Araldica Vini Rombi Escavazioni battuta a Novara

ARALDICA VINI ROMBI ESCAVAZIONI – ALIBI SCURATO NOVARA 1-3 (25/21, 11/25, 23/25, 19/25)

ARALDICA VINI ROMBI ESCAVAZIONI: Zenullari, Sacco, Bobocea, Lombardi, Maló, Passo, Raimondo (L), Garzero, Narzisi, Pastorino, Boido (L). N.e.: Moretti. All. Volpara.

Partita combattuta ma ancora all’insegna della discontinuità per le ragazze della serie D acquese di coach “Spina” Volpara. La gara parte con le novaresi che si portano subito avanti. Le acquesi, dopo una breve fase di inseguimento si portano pari ai quattro, botta e risposta e poi allungano sino al 12-5 guidate da Zenullari in battuta che piazza anche alcuni ace. Botta e risposta e poi ancora Acqui Terme in avanti sino al 16-7 dopo i quali l’Alibi Scurato accorcia di cinque. Nonostante gli accorci delle novaresi che si portano a meno due sul 23/21, le ragazze di Volpara sono brave a tenersi avanti, chiudendo successivamente con un tocco di Maló ed una battuta avversarie fuori. Secondo set da dimenticare, invece, per le termali, che sbagliano tantissimo, e che dopo pochi istanti sono già sotto cinque a zero arrivando poi a totalizzarne solamente undici. Partenza sotto anche nel terzo set per le termali che, però, riescono ad inseguire pareggiando ai nove. Punto a punto pressoché continuo fino ai 17, dopo i quali le novaresi si portano avanti sino al 21/17. Grande reazione dell’Araldica Rombi che, guidate da Lombardi tornano in carreggiata e con Bobocea si portano sul 22-21. Controreazione novarese che si portano a 24; speranze ancora accese per le locali dopo il primo match point fallito, ma poi chiusura delle avversarie. Nel quarto set nuovamente Alibi Scurato in avanti ed Araldica Rombi poco dietro ad inseguire. Punto a punto dai cinque ai nove, poi  allungo novarese 13-10 e reazione acquese che passa a 14-13 grazie ai punti di Narzisi che piazza anche due ace di fila. Novara torna avanti e Acqui getta la spugna, concludendo sotto 25/19. “Come al solito siamo state altalenanti. Come del resto lo siamo in allenamento. Non riusciamo ad avere continuità. – commenta coach Volpara – Molto bene il primo set, malissimo il secondo, discreti terzo e quarto. Il nostro problema è che allenandoci male, poco determinate e poco concentrate come dovremmo essere in partita il risultato è questo. In allenamento come in partita siamo altalenanti. Anche se siamo giovani ormai siamo alla sesta di campionato, quindi, è ora di cominciare ad andare”.