Febbraio 2, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Australia PMI, Giappone Jibun Flash PMI, festa del capodanno lunare

Il volume di passeggeri all’aeroporto di Auckland in Nuova Zelanda è stato del 74% rispetto ai livelli pre-pandemici di novembre

L’aeroporto neozelandese di Auckland ha visto il volume totale di passeggeri per novembre raggiungere il 74% dei livelli osservati nell’anno fiscale fino a giugno 2019, o l’ultimo anno intero non influenzato dalla pandemia, secondo le statistiche aeroportuali. Aggiornamento mensile del traffico.

La percentuale di passeggeri internazionali ha raggiunto il 67% dei livelli pre-pandemia, afferma la nota, aggiungendo che la maggior parte dei voli oltremare che si sono ripresi erano voli a corto raggio dall’Australia e dalle isole del Pacifico.

La domanda stradale tra le regioni della Nuova Zelanda e del Nord America è tornata all’86% dei livelli pre-pandemici, comprese due destinazioni aggiuntive in Texas (Dallas/Fort Worth) e New York.

– Jihe Lee

CNBC Pro: questi 6 titoli globali a basso debito sono destinati a sovraperformare, afferma Bernstein

Tassi di interesse più elevati hanno implicazioni significative per le società con un debito significativo, poiché è probabile che debbano affrontare costi più elevati a causa dell’aumento dei prestiti.

Con i tassi di interesse ancora in aumento, gli analisti di Bernstein ritengono che i titoli con una minore esposizione al debito e una maggiore qualità del debito dovrebbero sovraperformare.

La banca d’investimento ha nominato una manciata di titoli investment grade globali a basso debito che potrebbero sovraperformare.

Gli abbonati CNBC Pro possono leggere di più qui.

– Ganesh Rao

Le azioni Zip si invertono dopo il rally iniziale

Azienda australiana “compra ora paga dopo”. Ingrandisci È sceso di oltre il 10% dopo che è seguito un rally di breve durata Risultati trimestrali.

Zip è scesa del 15%, una netta inversione di tendenza rispetto al suo precedente guadagno di oltre il 10% dopo aver registrato una crescita dei ricavi del 12%.

La società ha affermato che “il consumo di cassa mensile ha continuato a diminuire e dovrebbe migliorare ulteriormente”. Ha affermato che l’attuale posizione di cassa e liquidità è “sufficiente per vedere la società attraverso un flusso di cassa positivo” e prevede di raggiungere un EBITDA di cassa positivo entro la prima metà dell’anno fiscale 2024.

La prossima settimana: PMI, rapporti sull’inflazione in Australia e Singapore, PIL della Corea del Sud

Ecco alcuni dei principali eventi economici nella regione Asia-Pacifico che gli investitori seguiranno da vicino questa settimana.

I mercati azionari della Cina continentale e di Taiwan rimarranno chiusi fino alla ripresa delle negoziazioni il 30 gennaio.

Martedì, le letture PMI regionali per Giappone e Australia saranno al centro dell’attenzione, mentre la maggior parte dei mercati rimarrà chiusa per le celebrazioni del capodanno lunare. Ad eccezione di Australia, Giappone e Indonesia.

I rapporti sull’inflazione saranno al centro dell’attenzione mercoledì poiché Australia e Nuova Zelanda pubblicheranno le letture dell’IPC per il quarto trimestre del 2022. Singapore pubblicherà i dati sull’inflazione per dicembre.

READ  Futures Dow: il mercato si aspetta questo dal presidente della Fed Powell; 5 titoli nelle aree di acquisto

Il mercato di Hong Kong dovrebbe riprendere le contrattazioni giovedì.

Il PIL del quarto trimestre per la Corea del Sud e le Filippine sarà pubblicato giovedì, mentre la Banca del Giappone rilascerà il riepilogo delle opinioni dall’ultima riunione di politica monetaria di gennaio. Il Giappone rilascerà anche il suo indice dei prezzi alla produzione per i servizi giovedì.

Le letture dell’IPC core del Giappone per Tokyo saranno un barometro della direzione della politica monetaria.

Anche i dati PPI e commerciali australiani saranno attentamente monitorati prima della riunione della RBA nella prima settimana di febbraio.

