Dicembre 3, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Andy Warhol: La Corte Suprema guarda in modo critico alla serigrafia del principe

Andy Warhol: La Corte Suprema guarda in modo critico alla serigrafia del principe



CNN

Il Corte Suprema Mercoledì valuterà se il compianto Andy Warhol abbia violato i diritti d’autore del fotografo quando ha creato una serie di serigrafie per il Principe della Musica.

Il caso rappresenta una rara incursione della corte nel mondo delle arti visive e ha attirato l’attenzione di coloro che nel mondo dell’arte affermano che la decisione della Corte d’Appello contro Warhol mette in discussione la legittimità di generazioni di artisti che sono stati ispirati dalla loro pre- opere esistenti. .

Musei, gallerie, collezionisti ed esperti hanno anche preso in considerazione la possibilità di chiedere ai giudici di bilanciare la legge sul copyright con il Primo Emendamento in un modo che protegga la libertà artistica.

Al centro del caso c’è la cosiddetta dottrina del “fair use” nella legge sul copyright che consente l’uso non autorizzato di opere protette da copyright in determinate circostanze.

Nel caso in esame, un tribunale distrettuale si è pronunciato a favore di Warhol, basando la sua decisione sul fatto che le due opere in questione avevano un significato e un messaggio diversi. Ma la corte d’appello si è ribaltata, stabilendo che il nuovo significato o il nuovo messaggio non erano sufficienti per qualificarsi per il fair use.

Ora la Suprema Corte deve elaborare il test appropriato.

“L’uso corretto protegge i diritti del Primo Emendamento sia dei relatori che degli ascoltatori, assicurando che a coloro il cui discorso include il dialogo con opere preesistenti protette da copyright non venga impedito di condividere quel discorso con il mondo”, ha affermato un gruppo di professori di diritto dell’arte che sostengono l’Andy Fondazione Warhol. I giudici nei documenti del tribunale.

Gli avvocati della Warhol Foundation sostengono che l’artista abbia creato la “Serie Prince” – un gruppo di dipinti che alterava un’immagine preesistente del principe musicale – per commentare “celebrità e consumismo”.

Dissero che nel 1984, dopo che Prince divenne una star, Vanity Fair incaricò Warhol di creare un ritratto del principe per un articolo intitolato “Violet Fame”.

All’epoca, Vanity Fair concesse in licenza una foto in bianco e nero scattata da Lynne Goldsmith nel 1981 quando Prince non era molto conosciuto. Warhol avrebbe usato l’immagine di Goldsmith come riferimento per l’artista.

Goldsmith, specializzato in foto di celebrità e guadagna dalle licenze, inizialmente ha scattato la foto mentre era in missione con Newsweek. Le sue foto di Mick Jagger, Bruce Springsteen, Bob Dylan e Bob Marley fanno tutte parte del record del tribunale.

Vanity Fair ha pubblicato l’illustrazione basata sulla sua foto – una volta a pagina intera e una volta a un quarto di pagina – con attribuzione ad essa. Non sapeva che Warhol fosse l’artista a cui il suo lavoro avrebbe fatto riferimento, ma è stata pagata $ 400 in diritti di licenza. La licenza stabilisce che “Non sono concessi altri diritti di utilizzo”.

All’insaputa di Goldsmith, Warhol ha continuato a creare altre 15 opere basate sulla sua immagine. Ad un certo punto dopo la morte di Warhol nel 1987, la Fondazione Warhol acquisì i diritti di copyright della cosiddetta “Serie Prince”.

I fan rendono omaggio a Prince

Nel 2016, dopo la morte di Prince, Conde Nast, la società madre di Vanity Fair, ha pubblicato un omaggio utilizzando uno dei lavori della serie Prince di Warhol sulla copertina. Goldsmith non ha ricevuto alcun credito o credito per l’immagine. Non ha ricevuto alcuno stipendio.

Dopo aver appreso della serie, Goldsmith ha riconosciuto il suo lavoro e ha contattato la Warhol Foundation per segnalare la violazione del copyright. La sua foto è registrata presso l’Ufficio del copyright degli Stati Uniti.

La Fondazione Warhol – credendo che Goldsmith avrebbe citato in giudizio – ha chiesto una “dichiarazione di non violazione” dai tribunali. Goldsmith ha impugnato la richiesta di violazione del copyright.

Un tribunale distrettuale si è pronunciato a favore della Fondazione Warhol, concludendo che l’uso dell’immagine senza autorizzazione e senza commissioni costituiva un uso corretto.

La corte ha affermato che il lavoro di Warhol è stato “trasformativo” perché trasmetteva un messaggio diverso dal lavoro originale di Goldsmith. Ha affermato che la serie Prince “può ragionevolmente essere vista come la trasformazione di Prince da un personaggio fragile e scomodo in un avatar più grande della vita”.

Il 2° Circuito della Corte d’Appello degli Stati Uniti Tuttavia, ha ribaltato questo e ha affermato che l’uso delle immagini non rientra necessariamente nel fair use.

La corte d’appello ha affermato che il tribunale distrettuale ha sbagliato ad assumere il “ruolo di critico d’arte” e basare il suo test di fair use sul significato dell’opera d’arte. Invece, la corte avrebbe dovuto considerare il grado di somiglianza visiva tra le due opere.

In base a questo criterio, ha affermato la corte, la serie Prince non è stata trasformativa, ma invece “somiglia costantemente” all’immagine dell’orafo e quindi non è protetta dal fair use.

