La Evo Elledue vince la battaglia di San Mauro

La Folgore San Mauro-EVO Elledue 2-3 (23-25 / 22-25 / 28-26 / 25-23 / 14-16)

EVO Elledue: Dell’Oste Alice (K) 4, Del Nero 3, Furegato 24, Farina 12, Fracchia 21, Gatti 1, Deambrogio 11, Corino, Falabrino 1, Imarisio (L). All: Ruscigni.

Le chiavi di lettura al termine di una partita come questa possono essere molte. Punto perso? Vittoria guadagnata? E’ l’eterno dilemma per chi viene coinvolto da un’altalena di risultati come quella di sabato scorso a San Mauro Torinese. Resta il fatto che il match Folgore-EVO Elledue non ha fatto altro che riproporre (a parti invertite) quello che avevamo visto al debutto contro L’Alba Volley. Coach Ruscigni non può disporre di Dondi (infortunata) e di Chizzotti. Recuperate Gatti e Del Nero. Il sestetto di partenza vede all’opera Del Nero, Furegato, Fracchia, Farina, Dell’Oste, Deambrogio e Imarisio (libero). Le arancioni di casa giocano per riscattare lo 0-3 subito a Bra nel primo turno e fin dalle prime battute appaiono grintose e determinate. L’EVO Elledue serve bene e soprattutto, riceve benissimo. Imarisio ha percentuali da sogno e le manterrà fino alla fine. Ospiti in vantaggio per 12-15 e padrone di casa in recupero fino al 15-16. Fracchia e Furegato per il break che regala tre set-point consecutivi: 21-24. La Folgore ne annulla due prima di capitolare per mano di Dell’Oste. Simile l’andamento nella seconda frazione. Si lotta su tutti i palloni e si difende alla grande. Del Nero ed Imarisio tracciano la via che porta al due a zero, ma occorre faticare rimanendo concentrati fino alla fine (22-25). Le arancioni di casa non sono per nulla intimorite dal doppio svantaggio e cercano in tutti i modi di riaprire la gara. Terza frazione vietata ai deboli di cuore. L’EVO Elledue conquista due match-point, ma in entrambe le occasioni fallisce l’appuntamento con il fatidico ultimo pallone. La distribuzione si inceppa e il muro di casa è pronto ad opporsi a Furegato. L’attaccante della Elledue viene servita a ripetizione e alla lunga cede alla fatica ed al muro avversario. La Folgore chiude il terzo set sul 28-26. Nel quarto la EVO sembra essersi lasciata alle spalle la confusione che ha rianimato le torinesi. Sul punteggio di 11-17 si vede il traguardo, ma purtroppo rimane un miraggio. Boffi e Bosticco non sbagliano un colpo e nella metà campo ospite arriva un’ospite inattesa: la frenesia. L’evidente nervosismo annebbia le idee alle ragazze di coach Ruscigni. Corino, Falabrino e Gatti entrano nel match, ma non riescono ad evitare il 25-23 che porta al tie-break. Seconda gara consecutiva che si decide al quinto set. Meglio la Folgore fino al 9-6, poi ci pensa Martina Fracchia con una sequenza di sei punti a zero. Sul 9-12 La Folgore inizia a vacillare. EVO avanti per 11-14 e padrone di casa brave ad annullare altri tre match-point. Dell’Oste conquista l’ennesima occasione con una conclusione in parallela e Fracchia mette il punto esclamativo (14-16) ad una prestazione da migliore in campo.