Luglio 23, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Arte rupestre dell’era glaciale lunga 8 miglia scoperta nella foresta amazzonica

Arte rupestre dell’era glaciale lunga 8 miglia scoperta nella foresta amazzonica

Scoprire l’arte preistorica è emozionante anche nel migliore dei casi, ma quando quell’arte consiste in otto miglia di dipinti dell’era glaciale, diventa la scoperta di una vita.

Nella foresta amazzonica i ricercatori hanno scoperto un insolito “dipinto” composto da disegni di mastodonti, bradipi giganti e altri animali estinti, risalenti a 12.600 anni fa.

Gli antichi artisti utilizzavano il pigmento ocra rossa per creare questa enorme opera d’arte, che si estende per 13 chilometri (otto miglia) di roccia sulle colline dell’Amazzonia colombiana.

“Si tratta di immagini davvero incredibili, prodotte dalle popolazioni più antiche che vivevano nell’Amazzonia occidentale”, afferma l’archeologo Mark Robinson dell’Università di Exeter, che ha pubblicato una ricerca sul ritrovamento storico su The Lancet. quartetto internazionale,Ha detto dentro dichiarazione.

Robinson e il suo team ritengono che gli indigeni abbiano iniziato a dipingere queste immagini nel sito archeologico di Serrania La Lindosa, sul confine settentrionale dell’Amazzonia colombiana, verso la fine dell’ultima era glaciale.

Questi insoliti dipinti sono stati chiamati la “Cappella Sistina degli Antichi”.(Mary Clare Thomas/Wild Blue Media)

Durante questo periodo, che va dai 12.600 agli 11.800 anni fa, “le foreste amazzoniche si stavano ancora trasformando nelle foreste tropicali che conosciamo oggi”, ha detto Robinson.

L’aumento delle temperature ha trasformato le foreste pluviali da un mosaico di savana, arbusti spinosi e foreste al paesaggio tropicale di oggi. Scienze viveAppunti.

I dipinti dell’era glaciale straordinariamente conservati includono impronte di mani, disegni geometrici e una vasta gamma di animali diversi, dai coccodrilli, pipistrelli, scimmie e tartarughe ai mammiferi e tronchi con tre dita.

Altre forme raffigurano scene di esseri umani che cacciano o interagiscono con la natura circostante, comprese alcune specie ormai estinte.

READ  Vuoi davvero cambiare presa di Wind Awakened e Twilight Princess?

“Questi dipinti forniscono uno sguardo vivido ed emozionante sulla vita di queste comunità”, ha detto Robinson.

“È incredibile per noi oggi pensare che vivessero e cacciassero erbivori giganti, alcuni dei quali avevano le dimensioni di una piccola automobile”.

I ricercatori hanno notato che molti grandi animali in Sud America si estinsero alla fine dell’ultima era glaciale, probabilmente a causa di una combinazione di caccia umana e cambiamento climatico.

I dipinti raffigurano una vasta gamma di creature e scene(Professore José Iriarte)

Robinson e i suoi colleghi hanno scavato i ripari sotto roccia nel 2017 e nel 2018, come parte di un progetto noto come LastJourney.

Questa iniziativa mira a scoprire quando le persone si stabilirono per la prima volta in Amazzonia e quale impatto ebbero le loro attività sulla biodiversità della regione.

“Questi disegni rupestri sono una prova sorprendente di come gli esseri umani hanno ricostruito la terra, di come hanno cacciato, coltivato e pescato”, ha detto nella stessa dichiarazione il coautore dello studio e archeologo José Iriarte. “È probabile che l’arte fosse una parte importante della cultura un mezzo di comunicazione sociale tra le persone”.

UN Canale 4 Un documentario su questa scoperta, chiamato “Puzzle della giungla: i regni perduti dell’AmazzoniaLa serie è andata in onda nel Regno Unito nel dicembre 2020.

sottoscrizione Per la nostra newsletter settimanale gratuita Indy100

Come unirsi a canale gratuito indy100 su WhatsApp

Condividi la tua opinione nelle nostre notizie democratiche. Fai clic sull’icona del voto nella parte superiore della pagina per contribuire a far risalire questo articolo nella classifica Indy100