Riunione della Giunta Regionale

Completamento degli ospedali di Alba-Bra e Valle Belbo, messa in sicurezza delle strade provinciali, sostegno alle aziende agricole, programmazione della formazione professionale, aiuti alle imprese in difficoltà, supporto all’economia montana, nuovo disciplinare della Protezione civile, contributi per migliorare la qualità dei bar piemontesi sono stati i principali argomenti esaminati questa mattina dalla Giunta regionale nel corso di una riunione coordinata dal presidente Sergio Chiamparino.

Ospedali. Su proposta dell’assessore Antonio Saitta sono stati assegnati 25 milioni di euro all’Asl CN2 per l’allestimento tecnologico di attrezzature e apparecchiature medicali e di diagnostica e per il completamento dei lavori e la messa in esercizio del nuovo ospedale di Alba-Bra e Verduno, e 10 milioni di euro all’Asl di Asti per il completamento del presidio sanitario territoriale della Valle Belbo.

Strade provinciali. Come proposto dall’assessore Francesco Balocco, è stato approvato approvato lo schema di convenzione tra la Regione Piemonte e il Ministero delle Infrastrutture per l’erogazione del finanziamento statale di 45 milioni di euro destinato alla realizzazione di interventi di manutenzione straordinaria e messa in sicurezza delle strade provinciali. Particolare riguardo sarà dedicato alla risoluzione di criticità strutturali, all’eliminazione dei cosiddetti “punti neri” e alla misure per ridurre l’incidentalità.

Agricoltura. La misura del Programma di sviluppo rurale dedicata al miglioramento del rendimento globale e della sostenibilità delle aziende agricole viene integrata, su iniziativa dell’assessore Giorgio Ferrero, con 18,5 milioni di euro.

Sarà così possibile soddisfare le richieste di altre 306 aziende (209 di pianura e collina, 97 di montagna) che avevano presentato domanda di contributo per il bando 2017 e realizzare così investimenti che consentono di incrementare l’occupazione, ridurre i consumi idrici, potenziare il rendimento energetico e il benessere animale, evitare il consumo di nuovo suolo.

Formazione professionale. L’atto di indirizzo per la programmazione dell’offerta di istruzione e formazione professionale per il periodo 2018-2021, presentato dall’assessora Gianna Pentenero, destina 95 milioni di euro per la predisposizione di un’offerta molto articolata che si pone l’obiettivo di conseguire il successo scolastico, contrastare la dispersione, contribuire allo sviluppo socio-economico dei territori, allineare il Piemonte ai risultati dei più performanti Paesi europei.

La programmazione, che coinvolge annualmente circa 18.000 allievi tra i 14 e i 17 anni, comprende 232 percorsi triennali di qualifica, a cui si aggiungono: corsi in modalità duale ed in alternanza scuola-lavoro; percorsi con crediti in ingresso finalizzati a rilasciare una qualifica professionale e garantire occupabilità con particolare riferimento ai fabbisogni locali; percorsi annuali flessibili per svolgere funzioni di recupero, rimotivazione, orientamento professionale e propedeutiche ad un ingresso nella formazione o funzionali all’avvio di un contratto in apprendistato; percorsi formativi mirati a rilasciare un titolo di diploma professionale di tecnico (IV anno); integrazioni per disabili inseriti nei percorsi triennali e/o di qualifica.

Sostegno alle imprese. Su proposta dell’assessora Gianna Pentenero, è stata approvata, nell’ambito di una precedente convenzione tra Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali e Regione Piemonte, un’azione di sostegno alle imprese dei settori tessile, delle lavorazioni meccaniche e delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione.

L’iniziativa, finanziata con circa 4 milioni di euro, prevede contributi a fondo perduto per servizi di consulenza specialistica finalizzati alla redazione e realizzazione di piani di sviluppo e rilancio produttivo ed occupazionale di aziende in situazione di pre-crisi o di crisi reversibile (per cui sono presenti difficoltà, ma non mancano i presupposti per la continuità aziendale).

Montagna. Uno stanziamento di 1.200.000 euro consentirà, come proposto dall’assessore Alberto Valmaggia, di attuare le iniziative di competenza della Giunta riguardanti il Fondo regionale per la montagna:

– erogazione di un buono dell’importo massimo di 120 euro per contribuire al pagamento dei trasporti riservato agli alunni delle scuole medie superiori che risiedono nei Comuni montani;

– sostegno ad eventi e manifestazioni di carattere locale che valorizzano il territorio montano in ambito culturale, turistico e sportivo;

– contributi all’Uncem (50.000 euro per l’attività istituzionale), al Soccorso alpino e speleologico piemontese (50.000 per attività di formazione), all’ente di gestione delle aree protette del Monviso (12.500 euro quale compartecipazione per il Concerto di Ferragosto 2018), al CUS Torino (25.000 per il Progetto educativo sci), all’Accademia italiana di Scienza forestali (50.000 euro per organizzare il congresso nazionale di selvicoltura che si terrà a Torino dal 5 al 9 novembre prossimi), all’Atletica Susa (15.000 per il progetto Montagna Tricolore), al Comune di Oulx (17.500 euro per “Bosco e territorio, fiera nord-ovest”).

