Pubblicità

Anche in Alessandria si celebra la Giornata Mondiale della Poesia

Mercoledì 21 marzo p.v. alle ore 17.15 nell’Aula Magna del Liceo classico ‘Plana’ di Alessandria verrà celebrata la Giornata  Mondiale della Poesia UNESCO. Essa, intitolata ‘L’Ermetismo e le suggestioni della parola’, riguarda quello che a buon diritto si può considerare l’unico grande movimento poetico in Italia dopo il Futurismo (al quale era stata dedicata la Giornata Unesco dello scorso anno). L’Ermetismo, ispirandosi ad una concezione della letteratura come ‘eterno confronto della nostra anima con il senso totale della verità’, ha prodotto, attraverso un gruppo di giovani poeti e critici operanti soprattutto a Firenze e influenzati, oltre che dal simbolismo tardo-ottocentesco, dalla ‘poesia pura’ di inizio secolo  e dalla recente lezione di Ungaretti e di Montale, una poesia in cui – come dice un autorevole critico – “il gusto della sfumatura sottile si svolgeva, in modi assorti e inquieti, in un linguaggio pieno di allusioni, trasalimenti segreti, sospensioni, interrogazioni”, in un contesto di estraneità totale, di radicale alternativa esistenziale, alle istanze politico-culturali del regime fascista. La tensione  verso un lirismo totalizzante e la fiducia quasi magica nella virtù della parola, caricata di significazioni ulteriori rispetto all’uso consueto, ha determinato talora rischi di manierismo ed esiti di oscurità, e di conseguenti difficoltà interpretative. In modi diversi hanno ‘attraversato’ l’Ermetismo molti letterati italiani del pieno e del secondo Novecento, (tra i poeti Luzi, Caproni, Sereni, Zanzotto, per non citare che i maggiori).

La Giornata, che si svolge con il patrocinio e la collaborazione della Società Alessandrina di Italianistica e di varie Istituzioni e Associazioni culturali e che si inserisce nel programma del Marzo Donna 2018 della Città di Alessandria e della Consulta Pari Opportunità, si articolerà in due momenti: dopo i saluti della presidente del Club Unesco di Alessandria arch. Micaela Pittaluga, la prof.ssa Sylvia Martinotti illustrerà, attraverso la proiezione commentata delle opere più importanti, temi e caratteri della pittura italiana del periodo dell’Ermetismo, poi il prof. Gian Luigi Ferraris svolgerà una relazione su ‘Poetica e poeti della stagione ermetica’, con la lettura e il commento di testi di Alfonso Gatto, Salvatore Quasimodo e Mario Luzi.

Pubblicità