Al Gavazzana Blues Festival concerto del duo austriaco Minerva

Continua la rassegna musicale del Gavazzana Blues Festival con il giovane Duo Minerva, composto da Johanna Gossner (clarinetto) e Damian Keller (fisarmonica), che si esibirà lunedì 5 novembre alle 21:30 nelle Cantine di Casa Sterpi a Gavazzana.

Di ritorno dal 19esimo Concorso Internazionale di Musica di Osaka, Giappone, in cui si è aggiudicato il terzo posto, il Duo Minerva arriva in Italia per un sensazionale concerto dalle atmosfere balcaniche che diletterà tutti gli appassionati dei generi blues, folk e klezmer. Il Duo al momento usufruisce della borsa di studio della Fondazione Tsuzuki, ottenuta al 16esimo Concorso Fidelio di Musica e Arte dell’Università privata della città di Vienna, ed è attivo anche nel mondo della musica classica, ambiente in cui i giovani musicisti si sono formati:

Johanna, infatti, nata nel 1996 a Kitzbühel, in Tirolo, ha iniziato lo studio del clarinetto con Christian Egger presso la scuola di musica Brixental e con Max Bauer presso il Conservatorio di Innsbruck. Nel 2015 si è iscritta alla Music and Arts University di Vienna, dove ha studiato con Alexander Neubauer.
Risulta vincitrice del Concorso Prima La Musica e del 5° Concorso Musicale Internazionale, che si è tenuto a Palmanova, in Italia. Johanna ha suonato nelle Orchestre del Wiener Concert-Verein e del Wiener Symphoniker. Dal 2017 è membro dell’Orchestra sinfonica “Ton der Jugend” di Vienna.

Damian, invece, è nato nel distretto di Bregenz (AT) nel 1995 e ha ricevuto le sue prime lezioni di fisarmonica all’età di sette anni con Hans Casera alla Music School Hard e dal 2007 alla Rheintal Music School Lustenau con Heinz Aberer. Nel 2009 ha superato l’esame di ammissione al Conservatorio di Stato di Vorarlberg a Feldkirch e ha frequentato la scuola di grammatica musicale Schillerstraße Feldkirch, dove si è laureato nel 2014. Keller ha iniziato una collaborazione artistica con la compositrice iraniana Alireza Toghiyani, con la quale si è esibito nel 2017 al festival “Porto Franko” a Ivano-Frankivsk (Ucraina).

I due briosi musicisti, da una parte, possiedono una formazione classica, in cui la preparazione dell’esecuzione è fondamentale, dall’altra, il loro spirito “blues” molto coinvolgente, fatto di movimenti sinuosi, coordinati e ammiccanti, sorprenderà tutti coloro che decideranno di andare ad ascoltarli nel loro concerto di debutto in Italia.