“Senti cara Nineta”, a Quargnento un concerto in ricordo del 100° Anniversario della fine della Prima Guerra Mondiale

Domenica 4 novembre 2018, alle ore 21,15, il Comune di Quargnento, in collaborazione con il Coro Montenero della Sezione ANA di Alessandria e la compagnia teatrale TEATRO INSIEME diretta da Silvestro Castellana, presenta lo spettacolo “Senti cara Nineta” in occasione della chiusura delle celebrazioni per i 100 anni dalla fine della Prima Guerra Mondiale.

La rappresentazione si svolgerà nella chiesa, non più adibita al culto, della SS Trinità di Quargnento, splendidamente recuperata e aperta al pubblico per la prima volta nel marzo scorso. Dopo aver ospitato concerti, convegni, commemorazioni ed esposizioni pittoriche, nell’occasione il Coro Montenero, diretto dal maestro Roberto Sacco, farà risuonare le volte della chiesa con le note dei suoi canti mentre la compagnia teatrale reciterà un testo, appositamente composto, con letture di missive da e per il fronte, di proclami reali ed altri documenti storici; nel contempo suggestive immagini accompagneranno le note e le parole.

Il concerto sarà l’occasione per ricordare i 15 milioni di morti, i 20 milioni di feriti di quella guerra ed in particolare i 651.000 militari italiani caduti sul fronte, tra i quali i 38 quargnentini, ma anche i 589.000 civili nostri compatrioti che hanno perso la vita per tragedie legate agli eventi bellici di quei tragici 4 anni.

Con le parole “Senti cara Nineta” comincia un canto degli alpini in partenza per il fronte; lo spettacolo permetterà di ascoltare alcuni canti alpini e, grazie alle diapositive recanti lettere e fotografie dal fronte illustrate dagli attori, di ripercorrere il periodo della guerra 15-18 fino all’armistizio di Villa Giusti del 4 novembre 1918, che completò il processo di unificazione del nostro Paese iniziato con le guerre d’indipendenza dell’ottocento.

Spiega il Presidente Bruno Penna “il 4 novembre è anche la giornata delle Forze Armate e l’ultima parte dello spettacolo ricorderà a tutti l’impegno dei nostri militari impegnati tutt’oggi in decine di “Missioni di pace” in ogni parte del mondo. Purtroppo, in questi anni, troppe volte abbiamo dovuto assistere al triste ritorno delle bare dei nostri soldati avvolti in una bandiera tricolore e proprio dall’ultima lettera di Matteo Miotto, 24 anni da Thiene, morto in Afganistan il 31 dicembre 2010, il coro Montenero ha tratto il testo dello struggente canto ‘Il nonno mi diceva’ con le musiche composte dal maestro Marco Santi, direttore del coro per oltre 20 anni.”

Così il Sindaco Luigi Benzi “Per ricordare i nostri caduti e l’importante ricorrenza nel 100° anniversario l’Amministrazione Comunale ha voluto organizzare qualcosa di speciale, esattamente come tre anni fa in occasione del centenario dell’inizio della Prima Guerra Mondiale; nonostante lo spettacolo sia di domenica sera confido nella partecipazione dei più giovani, soprattutto gli studenti delle scuole medie classe terza che hanno l’argomento nel programma scolastico”.