Grande successo per la mostra itinerante partita da Valenza: l’arte e la tecnologia del gioiello tra passato, presente e futuro

Buona la prima. Dal 23 al 25 febbraio 2018 a Villa Gropella si è tenuta la prima e inedita tappa dell’esposizione itinerante “Valenza. L’arte e la tecnologia del gioiello tra passato, presente e futuro”. Tra le prossime tappe, Milano e Roma.

E’ stata l’atmosfera settecentesca della residenza di quella che viene definita la capitale mondiale del gioiello a fare da cornice alla mostra curata da Giansante Gioielli, storica realtà locale che opera nel settore. “Con questa preziosa rassegna – dichiara Marcello Giansante – la nostra realtà ha avviato il percorso di valorizzazione l’arte orafa legata indissolubilmente al territorio di Valenza, oggi come ieri”.

La mostra ha illustra lo scenario della produzione artigiana locale, ripercorrendone l’evoluzione attraverso l’esposizione di fotografie, oggetti e scritti che narrano lo straordinario lavoro dei valenti artigiani di quest’area, nota al mondo per i suo raffinati manufatti e diventata oggi un punto di riferimento della produzione orafa internazionale. L’ambizioso progetto espositivo, che considera il gioiello quale risultato di un lavoro artistico meticoloso che pochi conoscono, ha analizzato l’evoluzione storica del settore evidenziando come questa si snodi attraverso un interessante percorso fatto di capacità tecniche ed evoluzioni creative assolutamente geniali.

Ciò che emerge dalla mostra di Villa Gropella è una storia tipicamente italiana, nella capacità di mantenere un sano e costruttivo equilibrio tra arte e tecnologia, bellezza e innovazione, creatività e manifattura, artigianato e industria.

Le botteghe capaci di lavorare pietre e metalli preziosi sono oggi un patrimonio culturale e non solo economico molto importante – spiega Marcello Giansante – vogliamo che quest’arte venga esaltata e, per questo, abbiamo ideato un progetto espositivo che valorizza “il saper far”. La grande precisione e l’abilità manuale, oltre che la fantasia e la creatività, tramandata, con i suoi gesti e i suoi strumenti, di generazione in generazione, da maestro ad apprendista, sono gli elementi che si potranno scoprire nel corso dell’esposizione”.

Giansante Gioielli accompagna così i visitatori alla scoperta del saper fare italiano connotato dalla passione e dalla sapienza artigianale che il fondatore dell’azienda di Valenza intende trasmettere alle nuove generazioni. Obiettivo della mostra infatti sarà anche quello di rivolgere lo sguardo al futuro di questo settore; a suggellare questa mission la preziosa collaborazione con FOR.AL, il Consorzio per la formazione professionale con sede a Valenza.

Nei prossimi mesi la mostra farà tappa a Milano e Roma.