Pubblicità

L’Alessandria domina ma viene beffata alla fine del recupero. Contro il Piacenza solo un pari

Dopo aver dominato tutta la partita ed essere stata in vantaggio per tutto il secondo tempo, l’Alessandria viene beffata dal Piacenza che sfrutta una svista di Giosa. L’Alessandria avrebbe meritato di più, dopo aver sbagliato anche un rigore nel primo tempo. I Grigi avrebbero potuto superare in classifica la Viterbese, sconfitta dal Cuneo.

Al 3’ prima occasione per gli ospiti con Pesenti ma Vannucchi esce bene e non si lascia sorprendere. Al 10’ Fumagalli compie un miracolo riuscendo a parare un colpo di tacco di Barlocco. Al 14’ ci prova Pergreffi ma spedisce la palla sul fondo. Al 23’ nuovamente i Grigi in avanti con Fischnaller che va alla conclusione. Fumagalli si salva mettendo in corner. Lo batte Bellazzini. Intercetta di testa Piccolo che colpisce la palla troppo forte e la fa finire sul fondo. Al 31’ nuova occasione per i Grigi con Bellazzini che calcia una punizione dal limite. La palla, però, finisce leggermente sopra la traversa. Al 41’ Pergreffi di testa tenta di battere Vannucchi ma Marconi con una manovra acrobatica salva la porta sulla linea. Al 44’ Bellazzini viene trattenuto in area. L’arbitro indica il rigore. Calcia Marconi che colpisce il palo.

Al 53’, però, ci pensa Gatto da sinistra, su assist di Nicco, a sbloccare la partita e portare i Grigi in vantaggio. Poco dopo nuova occasione per Barlocco ma la palla finisce sopra la traversa. Al 56’ primo giallo della partita: è per Pergreffi. Al 68’ altra occasione per i Grigi con Bellazzini che, però, colpisce il palo. Un minuto più tardi gli risponde di testa Romero ma la palla finisce fuori. All’88’ nuova conclusione per i Grigi con un destro di Nicco che costringe Fumagalli a respingere di pugno. Al 90’ ci prova Della Latta ma la palla finisce tra le mani di Vannucchi senza far fare fatica al portiere grigio. Negli ultimi secondi del recupero l’Alessandria viene beffata da Romero che sfrutta un grosso errore di Giosa. Romero sarebbe stato in fuorigioco ma l’arbitro ha convalidato la rete.

Nonostante ciò, ennesimo risultato utile della squadra di Mister Marcolini che arrivava al Moccagatta dopo la vittoria della prima delle due finali di Coppa.

Alessandria: 1 Vannucchi, 2 Celjak, 8 Nicco (C), 9 Marconi, 11 Fischnaller, 13 Piccolo, 14 Giosa, 21 Bellazzini, 24 Gazzi, 26 Gatto, 33 Barlocco. A disposizione: 12 Pop, 3 Lovric, 5 Ranieri, 6 Sciacca, 7 Sestu, 15 Gjura, 17 Usel, 18 Gonzalez, 22 Ragni, 23 Chinellato, 31 Kadì, 32 Giubilato.

Piacenza: 1 Fumagalli, 2 Di Cecco, 4 Pergreffi, 6 Silva (C), 7 Pesenti, 11 Corazza, 14 Corradi, 18 Della Latta, 19 Di Molfetta, 21 Castellana, 24 Segre. A disposizione: 22 Lanzano, 3 Mora, 9 Romero, 10 Lamesta, 13 Bini, 15 Furlotti, 25 Zecca, 26 Amore.

L.S.

Pubblicità