Pubblicità

Scadenze domande per l’APe Sociale

I lavoratori che maturano i requisiti nei primi mesi del 2018 hanno tempo fino al 31 marzo per presentare la domanda di certificazione dei requisiti per l’accesso all’APe Sociale (Anticipo Pensionistico), ricevuta la domanda l’Inps verificherà se ci sono le condizioni per la concessione ed entro il 30 giugno comunicherà al lavoratore la prima decorrenza della prestazione o il rifiuto della stessa per mancanza di requisiti.

La Legge di Bilancio 2018 ha stabilito un ampliamento dei beneficiari dell’Ape Sociale che è una prestazione assistenziale ed è considerata un reddito finanziario ponte per alcune categorie di lavoratori ritenuti meritevoli di tutela dall’ordinamento. Tale prestazione è corrisposta ogni mese per 12 mensilità nell’anno, fino all’età prevista per il conseguimento della pensione di vecchiaia o fino al raggiungimento dei requisiti per la pensione anticipata; è pari all’importo della rata mensile della pensione calcolata al momento dell’accesso alla prestazione e non può superare l’importo massimo mensile di 1.500 euro.

Come abbiamo accennato vi è un ampliamento della platea dei beneficiari ovvero:

  • per le donne con figli vi è una riduzione del requisito contributivo minimo (dei 30/36 mesi) richiesto per l’accesso al beneficio nella misura di 12 mesi per ciascun figlio, per un massimo di 24 mesi;
  • per i cittadini che sono in stato di disoccupazione a seguito di scadenza del termine del rapporto di lavoro a tempo determinato, a condizione che abbiano avuto nei 36 mesi precedenti la cessazione del rapporto, periodi di lavoro dipendente per almeno 18 mesi che possono anche non essere continuativi e abbiano concluso da almeno 3 mesi di godere della prestazione di disoccupazione loro spettante:
  • per i cittadini che assistono e convivono con persone disabili affette da handicap grave, può presentare domanda anche un parente di secondo grado o affine entro il secondo che assiste da almeno 6 mesi la persona convivente. Per parenti di secondo grado si intendono, in linea diretta, i nonni e i nipoti, in linea collaterale, i fratelli e le sorelle. Per affini di primo grado si intendono i suoceri, i generi e le nuore, nonché il coniuge e i figli dell’altro coniuge derivanti da un precedente legame. Per affini di secondo grado si intendono i cognati. Viene subordinato il beneficio all’ulteriore condizione che il coniuge/unito civilmente e i parenti di primo grado conviventi con la persona disabile abbiano compiuto i settanta anni di età, siano affetti da patologie invalidanti o siano deceduti o mancanti.

Inoltre le professioni dei lavoratori gravosi passano da 11 a 15 (Decreto n. 367/2018), in particolare si aggiungono gli operai dell’agricoltura, della zootecnica e della pesca, i pescatori della pesca costiera, in acque interne, in alto mare, dipendenti o soci di cooperative, i lavoratori del settore siderurgico di prima e seconda fusione e lavoratori del vetro addetti a lavori ad alte temperature, i marittimi imbarcati a bordo e personale viaggiante dei trasporti marini e in acque interne.

Per l’anno 2018 sono previste tre scadenze entro cui i lavoratori, che si trovano nelle condizioni di accesso all’APe Sociale, potranno presentare domanda all’Inps, le domande presentate oltre i rispettivi termini di scadenza (e comunque non oltre il 30 novembre) saranno prese in considerazione esclusivamente se all’esito del monitoraggio dello scaglione precedente residuano le necessarie risorse finanziarie (lo stanziamento complessivo previsto dalla Legge di Bilancio era di 630 milioni di euro per l’anno 2018). Le scadenze sono:

  1. la prima con riferimento alle istanze presentate entro il 31 marzo in relazione alle quali l’Inps dovrà dare risposta entro il 30 giugno;
  2. la seconda con riferimento alle istanze prodotte dal 1 aprile al 15 luglio 2018 per cui dovrà essere fornita risposta entro il 15 ottobre;
  3. la terza fase con riferimento alle istanze prodotte tra il 16 luglio e il 30 novembre 2018 per cui dovrà essere fornita risposta entro il 31 dicembre.

Ufficio Comunicazione ACLI Alessandria

Pubblicità