Pubblicità

Alessandria-Carrarese, il treno per la B va ad alta velocità: è facile perderlo

Nel terzo dei quattro scontri consecutivi contro rivali in zona play-off, i Grigi devono dimostrare la propria maturità.

Per andare in B serve ragionare da B. 

Il goal di Capano al minuto 86 della sciagurata gara contro la Giana è stato un colpo secco sulla fiducia alessandrina, eppure piangersi addosso non serve. Ed è per questo che uno scossone inaspettato può diventare il motivo per cui vengano mostrati gli artigli da qui a fine stagione. Una buona prima mezz’ora non basta più, perché da questo momento in poi ognuna delle altre 18 avrà un ottimo motivo per non perdere. C’è chi si deve salvare, chi si deve qualificare ai play-off e chi deve vincere il girone A di Serie C. Maggiore cattiveria sotto porta e maggior qualità nel controllo della gara in fase di vantaggio, sono due medicine da somministrare immediatamente all’Alessandria. Perché è così che si comportano le squadre che alla fine della stagione festeggiano.

Non è da sottovalutare l’intelligenza gestionale di Marcolini che non vuole commettere l’errore dei suoi predecessori, i quali hanno spremuto a dismisura la rosa prima del giro di boa. La finale play-off della scorsa stagione è il chiaro esempio: una squadra che non ce la faceva più e una stagione da gettare nel dimenticatoio per mille motivi, tra cui questo.

Ragionare sui possibili risultati delle altre partite a questo punto diventa deleterio, sperare che qualche piccola trovi la forza di ostacolare una grande è comunque dovuto. Ci vorrà un po’ di fortuna, ma soprattutto molta convinzione nei propri mezzi, perché dopo i due pareggi con Pisa e Giana è arrivato il momento di tornare alla vittoria contro la Carrarese. Grigi in guardia, però: i toscani non sono solo Ciccio Tavano e la sua esperienza, ma tutto un plotone d’attacco di alto livello che con 49 goal è il secondo più prolifico di questo girone. Di questi, 47 sono stati segnati dagli attaccanti, due dai difensori e zero dai centrocampisti, a dimostrazione di una mentalità poco propensa al bel gioco, ma molto verticale. Riassumendo, la Carrarese è una squadra compatta e pragmatica, nulla però deve spaventare i Grigi. l’unico obbiettivo è la vittoria.

Il treno per la B va ad alta velocità: è facile perderlo.     

Pietro Cartolano

Pubblicità