Alessandria-Lucchese, prova di maturità

Mancano poche ore all’inizio di Alessandria-Lucchese, in programma Giovedì 29 Marzo alle 18.30 al Moccagatta. Giorno insolito ed orario insolito per una gara che dovrebbe essere tutto tranne che difficile per i Grigi.  In Piemonte arriva la Lucchese, squadra che lotta sia per non accedere ai play-out sia per tentare la rincorsa ai play-off. Il gap è breve, ma i toscani rischiano una stagione anonima che sicuramente non li accontenterebbe.  Dopo una discreta partenza, ultimamente sono arrivate solo due vittorie nelle ultime 16 (cioè da fine Novembre ad oggi!) e le sue due uniche vittime sono state l’ultimissima Prato e, incredibilmente, una delle tante cugine toscane: il Pisa, attualmente terzo. Un colpo di fortuna probabilmente visto che la Lucchese ha trovato il goal nell’unico tiro verso la porta nerazzurra. Però i tre punti, in qualche modo, sono arrivati.

Imbucare una fragile e disattenta difesa rossonera e limitarne le verticalizzazioni, pur se solitamente poche. Questo il diktat da attuare contro una squadra assolutamente da battere. Si può addirittura fissare l’obbiettivo di non subire goal, impresa non impossibile. Ventisette goal fatti, di cui solo quattro degli attaccanti e trentacinque subiti,  per una squadra in evidente difficoltà. L’unico dato di cui, forse, temere è la propensione ad ottenere prestazioni migliori fuori casa.

D’altro canto c’è l’Alessandria, che arriva da due vittorie di fila e da quattro grandi gare contro altrettante rivali per la zona play-off. I Grigi non si devono accontentare dell’idea di una possibile vittoria in Coppa Italia; in queste partite, apparentemente più abbordabili, bisogna dare un decisa prova di maturità.

Pietro Cartolano