Febbraio 2, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ai Mondiali, il Giappone porta fuori la spazzatura e altri capiscono il suggerimento

Ai Mondiali, il Giappone porta fuori la spazzatura e altri capiscono il suggerimento

AL RAYYAN, Qatar – Il fischio finale è suonato domenica pomeriggio e i tifosi giapponesi, che avevano appena passato ore a saltare sotto il sole cocente di mezzogiorno, si sono lasciati sprofondare per un momento nella delusione per la sconfitta per 1-0 della loro squadra contro il Costa Rica.

Ma il momento è passato velocemente e sono usciti i sacchi della spazzatura blu.

Nel Ritorno rituale post-partita Accolti meticolosamente da un diffuso stupore ai Mondiali di quest’anno, un gruppo di spettatori giapponesi, che solo pochi istanti prima cantavano per la loro squadra, ha iniziato a pulire meticolosamente gli spalti dello stadio Ahmed Bin Ali, raccogliendo i rifiuti sparsi sulle file di panchine intorno a loro.

Non importava cosa fosse – bottiglie di soda semivuote, bucce d’arancia, fazzoletti sporchi – o chi se lo fosse lasciato dietro. I fan hanno attraversato i corridoi rimescolando la spazzatura nei sacchi prima di consegnarla ai sorridenti – e ovviamente felici – lavoratori dello stadio mentre uscivano.

“È un segno di rispetto per il luogo”, ha detto Eiji Hattori, 32 anni, un tifoso di Tokyo, che aveva un sacco di bottiglie, matrici di biglietti e altri avanzi dello stadio. “Questo posto non è nostro, quindi dobbiamo ripulirlo se lo usiamo. Anche se non è la nostra spazzatura, è comunque sporco, quindi dobbiamo ripulirlo”.

L’immagine degli spettatori che fanno tranquillamente la guardia durante la Coppa del Mondo ha attirato osservatori da altri paesi, come gli Stati Uniti, dove pattinare intorno a schizzi di soda appiccicosa, sacchetti fatiscenti di popcorn e mini montagne di gusci di arachidi è spesso accettato come parte dei normali sport . Esperienza da stadio.

Ma in Giappone la pulizia, soprattutto nei luoghi pubblici, è ampiamente accettata come una virtù. I giapponesi coinvolti nel gioco hanno affermato che tali usanze vengono insegnate a casa e rafforzate nelle scuole, dove fin dalla giovane età gli studenti sono tenuti a pulire regolarmente le aule e le strutture scolastiche.

La pulizia delle aree comuni, come i parchi giochi, diventa una sorta di responsabilità individuale e spesso non ci sono eserciti di lavoratori assunti per farlo.

“Per i giapponesi, questa è solo una cosa normale”, ha detto Hajime Moriyasu, allenatore della squadra giapponese. “Quando lasci un posto, devi lasciarlo più pulito di prima.”

Ci sono video e foto di sessioni di pulizia giapponesi Il virus si è diffuso sui social. Ma non sono solo i fan a condividerlo: la scorsa settimana, la FIFA ha pubblicato una foto dello spogliatoio della squadra giapponese dopo la massiccia vittoria sulla Germania. La stanza era – hai indovinato – pulire.

tifosi di altre squadre di ispirazione giapponese, Anch’io ho iniziato a pulire dopo le partite.

“Pensiamo di poterlo rendere contagioso”, ha detto Tomomi Kishikawa, 28 anni, un fan di Tokyo che attualmente lavora come assistente di volo con sede a Doha. “Non abbiamo bisogno di pagare nessuno per pulire. Ma se iniziamo, forse possiamo dare un buon esempio di rispetto”.

Per il pubblico giapponese, l’improvviso riflettore globale e lo sfogo di apprezzamento sono stati accolti con un misto di orgoglio, divertimento e imbarazzo.

Molti hanno brillato nelle immagini positive della cultura del paese. Alcuni sono confusi su cosa sia tutto questo trambusto. Altri hanno provato una fitta di fastidio, chiedendosi se questo fosse un altro caso in cui un certo comportamento fosse considerato rappresentativo dell’intera popolazione del Giappone.

Ad esempio, i numerosi tifosi allo stadio domenica hanno cercato di chiarire una cosa che potrebbe essere stata confusa in tutti i post virali e nella falsa copertura della stampa: mentre la maggior parte dei giapponesi è desiderosa di smaltire la propria spazzatura, solo un piccolo gruppo di tifosi lo è a questa Coppa del Mondo, andava in giro a raccogliere la spazzatura degli altri.

Domenica scorsa, la Japan Football Association ha distribuito centinaia di sacchetti di plastica blu con “grazie” scritti in inglese, giapponese e arabo, ma solo poche dozzine di tifosi – tra le migliaia presenti – si sono uniti allo sforzo più ampio.

“In realtà siamo stati invitati a ripulire, ma non volevamo”, ha detto Nagisa Amano, 23 anni, una fan di Yokohama. “Volevamo solo goderci il campo. Penso che abbiamo il diritto di farlo”.

Amano ha detto di aver sentito di casi in Giappone in cui i lavoratori dello stadio sono stati costretti a riaprire sacchi della spazzatura che erano stati imballati da fan troppo zelanti per separare i materiali per il riciclaggio. Si chiedeva se i fan giapponesi in Qatar potessero inavvertitamente interferire con sforzi simili.

Ha detto che il clamore sull’apparente igiene dei fan era probabilmente un bene per l’immagine del Giappone all’estero, ma si chiedeva se le loro motivazioni fossero del tutto pure.

“Ho sentito che alcune persone si uniscono a quel gruppo per pulire solo per divertirsi sotto i riflettori”, ha detto.

In un tweet post-Germania ampiamente condiviso, Yoichi Masuzoe, l’ex governatore di Tokyo, ha suggerito che i viaggiatori giapponesi devono essere più consapevoli della cultura e dei costumi locali e rispettare il fatto che ci sono già persone assunte per pulire gli stadi.

Masuzoe ha scritto: “La civiltà giapponese non è l’unico mondo”.

Tuttavia, la pulizia sembra essere apprezzata in Qatar. Dopo la vittoria del Giappone sulla Germania, un impiegato dello stadio ha guidato un gruppo di lavoratori e volontari dai tifosi che riordinano gli spalti e Ringraziandoli attraverso i megafoni.

Domenica, Gaziba Zaghloul, 18 anni, una volontaria di Beirut, in Libano, sfrecciava tra i posti a sedere in fila portando il suo sacco della spazzatura blu.

“Non è il mio lavoro, ma mi sento responsabile”, ha detto Zaghloul, che ha notato che i tifosi del Marocco e dell’Arabia Saudita hanno seguito l’esempio dei tifosi giapponesi e si sono ripuliti dopo le partite. “C’è un senso di comunità quando vedi che le persone si prendono cura. È un effetto valanga”.

Hikari Hida ha contribuito alla segnalazione.