Ha basato il suo giudizio sul fatto che un’opera secondaria, anche se aggiungeva una “nuova espressione” al materiale di partenza, poteva essere esclusa dal fair use. La Corte d’Appello ha affermato che l’uso dell’opera secondaria dell’opera originale deve avere una finalità artistica “completamente diversa e nuova” e di natura artistica “in modo che l’opera secondaria sia separata dalle materie prime utilizzate per crearla”. La corte ha affermato che l’opera primaria non dovrebbe essere appena riconoscibile nell’opera secondaria, ma almeno dovrebbe “includere qualcosa di più dell’imposizione dello stile di un altro artista sull’opera primaria”.

La corte ha affermato che lo “scopo generale e la funzione” del ritratto di Goldsmith e le stampe di Warhol sono identiche perché sono “ritratti della stessa persona”.

La corte ha concluso che “La serie del principe conserva in modo decisivo gli elementi essenziali dell’immagine di Goldsmith senza aggiungere o alterare in modo significativo questi elementi”.

Nell’impugnare il caso a nome della Fondazione Warhol, l’avvocato Roman Martinez ha sostenuto che la corte d’appello aveva commesso un grave errore impedendo ai tribunali di considerare il significato dell’opera come parte di un’analisi del fair use.

Ha avvertito la corte che se dovesse adottare la logica della corte d’appello, avrebbe ribaltato i principi stabiliti sul diritto d’autore e avrebbe cullato la creatività e l’espressione “al centro del Primo Emendamento”.

Secondo Martinez, la legge sul copyright è progettata per promuovere l’innovazione, a volte basandosi sui risultati di altri.

Martinez ha sottolineato che la dottrina del fair use – “che risale almeno al diciannovesimo secolo” – riflette il riconoscimento che l’applicazione rigorosa della legge sul diritto d’autore “soffocherebbe la creatività stessa che le leggi sono progettate per promuovere”.

Ha notato che il lavoro di Warhol è attualmente in collezioni in tutto il mondo, tra cui il Museum of Modern Art di New York e lo Smithsonian e la Tate Modern di Londra. Dal 2004 al 2014, le vendite all’asta di Warhol hanno superato i 3 miliardi di dollari.

Martinez ha detto che Warhol ha apportato modifiche sostanziali ritagliando e ridimensionando l’immagine di Goldsmith e cambiando l’angolazione del viso di Prince mentre cambiava i toni, l’illuminazione e i dettagli.

Martinez ha affermato: “Mentre Goldsmith ha ritratto Prince come un essere umano debole, Warhol ha apportato importanti modifiche che hanno cancellato l’umanità dall’immagine, come un modo per commentare la concezione della società delle celebrità come prodotti, non come persone”, ha aggiunto. ”

L’avvocato di Goldsmith, Lisa Platt, ha raccontato ai giudici una storia completamente diversa.

“Per tutti i creatori, il Copyright Act 1976 fa una promessa di lunga data: creare opere innovative e la legge sul copyright garantisce il tuo diritto di controllare se, quando e come il tuo lavoro viene mostrato, distribuito, riprodotto o adattato”, ha scritto.

Ha detto che i creatori multimiliardari e le industrie delle licenze “si basano su questa premessa”.

Ha detto che la Andy Warhol Foundation avrebbe dovuto pagare le tasse sul copyright di Goldsmith. Platt ha sostenuto che il lavoro di Warhol era quasi identico a quello di Goldsmith.

“La fama non è un biglietto per calpestare i diritti d’autore di altri artisti”, ha detto.

L’amministrazione Biden sostiene Goldsmith nel caso.

Il procuratore generale Elizabeth Prilugar, ad esempio, ha osservato che gli adattamenti da libro a film spesso introducono nuovi significati o messaggi, “ma questo non è stato visto come una giustificazione sufficiente indipendentemente per la copia non autorizzata”. Ha detto che la capacità di Goldsmith di concedere in licenza la sua immagine e guadagnare commissioni è stata “minata” dalla Warhol Foundation.

L’Art Institute of Chicago e altri musei hanno detto alla corte che la decisione della corte d’appello ha causato incertezza non solo per le opere d’arte stesse, ma anche per il mercato delle copie delle opere che il museo crea attraverso cataloghi, documentari e siti web.

Smokey Robinson su Prince: Era un genio

Gli avvocati del museo hanno inoltre osservato che il giudizio di primo grado “non ha tenuto conto” della vecchia tradizione artistica di utilizzare elementi di opere preesistenti in nuove opere e hanno chiesto alla Corte di Cassazione di riconsiderare la sentenza della corte d’appello.

In epoca barocca, ad esempio, Giovanni Panini dipinse Roma Moderna (riportata nelle carte di corte) raffigurante una mostra d’arte famosa. Comprende copie di opere preesistenti tra cui la Statua del Mosè di Michelangelo, l’Ordine di Costantino, David, Apollo e Dafne di Gian Lorenzo Bernini e le sue fontane in Piazza Navona. I musei hanno sostenuto che gli artisti contemporanei continuano a fare uso di opere d’arte preesistenti. Ad esempio, l’artista di strada Banksy ha dipinto un dipinto, “Girl with a Pierced Drum”, su un edificio a Bristol. Era in riferimento al capolavoro di Johannes Vermeer, “La ragazza con l’orecchino di perla” del 1665.

I musei hanno affermato che “tutte queste opere non sarebbero considerate trasformative secondo l’approccio del Secondo Cerchio”.

READ  Coachella Festival 2022 - LIVE: Tutti gli aggiornamenti dal secondo giorno mentre Billie Eilish conquista i titoli dei giornali