“Vogliamo raccontare questi luoghi bellissimi”, la Tv russa scopre il Piemonte

La passione dei russi per l’Italia, e specialmente per il Piemonte, è cosa nota. Nell’ultimo anno (nonostante le sanzioni anti-Putin) l’export regionale ha registrato un ottimo +8,7% nelle esportazioni e i prodotti gastronomici piemontesi continuano ad essere in vetta ai desideri della clientela russa. Dev’essere proprio per questo motivo che il network internazionale “RBN-Russian Broadcasting Network” ha deciso di realizzare una serie di 22 episodi, della durata di venti minuti circa ciascuno, dedicati al territorio regionale. Colline, vitigni, paesaggi mozzafiato, chiese e palazzine reali, per giorni le troupe russe si sono spostate tra Novara, Ghemme, Verbania, Stresa, i Sacri Monti di Orta e Varallo, le isole Borromee e l’isola di San Giulio, Torino, Avigliana, Superga e la Sacra di San Michele. Tutti luoghi simbolo del Piemonte, ai quali si aggiungeranno nei prossimi mesi Alessandria, il Monferrato e le restanti province, in una sorta di lunghissimo viaggio alla scoperta delle bellezze del territorio.

“Questa rappresenta senza dubbio un’occasione privilegiata per far conoscere la nostra regione a un pubblico ampissimo all’interno di un mercato, quello russo, sul quale siamo impegnati già da alcuni anni per promuovere le nostre eccellenze culturali, naturalistiche ed enogastronomiche – ha dichiarato Antonella Parigi, assessore alla Cultura e al Turismo della Regione Piemonte – Un modo per affiancare la promozione turistica tradizionale e quella, sempre più rilevante, offerta dalle produzioni audiovisive, come dimostra anche la collaborazione offerta dalle Atl del territorio e dalla nostra Film Commission”.

Ad affiancare la troupe sul territorio, in particolare per gli aspetti tecnici e logistici, sono infatti i professionisti della Film Commission Torino Piemonte, nonché le Atl e le realtà e gli enti interessati dalle riprese. “È un’ottima opportunità di fornire i propri servizi logistici ed operativi a programmi e format televisivi di grande richiamo promozionale per la Regione – ha commentato il Presidente di Film Commission Torino Piemonte, Paolo Damilano, che ha poi aggiunto -. Il lavoro della nostra Fondazione evidenzia ancora una volta come l’audiovisivo possa essere trainante per l’immagine del proprio territorio di riferimento, mostrando il legame sempre più strategico tra cinema e turismo”.

Un territorio inedito, quello piemontese, per il network russo quanto per il suo pubblico internazionale: “Siamo davvero contenti dell’organizzazione e dei risultati di questi giorni di riprese e siamo molto grati a tutti coloro che ci hanno aiutato. – ha affermato infine Yan Volkov, direttore esecutivo di RBN -. Finora conoscevamo gli itinerari italiani più noti al pubblico russo: Roma, Firenze, Venezia, Milano. Adesso vogliamo mostrare un’Italia sconosciuta, presentando ai nostri spettatori luoghi di grande bellezza di cui non avevano mai sentito parlare prima. La nostra intenzione è quella di utilizzare questi filmati per programmi televisivi storici e di viaggio che saranno trasmessi a un pubblico di lingua russa in tutto il mondo, e sono sicuro che nessuno rimarrà indifferente”.

Le puntate sulle bellezze del Piemonte saranno poi trasmesse, a partire dall’autunno di quest’anno, sui canali televisivi del gruppo, in lingua russa, con diffusione in ben 186 Paesi nel mondo.

E.C.