Pubblicità

Borsalino: Camperio perde l’affitto dell’azienda. Haeres Equita: “Abbiamo pagato in tempo”

I curatori fallimentari della Borsalino hanno annunciato oggi pomeriggio che Haeres Equita, la società di Philippe Camperio, ha perso da ieri l’affitto dell’azienda. Il contratto è stato risolto perché Camperio non ha saldato in tempo tre mensilità. La società svizzera, infatti, ha saldato oggi i propri debiti con la curatela. Ora la società ha tempo 90 giorni per restituire la fabbrica alla curatela che, in seguito, chiederà al tribunale l’esercizio provvisorio.

Si tratta dell’ennesimo doccia fredda per i dipendenti dello storico cappellificio che hanno appreso la notizia dai sindacati. Le parti sociali hanno, comunque, garantito che la produzione andrà avanti anche se la situazione si è notevolmente complicata.

In serata, però, scoppia il mistero: quando è stato pagato l’affitto? Secondo i legali di Haeres Equita il pagamento è avvenuto il 27 febbraio, quindi in tempo.

“A fronte dell’ingiusta iniziativa assunta dal fallimento Borsalino – hanno spiegato da Haeres Equita all’Ansa – valuteremo ogni più opportuna azione a tutela della nostra immagine, dei nostri diritti e della continuità aziendale. I dipendenti ora passeranno da Haeres Equita a Borsalino Spa. Durante questo periodo di tempo, l’azienda continuerà ad essere guidata da Haeres Equita (fino allo scadere dei 90 giorni) che la ‘traghetterà’ verso la restituzione”.

Haeres Equita fa notare che resta comunque proprietaria del marchio e che non è scontata la continuità della produzione col marchio Borsalino.

L.S.

Pubblicità