Dicembre 8, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Altri 3 querelanti si sono uniti a un’azione legale collettiva contro American Express per presunta discriminazione contro i dipendenti bianchi

Altri 3 querelanti si sono uniti a un'azione legale collettiva contro American Express per presunta discriminazione contro i dipendenti bianchi

Altri tre querelanti si sono uniti a un’azione collettiva presentata ad agosto, sostenendo che Spettacolo American Express dipendenti bianchi per politiche “discriminatrici razziali” che promuovevano un ambiente di lavoro ostile.

“Da quando ha intentato questa causa, la mia azienda è stata inondata di chiamate da parte di ex e attuali dipendenti Amex di tutto il paese che hanno letto le accuse di denuncia e non potevano credere con quanta precisione avessero descritto le proprie esperienze con l’azienda”, ha detto a FOX l’avvocato David Piftorak Affare.

Il 23 agosto, Piftorak Presenta un’azione collettiva A nome dell’ex dipendente dell’Amex Brian Netzel e forse di migliaia di altri dipendenti nella stessa situazione dopo quello che la denuncia ha descritto come “un torrente di cose brutte che sono arrivate ai bianchi in quella società una volta che George Floyd è stato assassinato”.

La causa sostiene che Amex ha implementato politiche di “antirazzismo” in tutta la sua struttura aziendale sulla scia della morte di Floyd che “concedono un trattamento preferenziale agli individui per essere dipendenti bianchi e inequivocabilmente informati che la loro razza era un ostacolo al progresso dell’azienda”.

AMERICAN EXPRESS moltiplicato per una legge contro la discriminazione dei dipendenti bianchi

In una denuncia modificata, tre nuovi attori che rappresentano la classe hanno rivendicato una discriminazione simile a quella descritta da Netzel.

netzel Ha detto a FOX Business All’epoca fu presentata la sua denuncia che le politiche razziste di Amex inondavano il posto di lavoro con “un’enorme quantità di ostilità”. Ha affermato che i dipendenti bianchi sono stati ingiustamente puniti o ignorati per promozioni, mentre alcuni dipendenti neri sono stati promossi semplicemente per soddisfare le quote razziali e che alcuni si sono sentiti autorizzati a “sradicare le persone della moda nell’era McCarthy che non erano d’accordo con questa filosofia generale. “

READ  Queste città degli Stati Uniti stanno assistendo al calo maggiore dei prezzi delle case

azione in questo articolo

Nella sua denuncia originale, Netzel ha affermato che il suo manager, che è di colore, avrebbe “pesantemente molestato e rimproverato le dipendenti bianche” e che Amex non solo era consapevole del suo comportamento, ma aveva Incentivi finanziari per i dirigenti Per ridurre il numero dei dipendenti bianchi.

Tre nuovi querelanti si sono uniti a un’azione legale collettiva sostenendo che l’American Express si impegna in politiche discriminatorie razziali contro i dipendenti bianchi, favorendo un ambiente di lavoro ostile. (Reuters/Lucy Nicholson/foto d’archivio/Foto Reuters)

Uno dei nuovi querelanti, che risiede in una città diversa da quella dell’attore originario, afferma di aver subito molestie razziali e discriminazioni da parte dello stesso principale. Un altro sostiene di essere stato molestato e gli è stata negata la promozione per motivi razziali da un altro manager. I tre nuovi pubblici ministeri affermano di essere stati costretti a dimettersi da posizioni ben pagate presso l’azienda per sfuggire al suo ambiente razzialmente tossico.

Un ex impiegato americano schietto parla di “WOKE” in America: “Vergognati”

“È difficile esprimere a parole quanto dovrebbe essere razzialmente tossico l’ambiente di lavoro, da cima a fondo, poiché lo si può sentire solo nelle voci di queste persone. Spero solo che più dipendenti si facciano avanti per sfidare queste pratiche ripugnanti perché questo è il modo in cui assicureremo i trasgressori alla giustizia”, ​​ha detto l’avvocato Bevortak. Alla fine”.

Amex non ha fornito un commento sulla denuncia modificata, ma ha negato le accuse della causa originale, con un portavoce di FOX Business all’epoca che ha affermato: “Le affermazioni fatte sulla nostra azienda nella causa sono false e infondate. Abbiamo un impegno di lunga data di essere all’altezza ai valori della nostra azienda che includono la promozione di una cultura diversificata e inclusiva in cui tutti i compagni possono prosperare.

READ  La fine di un'era in Russia dove sanzioni e compagnie occidentali stanno flirtando con la loro via di fuga

“L’avanzamento, l’assunzione e la retribuzione all’interno della nostra azienda si basano esclusivamente sulle qualifiche individuali, sulle prestazioni aziendali e di leadership. Qualsiasi affermazione contraria è falsa e non forniamo alcun incentivo per comportamenti che discriminano o favoriscono qualsiasi gruppo di dipendenti”, ha aggiunto il portavoce .

Ho incontrato AMEX Precedenti accuse di discriminazione. Nick Williams, un uomo bianco che ha servito per otto anni come direttore dello sviluppo aziendale di Amex fino a quando non è stato improvvisamente abbandonato nel marzo 2021, ha rifiutato un’offerta di transazione a sei cifre dopo aver rifiutato di firmare documenti che gli impedivano di parlare contro il gigante delle carte di credito.

CLICCA QUI PER LEGGERE DI PIÙ SU FOX BUSINESS

Nel 2021, cinque dipendenti FOX Business attuali ed ex hanno dichiarato in condizione di anonimato che l’azienda si è impegnata in una “discriminazione inversa” contro i dipendenti bianchi e ha instillato sul posto di lavoro i principi della teoria della razza monetaria. L’American Express ha negato categoricamente le accuse all’epoca.