– Jihe Lee

Le condizioni di lavoro sono peggiorate in Australia il mese scorso: sondaggio NAB

L’indagine mensile sulle imprese della National Australia Bank ha mostrato che le condizioni delle imprese sono peggiorate per dicembre con una lettura di 12 punti, in calo rispetto alla lettura di novembre di 20 punti.

rispecchia il sondaggio peggioramento delle condizioni commercialiredditività e occupazione, ha affermato NAB.

“Il messaggio chiave del sondaggio mensile di dicembre è che lo slancio di crescita è rallentato in modo significativo alla fine del 2022, mentre le pressioni sui prezzi e il costo di acquisizione hanno probabilmente raggiunto il picco”, ha affermato Alan Oster, capo economista di NAB.

Nel frattempo, la fiducia delle imprese a dicembre è salita di 3 punti a -1, una lettura migliorata rispetto ai -4 punti di novembre.

– Jihe Lee

I principali dati di fabbrica del Giappone mostrano il secondo mese di contrazione

Il PMI giapponese au Jibun Bank Flash Manufacturing a gennaio è rimasto invariato per il secondo mese consecutivo a 48,9, al di sotto del livello 50 che separa contrazione e crescita dal mese precedente.

leggere” indicò Il più forte deterioramento dell’articolazione nella salute [of] Settore manifatturiero giapponese da ottobre 2020″, ha affermato S&P Global.

L’indice composito della produzione di Banc au Jibun è salito a 50,8 a gennaio, leggermente al di sopra di un valore di 49,7 a dicembre.

L’attività commerciale flash è aumentata ulteriormente con una lettura di 52,4, in aumento rispetto alla lettura di dicembre di 51,1.

– Jihe Lee

CNBC Pro: Wall Street è entusiasta della tecnologia cinese e adora uno dei mega titoli

Dopo più di due anni di repressione normativa e una recessione indotta dalla pandemia, i nomi della tecnologia cinese sono tornati sul radar di Wall Street, con un titolo in particolare che si è distinto come una delle scelte migliori per molti.

Gli abbonati professionali possono Leggi di più qui.

– Saverio Ong

È probabile che la Fed discuterà la prossima settimana quando fermare gli aumenti, afferma il rapporto del Journal

I funzionari della Federal Reserve la prossima settimana quasi certamente accetteranno un altro rallentamento degli aumenti dei tassi, discutendo anche su quando interrompere del tutto gli aumenti, secondo la Federal Reserve. Rapporto del Wall Street Journal.

READ  Steam, Epic e altri siti Web sono ora bloccati in Indonesia

Il Federal Open Market Committee si riunirà per fissare le tariffe dal 31 gennaio a febbraio. 1, con i mercati Il prezzo è quasi al 100% di possibilità Un aumento di un quarto di punto nel tasso di riferimento della banca centrale. Ancora più importante, ha detto venerdì il governatore della Fed Christopher Waller Vede un aumento di 0,25 punti percentuali come passaggio preferenziale per il prossimo incontro.

Tuttavia, Waller ha detto che non pensa che la Fed abbia ancora finito di inasprire, e molti altri banchieri centrali hanno sostenuto questa idea negli ultimi giorni.

Rallentare il ritmo degli aumenti può fornire l’opportunità di valutare l’impatto degli aumenti finora sull’economia, afferma il rapporto del Journal, citando dichiarazioni pubbliche dei responsabili politici. Una serie di aumenti dei prezzi a partire da marzo 2022 ha comportato aumenti di 4,25 punti percentuali.

I prezzi di mercato attualmente suggeriscono aumenti di un quarto di punto nelle prossime due riunioni, un periodo di inerzia e poi una riduzione fino a mezzo punto entro la fine del 2023, secondo i dati di CME Group.

Tuttavia, molti funzionari, Compreso il governatore Lyle Brainard E il presidente della Fed di New York John Williams ha usato l’espressione “mantenere la rotta” per descrivere il corso della politica in corso.

-Jeff Cox

Il Nasdaq è sulla buona strada per guadagni consecutivi con l’aumento dei titoli tecnologici

Il Nasdaq Composite è salito di oltre il 2,2% durante le negoziazioni di metà giornata di lunedì, sostenuto dai titoli tecnologici malconci.

