Biometano, energia a Km Zero

AMAG Reti Gas, l’azienda del Gruppo AMAG che si occupa del servizio di distribuzione del gas, promuove un momento di confronto sul biometano, un settore in forte crescita che sta facendo registrare un diffuso e crescente interesse in tutto il panorama nazionale.

L’appuntamento è per venerdì 30 novembre, a Palatium Vetus, in Piazza della Libertà n.28 ad Alessandria.
Veniamo al tema dell’incontro: oggi l’Italia è il terzo Paese al mondo per la produzione di biometano, combustibile ottenuto dalla purificazione del biogas che, a seguito di opportuni trattamenti chimico-fisici (upgrading), svolti anche in luoghi diversi da quello di produzione, diventa idoneo alla successiva fase di compressione per l’immissione nella rete del gas naturale. A dare un’ulteriore spinta verso il suo utilizzo sono stati, recentemente, il Consorzio Italiano Biogas (CIB) e il Consorzio Italiano Compostatori (CIC), che hanno creato una Piattaforma Tecnologica Nazionale, concentrandosi su una strategia prioritaria: il raggiungimento dell’obiettivo di utilizzo del 10% di biocarburanti nei trasporti entro il 2020.
L’utilizzo del biometano ha risvolti ambientali importanti: questo tipo di carburante può contribuire alla mitigazione dei cambiamenti climatici e facilitare una transizione energetica verso un’economia circolare e a basse emissioni di carbonio. Esso rappresenta, oggi, una grande opportunità per raggiungere appieno i target del pacchetto clima-energia “20-20-20” varato dall’Unione Europea.

“Con quasi 89 milioni di metri cubi distribuiti e oltre 43.500 punti di riconsegna, AMAG Reti Gas rappresenta un fondamentale tassello per garantire la gestione dei servizi di pubblica utilità territoriale” dichiara l’Amministratore Unico di AMAG Reti Gas, Emanuele Rava, che aggiunge, “vogliamo proseguire su questa strada con investimenti innovativi e sostenibili. Ecco perché abbiamo promosso questo incontro: facendo incontrare allo stesso tavolo esperti e politici, intendiamo avviare un confronto utile a fissare le sfide e un percorso che possa portare ad un utilizzo ‘circolare’ delle risorse che permetta di trasformare i rifiuti in energia. Per dirla con una battuta ‘dal cittadino al cittadino’”.

L’evento del 30 novembre è suddiviso in due momenti distinti: un tavolo tecnico riservato agli operatori del settore, dalle ore 9.00 alle ore 10.15, e un incontro pubblico aperto, dalle ore 10.30 alle ore 13.00, dedicato ai temi che formano la cornice ideale in cui si inserisce l’opportunità del biometano.