Premio Acqui Storia: 20 ottobre 2018

Le Giurie del Premio Acqui Storia, riunitesi in Acqui Terme, hanno designato i vincitori della 51° edizione del Premio. Nato nel 1968 per onorare il ricordo della “Divisione Acqui” e i caduti di Cefalonia nel settembre 1943, questo Premio è divenuto in questi ultimi anni uno dei più importanti riconoscimenti europei nell’ambito della storiografia scientifica e divulgativa, del romanzo storico e della storia al cinema ed in televisione, ottenendo un importante rilancio scientifico, culturale e mediatico ed una grande visibilità internazionale.

La Giuria della sezione storico-divulgativa, che annoverava ben 75 volumi in concorso, ha decretato la vittoria di Emilio Gentile con il volume “25 luglio 1943”, Editori Laterza.

Adélaïde De Clermont-Tonnerre, con ” L’ultimo di noi “, Sperling & Kupfer ha vinto i 6500 euro in palio per la sezione del Romanzo Storico, cui erano giunte 44 opere letterarie.

La Giuria della sezione scientifica, sui 37 volumi presentati, ha proclamato la vittoria di Guido Melis con il volume “La macchina imperfetta. Immagine e realtà dello Stato fascista”, Il Mulino e di Cesare Panizza con il volume “Nicola Chiaromonte. Una biografia”, Donzelli Editore.

La cerimonia di premiazione della 51° edizione del Premio Acqui Storia è in programma sabato 20 ottobre alle ore 17.00 presso il Teatro Ariston di Acqui Terme, Piazza Matteotti. Sarà condotta da Roberto Giacobbo, giornalista, docente universitario, conduttore ed autore televisivo di programmi televisivi di successo quale “Voyager – Ai confini della conoscenza”, e sarà il culmine di un intenso programma di eventi.

Questa edizione intende coinvolgere gli studenti degli Istituti superiori del territorio organizzando un incontro dedicato interamente a loro con la regia e la conduzione eccezionale del professor Roberto Giacobbo il quale, prendendo spunto dai lavori realizzati dagli studenti per il progetto Laboratori di Lettura 2018, approfondirà alcuni temi storici proponendo un singolare momento formativo. L’incontro avrà luogo venerdì 19 ottobre alle ore 10.00 presso il Teatro Ariston di Acqui Terme.

Nel pomeriggio di venerdì 19 ottobre alle ore 17.00 presso la Sala Conferenze Ex Kaimano, Via Maggiorino Ferraris avrà luogo la presentazione del libro “Cefalonia. Il processo, la storia, i documenti” di Marco De Paolis – Viella Editore.

La mattina del 20 ottobre saranno presenti gli Autori vincitori del Premio Acqui Storia 2018 che, dopo un incontro informale alle ore 9,30 con il pubblico presso lo storico Caffè Leprato, presenteranno i loro volumi alle ore 10,30 presso la Sala Conferenze Ex Kaimano in via Maggiorino Ferraris proponendo un dibattito aperto con la presenza di alcuni giurati del Premio. Nel pomeriggio il Mercatino del Libro di Storia proporrà i testi del Premio con stand in Piazza Matteotti (Portici Via XX Settembre in caso di pioggia) che accoglieranno il numeroso pubblico a partire dalle ore 14,00 in attesa della cerimonia finale di premiazione.

La cerimonia prevede, oltre alla presenza dei vincitori delle tre sezioni librarie, le personalità insignite dei premi speciali “Testimone del Tempo”, “La Storia in TV” ed il Premio alla Carriera. L’assegnazione del premio Testimone del Tempo 2018, che rappresenta il momento più prestigioso della manifestazione, vedrà calcare il palco del Teatro Ariston tre figure di straordinario rilievo nel panorama artistico e culturale contemporaneo: l’attrice simbolo del Cinema italiano Gina Lollobrigida, il maresciallo dei carabinieri Antonio Brunetti, unica doppia Medaglia d’Oro vivente per Atti di Valore contro il terrorismo e il Procuratore Generale Militare presso la Corte Militare d’Appello di Roma Marco De Paolis.

Il Premio “La Storia in TV” viene consegnato al giornalista RAI Michele Ruggiero per i suoi servizi realizzati sulla Grande Guerra.

Il Premio speciale “Alla Carriera”, istituito nel 2009, verrà conferito a Francesco Margiotta Broglio, professore ordinario di Storia e sistemi dei rapporti tra Stato e Chiesa alla Facoltà di Scienze Politiche “Alfieri” dell’Università di Firenze.

