Pubblicità

Matteo Gatto, in mountain bike tra le tribù della Papua Nuova Guinea

A Valenza si apre una intensa settimana dedicata alle due ruote ed al racconto delle avventure in bicicletta e la città si prepara a diventare “bike friendly”.

In attesa dell’arrivo, sabato 26, dei partecipanti al progetto VENTO, con un ricco programma di iniziative, alle ore 18.00 di giovedì 24 maggio, presso il Centro Comunale di Cultura in Piazza XXXI Martiri, il biker Matteo Gatto racconterà il suo emozionante viaggio compiuto nel 2017 in mountain bike tra le tribù locali e l’esplorazione della giungla della Papua Nuova Guinea fino ai 4510 metri del Mount Wilhelm.

L’Oceania è il quinto dei viaggi “etici” in bicicletta di Matteo Gatto, già avventuroso viaggiatore in Asia, America ed Europa.

Dopo aver esplorato l’Asia nel 2012 e nel 2014 con il viaggio in India, Tibet e Nepal, si è dedicato alle Americhe, dopo una fruttuosa esperienza maturata nel 2016 in Patagonia, per arrivare all’Europa, con il Social Ride da Senigallia ad Alessandria, compiuto nel 2016.

Questo viaggio è iniziato dal centro dell’isola, da Mount Hagen alla volta del monte Wilhelm, la massima vetta dell’Oceania. Ad un primo tragitto in mountain bike, ad  un’altitudine di circa 2800 metri, è seguita una parte di trekking, per raggiungere la destinazione e conquistare un altro bel risultato.

Al centro di tutto l’isola, ma non solo. “Avere foto e video di qualità per la purezza e l’integrità dell’ambiente, oltre al le particolare etnie che popolano l’isola, è una cosa che mi sta molto a cuore – commenta Matteo Gatto. Preparazione, costanza, impegno, empatia, determinazione sono tutti punti cardine da cui non si può prescindere, nella programmazione di un simile viaggio”.

La vetta del Monte Wilhelm e tutta la Papua Nuova Guinea hanno rispettato, se non addirittura superato, le aspettative di essere una delle destinazioni più remote, misteriose e affascinanti del nostro pianeta.

Viaggio “etico” in quanto per Matteo Gatto e per l’associazione RAID4AID, tale iniziativa fa parte di un progetto benefico denominato “Adozione a KM 0: solidarietà, rete, genitorialità”, promosso dal Comitato Colibrì e dall’Associazione Don Angelo Campora, a sostegno di bambini fino a sei anni provenienti da famiglie in difficoltà economica, residenti nell’area della provincia di Alessandria; il progetto è finanziato da Fondazione SociAl, Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, Fondazione Cassa di Risparmio di Torino.

L’incontro valenzano è organizzato dall’Assessorato al Turismo, con la partecipazione della Camera di Commercio, Alessandria città delle biciclette, Associazione “Raid 4 aid”, Panathlon International, Alessandria Film Festival e Circolo Velocipedisti Alessandrino.

Pubblicità