Pubblicità

Danni da fauna: l’incontro in Provincia

Si è svolto ieri in Provincia l’incontro tra i rappresentanti del mondo agricolo, il presidente della Provincia di Alessandria Gianfranco Baldi e l’assessore regionale Giorgio Ferrero, i consiglieri regionali PaoloMighetti, Valter Ottria e Domenico Ravetti per discutere nuovamente sui danni da fauna selvatica, il problema sicurezza che ne consegue, le possibili soluzioni per ritrovare un equilibrio di buona gestione e l’ammissione negli Atc (Agenzia Territoriale Caccia) dei cacciatori provenienti da fuori Regione. Presenti anche i dirigenti del Settore Caccia della Regione e della Provincia; il Commissario  degli Atc  AL3 e AL4; tecnici degli Atc; i rappresentanti delle Associazioni  Agricole e Venatorie, alcuni Sindaci. La Cia di Alessandria era rappresentata dal presidente Gian Piero Ameglio, dal vicedirettore Giuseppe Botto e dall’imprenditore associato dell’Ovadese, particolarmente colpito dalla vicenda, Italo Danielli.

La Cia porta avanti con determinazione la posizione di tutela dei propri imprenditori che, in alcune aree, si trovano in estrema difficoltà tanto da dover pensare di dismettere l’attività a causa dei danni provocati dagli ungulati, i quali possono compromettere del tutto l’attività agricola annuale.

Dall’incontro è emerso che a seguito di  una legge regionale del 2017  gli Atc  possono ammettere  una percentuale  di  cacciatori provenienti da fuori Regione che non può superare il 10%. Spiega Giuseppe Botto: “Questo desta preoccupazione, perché i danni prodotti da  ungulati sono destinati ad aumentare in quanto si ridurranno  i cacciatori. I Bilanci degli Atc  che saranno privati di ingenti  quote di adesione  avranno difficoltà ad anticipare i risarcimenti dei danni agricoli. Inoltre, conseguirà un’inevitabile riduzione degli ospiti di  agriturismi, ristoranti e alberghi, soprattutto nelle zone collinari e montane”.

Italo Danielli ha depositato tre bottiglie di Ovada Docg e alcuni tralci delle viti che sta potando. Sui tralci erano ancora attaccati i grappoli spolpati lo scorso anno, prima della vendemmia, da caprioli e cinghiali. Commenta: “Le Istituzioni non riescono a trovare adeguate soluzioni al problema ungulati e  ho chiesto  all’Assessore e al Presidente della Provincia di conservare le bottiglie, in quanto rischiano di essere le ultime prodotte nell’Ovadese. Deve essere trovato un equilibrio. Agricoltura e caccia hanno interessi contrapposti, ma la popolazione numerica dei selvatici è ormai sproporzionata. La politica deve tenere conto delle attività agricole e dell’applicazione delle soluzioni adeguate, concertando gli interessi ai Tavoli di lavoro”.

Conclude con una proposta Gian Piero Ameglio: “Chiediamo di trovare una soluzione che consenta agli Atc di portare, solo per la caccia agli ungulati, la percentuale di cacciatori provenienti da fuori Regione ad un massimo del 35%. Il nostro territorio deve essere attrattivo per i suoi prodotti, il controllo degli ungulati e il ripristino delle specie autoctone deve tornare al giusto equilibrio. Servono risposte a breve”.

L’Assessore Ferrero e i Consiglieri regionali  hanno assicurato che cercheranno di inserire nella nuova Legge regionale sulla Caccia la facoltà per gli Atc di ammettere cacciatori provenienti da fuori  Regione fino ad un massimo del 35%.

Pubblicità