Abbattere le barriere architettoniche in Sala Consiliare

PREMESSO CHE

la Sala Consiliare, dal lato corridoio Uffici Sindaco, rimane inaccessibile ai disabili in carrozzina non accompagnati, causa il raccordo scosceso tra il pavimento antistante gli Uffici del Sindaco ed il pavimento dell’aula consiliare;

CONSTATATO CHE

per i disabili in carrozzina non accompagnati, il percorso inverso, tra aula consiliare e corridoio Uffici del Sindaco è altrettanto problematico, causa la discesa ripida esistente;

FATTO PRESENTE CHE

in ambedue le descritte ipotesi, il disabile in carrozzina ha necessità di un assistente, che lo sospinga nella salita alla sala consiliare o che lo trattenga nella discesa verso il corridoio antistante gli Uffici del Sindaco;

CONSIDERATO CHE

eventuali differenze di dislivello devono essere, inevitabilmente,  superate tramite rampa con pendenza adeguata, in modo da non costituire ostacolo al transito di una persona su sedia a rotelle;

RITENUTO CHE, PER COERENZA,

anche nella Sala del Consiglio Comunale, in cui si impongono gli abbattimenti di tutte le barriere architettoniche cittadine, debbano essere eliminate le barriere architettoniche esistenti,

SI INTERPELLA IL SIGNOR SINDACO PER CONOSCERE

se ritiene di dover intervenire presso gli uffici competenti affinché, anche all’interno della Sala Consiliare – nel tratto tra il corridoio antistante gli Uffici del Sindaco ed il corrimano della scaletta di accesso agli stalli assessori – siano abbattute le barriere esistenti, trasformando in rampa accessibile l’attuale rampa preclusiva alla circolazione in autonomia delle persone su sedia a rotelle.

GIUSEPPE BIANCHINI