Simone Sanò vince la Maglia Etica 2018

Due riscontri geograficamente significativi hanno accompagnato l’appuntamento con la maglia etica-antidoping all’86° Circuito Molinese: per la prima volta dall’introduzione, nel 2014, e’ stata una formazione alessandrina, il team Overall, a conquistare la casacca radicandone cosi’ la mission nell’area in cui la gara e’ disegnata. Parallelamente il siciliano Simone Sano’, primo a transitare al traguardo volante etico del penultimo giro, ha interrotto il dominio finora indiscusso dei corridori del Nord, veicolando cosi’ su base molto piu’ ampia il messaggio virtuoso di prevenzione per la salute diffuso dall’iniziativa attraverso l’effettuazione di test volontari al termine delle competizioni.

Sano’, passista-scalatore brevilineo emigrato da tempo a Gallarate, in provincia di Varese, per costruirsi una dimensione a due ruote, interpreta in modo molto sereno la sua esperienza sportiva: ”Il ricorso al doping non aiuta affatto: anzi e’ un percorso deleterio perche’ chi lo utilizza non colma certo il gap coi migliori ma al contrario si procura serissimi guai alla salute. Meglio allenarsi di piu’, affrontare completamente i sacrifici che la vita in bicicletta impone: si guadagna in serenita’ con se stessi al di la’ dei risultati raggiunti. La maglia etica comprova questo modo di approcciare l’agonismo ed e’ un simbolo da condividere in pieno”.

Simone, messinese di Milazzo, 21 anni appena compiuti, non ha idoli particolari ma assorbe gli input importanti trasmessi dai grandi del ciclismo: ”Nel 2019 completero’ il quadriennio da dilettante Under23 proseguendo nel dare il meglio di me stesso. Finora le vittorie non sono arrivate ma non dispero, poi faro’ un bilancio. Per diventare un corridore ho lasciato la scuola al terzo anno di liceo artistico. Se decidessi di chiudere con le corse c’e’ sempre l’alternativa dell’azienda di distribuzione bevande della mia famiglia a cui potrei essere utile”.

L’abbraccio sul podio della premiazione di Franco Balmamion, vincitore dei Giri d’Italia 1962-1963, e’ stato un sicuro stimolo in piu’ per Sano’ alla sua crescita.

Crescita che accompagna anche la maglia etica attraverso sponsor di livello come Guala DIspensing di Alessandria, Salumificio Miglietta di Madonnina di Crea (Al) a cui si e’ affiancata la new entry della Cantina Hic et Nunc di Vignale Monferrato (Al) come spumante ufficiale per il vincitore del traguardo a tutela della salute