La mossa ha messo in moto l’indice ad alto contenuto tecnologico per un giorno consecutivo di guadagni che hanno superato il 2%. il Venerdì l’indice ha chiuso in rialzo del 2,66%..

L’aumento delle scorte di semiconduttori ha contribuito a spingere l’indice più in alto. Tesla E una melaNel frattempo, è aumentato rispettivamente del 7,7% e del 3,2%, poiché la riapertura della Cina ha alimentato le speranze di rilanciare il loro business. Digitale occidentale e microdispositivi avanzati È aumentato dell’8% ciascuno Qualcomm E nvidia balzato di circa il 7%.

La tecnologia dell’informazione è stato il settore S&P 500 con la performance migliore, in rialzo del 2,7%. Ciò è stato in parte dovuto ai guadagni nel segmento dei chip. I servizi di telecomunicazione hanno aggiunto l’1,9%, sostenuti da artisti del calibro di NetflixE MetapiattaformeE l’alfabeto E Insieme della partita.

– Samantha Sobin

READ  I futures sulle azioni sono in calo mentre gli investitori attendono con impazienza gli oratori della Federal Reserve

El-Erian afferma che la Fed dovrebbe aumentare di 50 punti base, definendo un “errore” un aumento minore

L’inflazione potrebbe essersi dimostrata piuttosto elevata in passato, ma il passaggio a un aumento di 25 punti base alla prossima riunione politica della Fed è un “errore”, secondo il consigliere economico capo di Allianz Mohamed El-Erian.

“Sono in un campo molto, molto piccolo, e penso che non dovrebbero arrivare a 25 punti base, dovrebbero arrivare a 50”, ha detto lunedì a “Squawk Box” della CNBC. “Dovrebbero trarre vantaggio da questa finestra di crescita in cui ci troviamo, dovrebbero trarre vantaggio da dove si trova il mercato, dovrebbero cercare di inasprire le condizioni finanziarie perché penso che abbiamo ancora un problema di inflazione”.

Ha detto che l’inflazione si è spostata dai beni al settore dei servizi, ma potrebbe riemergere se i prezzi dell’energia dovessero aumentare con la riapertura della Cina.

El-Erian prevede che l’inflazione si stabilizzerà intorno al 4%. Questo, ha detto, avrebbe messo la Fed in una posizione difficile se continuare a schiacciare l’economia per arrivare al 2%, o promettere quel livello in futuro, e sperava che gli investitori potessero tollerare un tasso costante dal 3% al 4% in il breve termine.

“Questo è probabilmente il miglior risultato”, ha detto di quest’ultimo.

– Samantha Sobin

Secondo Morgan Stanley, una recessione degli utili è imminente

Una recessione degli utili è imminente quest’anno, secondo Michael Wilson, stratega azionario di Morgan Stanley.

“La nostra opinione non è cambiata poiché prevediamo che il percorso degli utili statunitensi deluderà le aspettative di consenso e le valutazioni attuali”, ha affermato domenica in una nota ai clienti.

Alcuni sviluppi positivi delle ultime settimane, come la continua riapertura della Cina e l’abbassamento dei prezzi del gas naturale in Europa, hanno contribuito a far sì che alcuni investitori guardassero alle prospettive del mercato con maggiore ottimismo.

Tuttavia, Wilson consiglia agli investitori di rimanere ribassisti sul titolo, osservando che l’azione dei prezzi è la principale influenza del rally di quest’anno.

“Il rally di quest’anno è stato guidato da azioni di bassa qualità e vendite allo scoperto”, ha affermato. “Ha anche visto un forte movimento delle azioni cicliche rispetto ai difensori”.

Wilson ha basato la sua previsione su una delusione marginale e crede che il problema stia crescendo. Molte industrie stanno già affrontando un rallentamento dei ricavi, oltre a scorte in aumento e dipendenti meno produttivi.

“È semplicemente una questione di tempi e dimensioni”, ha detto Wilson. “Consigliamo agli investitori di rimanere concentrati sui fondamentali e di ignorare i falsi segnali e le inversioni fuorvianti nella sala degli specchi del mercato ribassista”.

– Hakyung Kim