Protezione civile. Via libera, su proposta dell’assessore Alberto Valmaggia, al nuovo disciplinare riguardante il sistema di allertamento per i rischi prevedibili e la risposta del sistema regionale di Protezione civile. Le principali novità introdotte dal presente disciplinare sono: l’adozione della tabella degli scenari di rischio meteoidrologico e idraulico di riferimento nazionale; la distinzione tra bollettino di allerta, basato sugli scenari di rischio attesi e sugli effetti e danni, e bollettino di vigilanza meteorologica; l’introduzione del rischio valanghivo nel bollettino di allerta; la definizione di un bollettino di monitoraggio e sorveglianza; la definizione delle fasi operative e l’indicazione delle relative azioni di protezione civile da adottare in corso di evento o suo preannuncio dalle diverse autorità del sistema; il modello di dichiarazione della fase operativa nel corso di un evento o suo preannuncio. Dal 1° dicembre 2018 e per i successivi sei mesi sarà attuata una fase di applicazione sperimentale dei nuovi contenuti al fine della messa a regime. Inoltre, nel prossimo autunno saranno organizzati dei momenti di presentazione del disciplinare alle Prefetture, alle Province e ai Comuni.

Contributi ai bar. Su proposta dell’assessora Giuseppina De Santis sono stati definiti i criteri per la concessione di contributi agli esercizi iscritti nel percorso di qualità “Best bar in Piemonte”, che si avvale di una dotazione di 500.000 euro. Il progetto intende favorire il potenziamento e l’affinamento delle competenza degli esercenti dei bar piemontesi in modo da assicurare al consumatore la qualità del servizio offerto, dei prodotti utilizzati e della professionalità dell’organizzazione.

La Giunta ha inoltre approvato:

– su proposta degli assessori Francesco Balocco e Alberto Valmaggia, le disposizioni per l’attuazione nel settore urbanistico del Piano di gestione del rischio alluvioni ed i criteri per la redazione del quadro del dissesto da parte dei Comuni che non hanno ancora provveduto ad adeguare il piano regolatore al Piano per l’assetto idrogeologico del Po;

– su proposta dell’assessora Giuseppina De Santis, il programma 2018-2019 degli interventi per la promozione delle imprese artigiane tramite la partecipazione e fiere e manifestazioni settoriali di livello nazionale e internazionale, nonché il rafforzamento del marchio “Eccellenza artigiana” come fattore di valorizzazione e riconoscibilità delle imprese e di garanzia per il consumatore;

– su proposta dell’assessore Giorgio Ferrero, lo statuto dell’associazione di irrigazione e bonifica Est Sesia, nonché la continuazione dell’erogazione agli ambiti territoriali di caccia e ai comprensori alpini del contributo per il risarcimento dei danni in agricoltura da fauna selvatica subiti fino al 31 dicembre 2018;

– su proposta dell’assessora Antonella Parigi, la nomina di Massimo Bray quale presidente della Fondazione Circolo dei Lettori;

– su proposta dell’assessora Gianna Pentenero, l’atto di indirizzo per l’attuazione degli interventi riguardanti il diritto allo studio, che viene ora sottoposto all’esame del Consiglio regionale;

– su proposta degli assessori Alberto Valmaggia e Giorgio Ferrero, lo schema di protocollo d’intesa per la ratifica delle azioni e degli impegni concertati tra i soggetti pubblici e privati del settore agricolo per ridurre l’immissione nell’ambiente dei nutrienti e favorire così il raggiungimento degli obiettivi del Piano di gestione del distretto del Po mediante un uso agronomico sostenibile degli effluenti zootecnici, del digestato e dei fertilizzanti, con particolare attenzione alle zone vulnerabili dai nitrati di origine agricola;

– su proposta dell’assessore Alberto Valmaggia, i piani di gestione dei siti della Rete Natura 2000 Laghi di Viverone, Lago di Bertignano, Stagni di Poirino-Favari, Scarmagno-Torre Canavese, Peschiere e Laghi di Pralormo, Monte Musinè e Laghi di Caselette.