è dotato di attitudine all’imprenditorialitàed è disponibile, durante il percorso, a mettere le proprie competenze a disposizione di un team per dar vita a nuove imprese.

“La quinta edizione di Talenti per l’Impresa ha una caratteristica particolarmente importante per Fondazione CRT – sottolinea il Presidente della Fondazione CRT Giovanni Quaglia –: il programma formativo, infatti, è stato creato con il supporto di un gruppo di ex Talenti, individuati tra gli oltre 1.000 laureati del territorio che, grazie ai progetti della Fondazione, hanno avuto occasioni di formazione in Italia e all’estero e sviluppato carriere interessanti. Oggi intendiamo mettere in rete questi nostri Talenti, in un’ottica di restituzione alla comunità delle competenze acquisite: abbiamo coinvolto alcuni di loro, esperti di innovazione e impresa o creatori di una propria startup, per fornire uno sguardo nuovo e inedito sul programma. Ne è nato un piano formativo ambizioso”.

“Talenti per l’Impresa ha lo scopo di sostenere i giovani nella costruzione della propria identità professionale per sviluppare imprese nuove e competitive sul territorio – dichiara il Segretario Generale della Fondazione CRT Massimo Lapucci –. La ricaduta positiva è duplice: da una parte accompagniamo i partecipanti in un percorso di personal development e, dall’altra, favoriamo la formazione degli imprenditori di domani per prepararli ad accogliere la sfida dell’industria 4.0. Come? Creando proficui legami di squadra, sviluppando e potenziando le abilità imprenditoriali dei giovani, la loro capacità di tradurre l’idea in azione, anche grazie alle possibilità di confronto con investitori e realtà internazionali”.

Il percorso formativo. Il percorso di formazione, che si svilupperà da maggio a novembre 2018, toccherà temi trasversali – nell’ottica di favorire un approccio open minded – e avrà un focus sulla creatività e sulla capacità di risolvere i problemi in modo innovativo: le 150 ore si declineranno in lezioni di “azzeramento” su materie economico-aziendali, momenti di approfondimento sullo sviluppo di idee imprenditoriali innovative, studio di casi pratici e workshop, testimonianze di imprenditori; le attività saranno arricchite da alcune giornate di team building finalizzate anche a sviluppare le capacità di lavorare in gruppo.

A fine novembre saranno selezionate le migliori idee imprenditoriali proposte dai partecipanti, che potranno accedere alla “fase 2” del progetto: per ogni idea verrà creato un team multidisciplinare di 3-4 persone scelte tra gli studenti del corso; i membri dei team, massimo 50 partecipanti in tutto, potranno frequentare il successivo percorso di approfondimento.

La “fase 2”, in programma da dicembre 2018 ad aprile 2019, prevedrà 100 ore ulteriori di attività, al termine delle quali la Fondazione CRT offrirà ai migliori team la possibilità di confrontarsi con investitori nazionali e internazionali e svolgere attività formative presso incubatori e acceleratori europei (ad es. l’incubatore partner del progetto SETsquared) ed extraeuropei.

Pubblicità