Gran finale per Echos 2018

Il viaggio della 20 edizione del Festival “Echos 2018. I Luoghi e la Musica”, iniziato il 28 aprile a Valenza con il Quintetto d’archi dei Berliner Philharmoniker, si conclude il prossimo weekend con tre eccellenti musicisti provenienti da Germania, Bulgaria e Portogallo. Sabato 16 giugno alle ore 17.00, all’Abbazia di Rivalta Scrivia, recital di uno dei migliori violoncellisti tedeschi, Alexander Hulshoff. Domenica 17 sempre alle 17.00, nella Chiesa dell’Assunta a Grondona, concerto della violinista Lilia Donkova con il fisarmonicista Gonçalo Pescada.

Alexander Hülshoff si è affermato negli ultimi anni come uno dei violoncellisti più noti a livello internazionale. Le sue interpretazioni spiccano per la qualità espressiva e per un inconfondibile tono lirico e caldo, molto apprezzato dal pubblico e dai suoi partner musicali. È regolarmente ospite come solista di importanti orchestre (tra cui German Radio Philarmonic, Filarmonica di Stato della Germania e Tel Aviv Soloist Ensemble) e ha suonato in prestigiose sale da concerto tra cui la Filarmonica di Berlino, il Concertgebouw di Amsterdam e la Wigmore Hall di Londra. Le tournée di concerti lo portano regolarmente in tutta Europa, nel vicino, Medio ed Estremo Oriente così come in Nord e Sud America. I numerosi CD testimoniano l’ampiezza del suo repertorio e comprendono, tra le altre, opere di Brahms, Beethoven, Schubert, Shostakovich, Bloch e Servais incise per le etichette Novalis, Naxos, Musicaphon, Brillant e VDM.

Nel magnifico spazio dell’Abbazia di Rivalta l’artista tedesco proporrà la prima tappa dell’integrale delle 6 Suites per violoncello solo di J.S. Bach; si parte con la Seconda, la Quarta e la Sesta (il secondo concerto si terrà il prossimo anno). In occasione del concerto, l’Associazione Amici dell’Abbazia di Rivalta curerà una visita guidata gratuita dell’Abbazia con inizio alle ore 15.30.

Figlia d’arte (è nipote del compositore e didatta Bentzion Eliezer) Lilia Donkova si diploma alla Royal Academy of Music di Londra. Si esibisce regolarmente come solista e camerista in tutto il mondo. Suona in sale come l’Isaac Stern e la Weill Recital Hall della Carnegie Hall a New York, la Purcell Room di Londra, la Sala Verdi di Milano, il Teatro Filarmonico di Verona e la Smetana Hall di Praga, ricevendo sempre eccellenti recensioni. Nel 2014 inizia un progetto musicale con il fisarmonicista portoghese Gonçalo Pescada e insieme hanno registrato il  CD  Simbiosi. Suona un violino italiano di Vincenzo Postiglione del 1879. Gonçalo Pescada vince il Primo Premio al Concorso Nazionale di Fisarmonica ad Alcobaça (1995) e al Concorso Internazionale “Città di Montese” (2004). Nel 2006, dopo essersi aggiudicato il Primo Premio alla Estoril Interpreters Competition in Portogallo, la sua carriera vede una svolta che lo porterà a suonare in Spagna, Francia, Regno Unito, Germania, Italia e Bulgaria. Viene invitato a festival di grande prestigio come il 33° Festival di Estoril, i Music Days a Belém (Lisbona) e il 39° Festival delle Settimane Musicali di Sofia (Bulgaria) e si esibisce in famose sale da concerto come il Grande Auditorium del Centro Culturale di Belém (Lisbona), la Bulgaria Hall e la Queen Elizabeth Hall (Londra).

Il programma che il duo proporrà per la chiusura di Echos, gioioso e scoppiettante, include celebri brani di Piazzolla, Gershwin, Gardel e Galliano. In occasione del concerto, dalle 15.30 alle 16.30 sarà aperta, a cura delle associazioni di Grondona, la Chiesa dell’Annunziata (Strada per Frazione Sezzella) con i suoi affreschi cinquecenteschi.

Echos 2018 è realizzato in collaborazione con Regione Piemonte, Fondazione CRT, Fondazione CRAL, Camera di Commercio di Alessandria e, per questi due concerti, con i Comuni di Tortona e Grondona, il Circolo Culturale Ponte Vecchio e la Pro loco di Grondona. I concerti di Echos sono a ingresso libero fino ad esaurimento dei posti. Per info: www.festivalechos.it