Spacciava vicino ad un supermercato di Acqui, arrestato un 19enne albanese

I Carabinieri dell’Aliquota Operativa del NOR di Acqui, unitamente ai colleghi della Stazione di Sezzadio, hanno tratto in arresto in flagranza di reato CELA ORTIS, 19enne albanese, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Nella serata di ieri, un privato cittadino segnalava al 112 un’autovettura sospetta nei pressi di un supermercato di Acqui Terme.

La Centrale Operativa inviava immediatamente le due pattuglie che, individuato il veicolo, ne controllavano gli occupanti: due ragazzi albanesi appena maggiorenni, incensurati, rivelatisi normali clienti del supermercato, doveva avevano appena effettuato la spesa. Tuttavia l’atteggiamento tenuto durante il controllo insospettiva i Carabinieri, in particolare per la reticenza del 19enne a riferire alcuni dati personali tra cui il domicilio. Il ragazzo, risultato formalmente residente presso una comunità per minori di Acqui Terme, dove effettivamente aveva vissuto per un periodo durante la minore età, si scopriva domiciliare altrove. A quel punto, i militari procedevano a una perquisizione dell’abitazione per verificare il motivo di quell’atteggiamento, rinvenendo quasi 200 grammi di marijuana, di cui alcuni già suddivisi in dosi, oltre a materiale per il confezionamento e la pesatura. Nella disponibilità dell’altro giovane è invece stata rinvenuta una dose di cocaina, che ne ha determinato la segnalazione alla Prefettura quale assuntore.

Nei confronti del 19enne, i Carabinieri hanno proceduto all’arresto in flagranza di reato con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio e, su disposizione del P.M., alla restrizione presso la sua abitazione in regime di arresti domiciliari.