Settembre 30, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Accoltellamento in Canada: i dettagli delle vittime emergono mentre la caccia alla polizia continua

Commento

TORONTO – La polizia sta ancora cercando un uomo Piccole comunità al centro del massacro hanno pianto le 10 vittime dopo che l’uomo accusato di aver ucciso una banda nel Saskatchewan martedì.

Includono una madre, un veterano dell’esercito, un uomo che i residenti considerano non solo un vicino ma uno “zio” e un operatore di emergenza che è morto aiutando gli altri in un’emergenza.

Gli ufficiali hanno continuato a indagare su 13 scene del crimine separate nella James Smith Cree Nation Reserve. E nel vicino villaggio di Weldon, i fratelli Damian e Miles Sanderson sono stati accusati di aver compiuto il massacro domenicale negli Stati Uniti.

Il corpo di Damien Sanderson è stato trovato in una “zona altamente erbosa” nella James Smith Cree Nation, a circa 300 miglia a nord del confine tra Stati Uniti e Canada, ha detto lunedì la polizia. Aveva 31 anni. Hanno continuato a cercare Miles Sanderson, 30 anni, che hanno detto lunedì aveva “una fedina penale ampia e lunga” e potrebbe essere ferito.

Almeno 10 morti, 15 feriti nell’accoltellamento del Saskatchewan; 2 sospetti fuggiti

Miles Sanderson è stato accusato lunedì di tre capi di omicidio di primo grado e un conteggio di tentato omicidio. Damian Sanderson è stato accusato di omicidio di primo grado e un conteggio di tentato omicidio prima che il suo corpo fosse trovato. Entrambi gli uomini sono stati accusati di effrazione e potrebbero essere previste accuse aggiuntive, ha affermato l’RCMP.

Gli attacchi sono iniziati domenica mattina quando la polizia ha ricevuto una telefonata su accoltellamenti e altro nella James Smith Cree Nation, una comunità indigena di 1.800 persone a circa 200 miglia a nord del capoluogo di provincia, Regina.

READ  Inviato Usa accusato di mentire alla Fed "onesto"

Lunedì, 10 persone sono morte e 18 sono rimaste ferite, di cui quattro ricoverate in ospedale in condizioni critiche.

I funzionari hanno rilasciato alcuni dettagli sulle vittime. Rhonda Blackmore, assistente commissario del Saskatchewan RCMP, ha detto che alcuni sembravano essere presi di mira e altri erano stati attaccati a caso. Ha detto che includevano uomini e donne di “una vasta gamma di età”. Il più giovane è nato nel 1999.

Gloria Burns, 62 anni, consulente per le dipendenze della James Smith Cree Nation, è stata identificata dai suoi fratelli come una delle vittime. Hanno detto ai media locali che ha risposto a una chiamata di emergenza durante la follia omicida ed è morta insieme ad altre vittime.

“Dove può andare in una situazione del genere [she was] Aiutare le persone, anche se le è costato la vita… ecco chi era”, ha detto suo fratello Darryl Burns alla Canadian Broadcasting Corporation.

Sospetto di accoltellamento canadese trovato morto dopo 10 morti; Fratello maggiore

Un’altra vittima è stata identificata dalla Saskatchewan First Nations Veterans Association come Earl Burns, che ha servito nel reggimento di fanteria leggera canadese della principessa Patricia dell’esercito canadese.

La madre, Lana Head, è stata identificata come vittima dal suo ex compagno, Michael Brett Burns, secondo i media locali. “Molti bei ricordi da custodire”, ha scritto in un post su Facebook il giorno prima dell’attacco. Al suo fianco c’erano le foto della sua cagnolina Daisy che sorseggiava Tim Horton e informava gli amici delle offerte del negozio di alimentari locale.

“Mi manca già la sua voce”, amico Melody Whitecap ha scritto in un post su Facebook. “Lei è un’anima dolce e gentile, e non farebbe male a una mosca.”

READ  Il prezzo di Amazon Prime sale a $ 139 all'anno

I residenti di Weldon hanno identificato il 77enne Wes Peterson come un ragazzo “simpatico” che teneva d’occhio la comunità. Ruby Works ha detto a Global News che lo conosce dall’infanzia e che è come uno zio per lei.

“Quando ho saputo che il mio amico era stato ucciso, sono caduto a terra”, ha detto. “Perché entrare e uccidere una persona innocente che non ha fatto nulla? Non si merita questo.