Dicembre 3, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Alisson Felix conclude la sua finale ai Campionati Mondiali IAAF con una medaglia di bronzo nella staffetta mista 4x400m

Alisson Felix conclude la sua finale ai Campionati Mondiali IAAF con una medaglia di bronzo nella staffetta mista 4x400m

Eugenio, OR. – Non importa perché è passata alla fine della sua ultima corsa in pista. Oppure finisci con un bronzo invece di un oro.

Per 15 secondi indimenticabili venerdì sera ai Campionati del Mondo, Alisson Felix ha corso da solo al sole, oltre le tribune e allontanandosi dal campo in fondo alla schiena. Pochi minuti dopo, prende il premio appena vinto e lo appende al collo della figlia di 3 anni.

“Mi sono sentito amato”, ha detto Felix del suo ultimo viaggio sul grande palco. “E ho sentito che la gioia correva stasera.”

Adesso ha 36 anni. Quindi non è stato uno shock che una corridore di 11 anni più giovane di lei, Marilyde Paulino della squadra vincitrice della Repubblica Dominicana, l’abbia finalmente eliminata. Né una grande vergogna, nemmeno, che gli Stati Uniti abbiano salvato il resto del loro decantato potere stellare con la fine delle grandi gare. Nei successivi nove giorni di questo incontro, è arrivato terzo nella staffetta mista 4×400 m, dietro anche all’Olanda.

Con un terzo posto, Felix le ha regalato la diciannovesima medaglia iridata, stabilendo il record che aveva già stabilito. Aggiungendola agli 11 che ha preso alle Olimpiadi, finirà la sua carriera con 30 nei più grandi eventi sportivi.

Alcuni direbbero che la medaglia di bronzo sembra una delusione per il velocista più decorato della storia degli Stati Uniti. Tuttavia, altri, inclusa la stessa Felix, l’hanno paragonata al bronzo che ha vinto nei 400 femminili l’anno scorso alle Olimpiadi di Tokyo, una medaglia che classifica come una delle sue vittorie più amate.

“Sembra simile”, ha detto. “Negli ultimi due anni sono uscito solo con l’orologio e le medaglie, non avrei mai immaginato che sarebbe stato un posto dove venire”.

READ  Kyrie Irving dei Nets dovrebbe giocare contro i Grizzlies domenica: fonti

L’adolescente un tempo timida è ora una schietta sostenitrice delle donne e delle madri dentro e fuori dallo sport. Gran parte di ciò derivava dall’essere una madre, poi litigare e infine lasciarla, Nike, abbassando il suo stipendio mentre era incinta.

Felix ha subito un taglio cesareo d’urgenza otto settimane prima della data di scadenza. Lei e sua figlia Cami sono state lasciate lottare per sopravvivere nella stanza d’ospedale. Qualsiasi corsa, per non parlare delle medaglie che lo accompagnano, a questo punto sembra un bonus.

“Non c’è una sola storia che possa spiegare il suo impatto sullo sport”, ha detto Elijah Godwin, che ha arbitrato l’andata ed è stato l’ultimo compagno di squadra a consegnare il testimone a Felix. “Nel corso degli anni l’ha fatto, è diventata un’icona e per noi uscire e competere con lei, avere quell’opportunità è una benedizione”.

Google è entrato in azione. Una ricerca del nome di Felix venerdì sera ha portato alla luce tutte le sue credenziali, sovrapposte a un’animazione del suo sprint sullo schermo di un computer seguito dalla frase “Olympic. Mother. Lawyer”.

Fa tutto parte di un finale appropriato per la madre di Cammy, che, ha detto Felix, stava sicuramente andando a prendere un gelato dopo la gara e non ha aspettato nel backstage che la mamma finisse le interviste.

Felix è entrato nella staffetta mista solo dopo non essere riuscito a qualificarsi per i mondiali in una gara di singolare. Quando il suo nome è stato inizialmente annunciato, i due terzi dei primi Campionati del Mondo che si terranno negli Stati Uniti hanno esultato forte come lo erano stati tutta la notte.