Sarà inoltre dedicato un momento della cerimonia ad un reduce dell’isola di Cefalonia, che sarà accompagnato da un rappresentante dell’Associazione Nazionale Divisione Acqui, per ricordare il terribile eccidio consumato dai tedeschi nei confronti dei soldati italiani e greci, nella speranza che la memoria storica costituisca uno dei fondamenti del progresso morale, culturale e sociale della nazione.

“Fin dalla sua prima edizione il Premio Acqui Storia ha legato la sua fortuna ad Acqui Terme, non solo questa terra ha avuto l’onore di vederlo nascere ma anche di constatarne, dopo oltre mezzo secolo di attività, il successo che lo ha portato a essere uno tra i più prestigiosi premi del nostro Paese. Produzioni letterarie di altissimo livello ricevono qui tra la nostra comunità un alto riconoscimento. È mia ferma intenzione riportare ai valori originali questo Premio, cercando con l’impegno di tutti di consolidarlo e innovarlo.” ha dichiarato il Sindaco di Acqui Terme Lorenzo Lucchini.

“Desidero complimentarmi con l’Amministrazione Comunale di Acqui Terme, con le giurie e con l’organizzazione del Premio Acqui Storia per l’alto livello raggiunto, la qualità delle opere premiate, l’autorevolezza dei destinatari prescelti per l’assegnazione dei premi speciali. – afferma il Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, Pier Angelo Taverna – Questa 51° edizione attesta ancora una volta l’attenzione che il mondo letterario e dell’editoria rivolgono al Premio, il rilievo internazionale conseguito, l’interesse che il genere storico continua a riscuotere tra il pubblico. E’ un terreno fertile quello in cui si è sviluppato il Premio, cui hanno fatto seguito il Premio Acqui Ambiente, il concorso internazionale di poesia Città di Acqui, le mostre d’arte, Acqui in Palcoscenico e le altre qualificanti iniziative culturali che Acqui Terme ha saputo coltivare valorizzando le eccezionali caratteristiche turistiche e termali del suo territorio”.

“Questo concorso letterario offre un’occasione di confronto su temi controversi e contribuisce a sviluppare una memoria riconosciuta, laddove non si possa ritenere ancora condivisa, su fatti tragici che hanno segnato la nostra storia e ancora oggi sono oggetto di studio. Con la cerimonia di premiazione si giunge al momento più atteso da tutti coloro che hanno nella memoria ben impresso il ricordo delle giovani vite spezzate nelle isole greche. Durante l’anno il Premio ha patrocinato e organizzato molti momenti di riflessione sulla Storia Patria con l’intento di trasmettere ai giovani non solo la conoscenza di un passato relativamente recente, ma anche di comunicare loro il senso del rispetto dovuto a chi si è sacrificato anche per il loro futuro.” – ha rimarcato l’Assessore alla Cultura Alessandra Terzolo.”

Negli ultimi anni hanno calcato il Teatro Ariston di Acqui Terme per ritirare i premi Carlo Verdone, Pupi Avati, Folco Quilici, Enrico Vanzina, Pier Francesco Pingitore e Claudia Cardinale, Stefano Zecchi, Mario Cervi, Giuseppe Vacca, Bruno Vespa, Maurizio Molinari, Vittorio Feltri, Ezio Greggio, Livio Berruti, Marcello Veneziani, Gabriella di Savoia, Uto Ughi, Gianpaolo Pansa, Valerio Massimo Manfredi, Franco Battiato, Massimo Ranieri, Simone Cristicchi, Maurizio Belpietro, Franco Cardini, Mario Orfeo, Paolo Isotta, Pietrangelo Buttafuoco, Dario Ballantini, Gigi Marzullo, Piero Angela, Antonio Patuelli, Giorgio Albertazzi, Italo Cucci, Giuseppe Galasso e tanti altri.

Il Premio Acqui Storia ha ottenuto nel tempo il patrocinio del Presidente della Repubblica Italiana, del Presidente del Consiglio, del Presidente del Senato, del Presidente della Camera dei Deputati e del Ministero per i Beni e le Attività Culturali ed è sostenuto dai suoi enti promotori la Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, massimo Ente finanziatore del Premio, la Regione Piemonte, la Fondazione Cassa di Risparmio di Torino, il Comune di Acqui Terme, cui fa capo la concreta organizzazione della manifestazione.