Dicembre 6, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Aggiornamenti sulle elezioni israeliane: Netanyahu è in testa, secondo i sondaggi

Aggiornamenti sulle elezioni israeliane: Netanyahu è in testa, secondo i sondaggi
a lui attribuito…Avishaj è un poeta visto dal New York Times

Gli elettori israeliani possono essere vissuti dopo le ripetute elezioni e una netta divisione tra i due campi pro e contro Benjamin Netanyahu, il primo ministro israeliano più longevo, che è stato estromesso l’anno scorso. Tuttavia, al giorno delle elezioni, molti israeliani non erano ancora sicuri di quale partito nel gruppo di quaranta partiti registrati avrebbero votato.

“In realtà ero molto confuso questa mattina”, ha detto Michel Kochar, 38 anni, un consigliere per i giovani che ha votato a Tzur Hadassah, una città vicino a Gerusalemme. Ha detto che alla fine ha votato per Ayelet Shaked, il leader del partito di destra Jewish Home, anche se recenti sondaggi di opinione hanno indicato che è improbabile che la soglia del 3,25 per cento dei voti totali richiesti venga superata. Che qualsiasi partito entri in Parlamento.

“Non l’ho fatto dal profondo del mio cuore”, ha detto la signora Kochar, “e non sono sicura che fosse quello che volevo davvero”. “Mi piacerebbe che una donna diventasse primo ministro e credo in Ayelet Shaked, ma so che non accadrà”.

In elezioni così combattute, in cui vincere o perdere un solo seggio parlamentare potrebbe influenzare fondamentalmente il risultato, gli strateghi della campagna in entrambi i campi si preoccupano che i voti vengano dati a partiti più piccoli che non varcheranno la soglia, così come le incertezze offerte dagli elettori titubanti.

Alcuni elettori hanno espresso quella che consideravano una votazione “tattica” per rafforzare il blocco che sostengono, andando con la testa piuttosto che con il cuore.

READ  Il Senato vota per sostenere l'adesione di Finlandia e Svezia alla NATO

Il dottor Idan Yaron, 67 anni, sociologo e antropologo specializzato nel pensiero di destra e nell’estremismo in Israele, ha affermato di aver votato per Meretz, un partito di sinistra in bilico appena sopra la soglia elettorale, per “rafforzare i partiti minori e la sinistra blocco.”

Tomer Cohen, 46 anni, un autista di autobus che sostiene il politico di estrema destra e nazionalista Itamar Ben Gvir e il suo partito “Potere ebraico”, ha citato la sicurezza del paese e l’identità ebraica come le sue principali considerazioni.

“Voglio uno stato ebraico e non uno stato per tutti i suoi cittadini”, ha detto, usando una frase che è un ritornello comune a molti politici arabi in Israele.

Hadeel al-Zatami, 25 anni, elettore di Nazareth, nel nord, palestinese di origine israeliana, ha affermato di essere così frustrata dalle lotte intestine tra i partiti arabi, tra le altre cose, che ha seriamente preso in considerazione l’idea di boicottare le elezioni. Ma alla fine ha detto di aver votato per la prima lista di sinistra a maggioranza araba, perché “la nostra presenza alla Knesset è importante”, riferendosi al parlamento israeliano.

Avi Garabli, 37 anni, un sostenitore di Netanyahu a Gerusalemme che gestisce un’azienda di macchine edili, ha affermato di preferire ancora l’ex primo ministro rispetto ad altri. La base di destra del signor Netanyahu è rimasta in gran parte leale, nonostante – o anche a causa – del suo processo per corruzione, che molti vedono come una cospirazione statale profondamente liberale.

Spiegando la profonda polarizzazione che affligge la società israeliana, Al-Gharabli ha affermato che Yair Lapid, l’attuale primo ministro e leader del blocco anti-Netanyahu, “è andato con i sostenitori del terrorismo”, riferendosi al piccolo partito islamista Ra’am, che ha infranto un tabù storico aderendo all’ultima coalizione di governo.

READ  La centrale nucleare di Zaporizhzhia perde nuovamente la connessione principale alla rete elettrica

Gli elettori si sono espressi nonostante la loro stanchezza elettorale e la maggior parte di loro per il senso di adempiere ai propri diritti e doveri democratici.

“Sono così stanco delle elezioni”, ha detto un elettore centrista, Tehila Potterman, 40 anni. Indicando sua figlia che era con lei al seggio elettorale, la signora Potterman ha aggiunto: “Questa è la sua quarta elezione, e sono solo 5”.

Più di ogni altra cosa, alcuni elettori speravano in una fine al pantano politico.

“Spero sempre che la persona per cui voto vinca”, ha detto Hanna Solodok, 67 anni, di Rehovot, nell’Israele centrale. “Ma non succede sempre, e ora non è la mia preoccupazione principale”.

“L’atmosfera nel Paese è piena di incitamento e instabilità e questo deve finire”, ha detto, aggiungendo: “Serve un risultato decisivo”.

Contribuisci alla rendicontazione Mira NovickE il Irit Pazner GarshowitzE il Gabe Sobelman E il Heba Yazbek.