Tortona, si mette in sicurezza la linea ferroviaria dall’IPER

Dopo i primi interventi per la salvaguardia del cavalcaferrovia in zona IPER – strada per Castelnuovo, consistenti nella deviazione del traffico superiore a 35 quintali, si è in attesa delle verifiche strutturali e degli esiti delle analisi condotte dai tecnici.

Nel frattempo la problematica della facilità di accesso ai binari ferroviariari in alcuni tratti della linea Voghera – Tortona sta trovando soluzione.

Qualche tempo fa era emerso che, in diversi punti, la rete ferroviaria era facilmente accessibile a chiunque, infatti le recinzioni di protezione in cemento o le siepi di delimitazione erano state divelte o erano scomparse per l’usura del tempo. Molte persone approfittavano della mancanza di separazione tra i binari e le strade per attraversare e semplificare i percorsi. Naturalmente l’attraversamento indiscriminato dei binari poteva comportare problemi per la sicurezza. Tale situazione è riscontrabile in diverse zone.

Le proteste dei cittadini giustamente preoccupati dalla pericolosità della mancanza di separazioni hanno indotto RFI (rete ferroviaria italiana) ad eseguire lavori di messa in sicurezza.

Da alcuni giorni sono in corso lavori di ricostruzione delle barriere ferroviarie nella zona del cavalcaferrovia esistente nel tratto tra la rotonda Oasi e la rotonda per Castelnuovo. La zona scelta per questo primo intervento non è casuale ma mira anche a limitare eventuali pericoli e danni dovuti dall’accesso di persone non autorizzate e di curiosi in prossimità della base del cavalcaferrovia, inoltre con i lavori si eliminano i pericoli per bamibini e cittadini.

I lavori in corso hanno comportato il disboscamento e la pulizia delle erbacce e degli alberi cresciuti spontaneamente. Successivamente è stato scavato nella banchina un lungo fossato di separazione tra la linea ferroviaria e la strada; in tal modo le rotaie sono state rese di difficile accesso.

Infine lungo tutta la strada costeggiante la ferrovia verrà posta in opera una recinzione in pannelli di cemento prefabbricato: recinzione che ricalca il tradizionale e storico standard FS.

I cittadini stanno apprezzando i lavori in corso per la sicurezza ma lamentano che non verranno poste in opera barriere antirumore. Si spera che RFI prima o poi provveda anche a ridurre l’inquinamento sonoro.