Camperio ha firmato dal notaio. La Borsalino è salva

Dopo l’ok da parte del tribunale, mancava solo un piccolo dettaglio per il salvamento della Borsalino: l’atto di vendita.

La cessione è avvenuta ieri pomeriggio nello studio del notaio Luciano Mariano in Alessandria. L’imprenditore svizzero Philippe Camperio, però, non era presente. Ha firmato per procura il suo legale.

Questo atto, spiega Camperio in un comunicato, “mette fine a tre anni di duro lavoro, ma soprattutto apre la strada all’esecuzione del piano di rilancio dell’azienda che Haeres aveva comunicato di voler implementare già tre anni orsono. Voglio ringraziare le istituzioni alessandrine, gli organi della procedura, i nostri dipendenti e tutte le persone che hanno collaborato con me ed Edouard Burrus a rendere possibile il raggiungimento di questo risultato. Ora dobbiamo tutti concentrarci sul futuro di questa glorioso azienda”.