Riunione della Giunta Regionale

Sostegno alle imprese piemontesi e criteri per l’applicazione della legge sul riuso del suolo sono stati i principali argomenti esaminati questa mattina dalla Giunta regionale nel corso di una riunione coordinata dal vicepresidente Aldo Reschigna.

Sostegno alle imprese. Come proposto dall’assessora Giuseppina De Santis, all’interno del programma pluriennale per le attività produttive 2018-2020 verrà attivata una nuova misura per sostenere il sistema di garanzie per l’accesso al credito delle piccole e medie imprese piemontesi tramite l’integrazione dei fondi rischi dei Confidi.

La misura, finanziata con 7 milioni di euro, prevede l’obbligo per i Confidi destinatari delle risorse da imputare ai propri fondi rischi di concedere nuove garanzie alle pmi a condizioni economiche più vantaggiose e a fronte di finanziamenti destinati a promuoverne il consolidamento e lo sviluppo.

E’ stato anche deciso di destinare 290.000 euro per contribuire alla partecipazione delle imprese artigiane a fiere ed esposizioni di carattere nazionale e internazionale durante il 2019, e di integrare con 45.000 euro le risorse (250.000 euro) stanziate per lo stesso scopo per quanto riguarda il 2018.

Applicazione delle legge sul riuso del suolo. Sono stati definiti, su proposta degli assessori Alberto Valmaggia, Giuseppina De Santis e Francesco Balocco, i parametri tecnici, i criteri e le premialità per la realizzazione degli interventi previsti dalla legge regionale n.16/2018, riguardante la limitazione del consumo del suolo, la riqualificazione degli edifici esistenti sotto i profili della sicurezza statica e della prestazione energetica, il miglioramento della qualità ambientale, paesaggistica ed architettonica del tessuto edificato.

Tali requisiti sono articolati in funzione della complessità dell’intervento e riguardano la ristrutturazione edilizia con ampliamento, la certificazione della sostenibilità ambientale ed energetica, il recupero funzionale dei rustici, la rigenerazione urbana, la deimpermeabilizzazione dei suoli, la demolizione selettiva e il recupero dei materiali prodotti, la bonifica del suolo. L’obiettivo è promuovere il ricorso a soluzioni capaci di superare il livello standard di progettazione a vantaggio di interventi davvero innovativi dal punto di vista della sostenibilità urbana.

In tale contesto si inserisce il sistema di valutazione della sostenibilità degli interventi in edilizia denominato “Protocollo ITACA – Regione Piemonte – Edifici”, proposto dagli assessori Alberto Valmaggia, Giuseppina De Santis e Augusto Ferrari e che definisce gli standard tecnici per l’edilizia residenziale e quella non residenziale (attività ricettive, industriali, artigianali, direzionali, scolastiche, ricreative e sportive).

La Giunta ha inoltre approvato:

– su proposta degli assessori Francesco Balocco e Alberto Valmaggia, il parere positivo sulla compatibilità ambientale del progetto di adeguamento della diga sul torrente Anza a Ceppo Morelli (VC), presentato da Edison Spa;

– su proposta dell’assessore Augusto Ferrari, l’autorizzazione all’ATC del Piemonte Sud per l’utilizzo diretto di 500.000 euro per un intervento di manutenzione straordinaria sui fabbricati di edilizia residenziale ubicati nella frazione Spinetta Marengo di Alessandria;

– su proposta dell’assessore Giorgio Ferrero, la sospensione della caccia a cortunice e fagiano di monte nei comprensori alpini CN1 e CN2 a seguito della relazione tecnica sull’andamento dei prelievi;

– su proposta dell’assessora Gianna Pentenero, lo schema di protocollo d’intesa triennale tra Regione Piemonte, Ufficio scolastico regionale e Fondazione per l’educazione finanziaria e al risparmio per la realizzazione di attività didattico-formative sull’educazione finanziaria rivolta alla scuole e alle agenzie formative piemontesi;

– su proposta dell’assessore Antonio Saitta, la nomina di Anna Guermani, della struttura complessa Anestesia e Rianimazione 2 dell’azienda Città della Salute e della Scienza di Torino, quale coordinatore regionale delle donazioni e dei prelievi fino al 31.7.2023.