READ  Tucker Carlson definisce Ron Rivera un "idiota fascista" per aver multato Jack Del Rio per i commenti del 6 gennaio

Finché, cioè, ho colpito la schiena.

Goodwin aveva poco vantaggio quando il bastone l’ha superata e nei primi 200 m dell’ultimo giro della pista Felix ha allargato il margine. Le sue braccia erano gonfie e le sue ginocchia erano vestite alte in una forma così quasi perfetta che solo lei poteva appartenerle. Ma è svanito dopo che ha svoltato la sua curva finale e ha afferrato Paulino.

I suoi sentimenti quando ha superato il limite?

“La prima cosa che ho sentito è stato l’acido lattico”, ha detto.

Vernon Norwood ha rivendicato il comando nella gara di ritorno, ma la domenicana Fiordaliza Covel ha battuto l’americano Kennedy Simon sull’ancora, quindi l’ostacolista Vimick Paul ha fatto una grande carica nel finale per dare all’Olanda l’argento. La Repubblica Dominicana ha vinto in 3 minuti 9,82 secondi per 0,08 secondi.

“L’ho battuta due volte”, ha detto Paulino, che è arrivato secondo nei 400 metri a Tokyo. “Ma per me sarai sempre il migliore al mondo. Ha aperto un percorso migliore per tutti noi.”

Gli Stati Uniti hanno terminato alle 3:10.16. Il quotidiano di statistica ha detto che Felix ha corso gli ultimi 400 metri in 50,15 secondi. Non era nemmeno vicino ai 47,72 secondi in cui ho corso una medaglia d’oro 4×400 ai mondiali del 2015 – ancora il più veloce di sempre da una donna americana – ma non è questo il punto.

“Sembra che facciamo parte della storia”, ha detto Goodwin. “E avere una foto con lei, questa è la cosa più importante per me. Voglio solo ricordare la mia foto con lei e ricordarla per questo”.

L’ultima medaglia di Felix ha coronato la giornata di apertura che ha visto anche la qualificazione nei 100 maschili.

READ  Karen Benzema salterà la Coppa del Mondo per infortunio: la stella della Francia lascia la squadra prima della partita di apertura del Qatar a causa di un infortunio alla coscia

L’americano Fred Curley, medaglia d’argento alle Olimpiadi dello scorso anno, ha chiuso in 9,79 secondi, un tempo super veloce per un round preliminare che era solo 0,03 dal suo massimo stagionale ed era 0,01 più veloce della vittoria dell’italiano Marcel Jacobs l’anno scorso a Tokyo.

Tutti gli altri big sono intervenuti: Jacobs, Marvin Brassey, il bronzo olimpico Andre de Grasse, il campione del mondo 2011 Johann Blake e Christian Coleman, che difende il suo titolo mondiale dopo aver saltato le Olimpiadi a causa di una sospensione dovuta ai test antidoping mancati .

Le prime medaglie all’incontro sono arrivate nella marcia di 20 chilometri, con Kimberly Garcia che ha vinto la prima medaglia mondiale del Perù con un tempo di 1:26:28. Toshikazu Yamaneshi del Giappone ha difeso con successo il suo titolo maschile con un tempo di 1: 19.07.

Ma è stata l’ultima medaglia della serata che tutti a Hayward Field ricorderanno.

Felix ha sorriso ampiamente mentre il presidente del mondo di atletica leggera Sebastian Coe le ha appeso un bronzo al collo e ha stretto la mano al secondo uomo Douglas Imhoff, che è stato utile per la sua presentazione.

Felix rimase in piedi mentre veniva suonato l’inno nazionale della Repubblica Dominicana. Ma si sentiva una vincitrice. La sua ultima corsa nella grande corsa è tornata a casa, con sua figlia lì a guardare.

“Ovviamente non sono nel pieno della mia carriera, ma poter finire qui stasera, con Cammy in tribuna, e condividere quel momento con lei, significa molto”, ha detto Felix.