Agosto 9, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Avalanche vs. Lightning Stanley Cup Punteggio finale Gioco sei: Colorado vince 2-1 per il campionato della terza squadra

Avalanche vs. Lightning Stanley Cup Punteggio finale Gioco sei: Colorado vince 2-1 per il campionato della terza squadra

Colorado Avalanche, campione della Stanley Cup. È entrato nella valanga alla fiammeggiante Amalie Arena di Tampa, in Florida, per Gara 6 e se ne è andato con una vittoria per 2-1 e un equipaggiamento molto grande.

Il Colorado ha posto fine alla serie di Stanley Cups consecutive di Tampa Bay e ha vinto il suo terzo titolo nella storia della franchigia.

Lightning è balzato in vantaggio all’inizio per 1-0, grazie a un gol del capitano Stephen Stamkos. Tuttavia, la valanga ha preso il sopravvento da lì. Il Colorado ha dominato il secondo tempo ed è stato premiato con i gol di Nathan McKinnon e Arturi Likonen. Gli Avs sono avanzati 2-1 negli spogliatoi e da lì hanno spento Lightning.

Il Colorado ha completamente estinto Tampa Bay nel terzo periodo. Il Lightning non ha tirato a Darcy Kuemper fino a quando non erano rimasti circa 10 minuti dal regolamento. Non contento di starsene seduto ad aspettare che il tempo passasse, Avs è stato piuttosto aggressivo negli ultimi 20 minuti, rendendo la vita molto difficile a Lightning. Anche a porta vuota, Tampa Bay non riesce a realizzare buoni tiri su Darcy Comber.

Dopo essere arrivata in fondo alla classifica NHL solo cinque anni fa, la valanga ha sollevato la Stanley Cup per la prima volta dal 2001, e lo ha fatto contro una delle più grandi squadre nell’era del tetto salariale.

Ristrutturazione completa a valanga

Nella stagione 2016-2017, la valanga è andata 22-56-4, il peggior punteggio della NHL. Solo cinque anni dopo, la squadra sta pattinando la Stanley Cup intorno all’Amalie Arena dopo che il Tampa Bay Lightning è stato licenziato.

READ  Chiusura della MLB: progressi compiuti, la lega estende la scadenza autoimposta alle 17:00 ET martedì

Il direttore generale Joe Sakic aveva un piano per questa squadra di valanghe e lo ha eseguito alla perfezione. Da quell’anno terribile nel 2016-2017, il Colorado si è solo intensificato, iniziando con la bozza quell’estate. In effetti, gli Avs sono scivolati alla quarta scelta assoluta nella lotteria del draft, ma ci sono riusciti perché la squadra ha scelto Cale Makar, che aveva appena vinto il premio Conn Smythe come miglior giocatore post-stagione. Quel balzo iniziò a ricostruire il Colorado e il franchise non si voltò mai indietro da lì. Sono passati diversi anni da quando è stata realizzata la Stanley Cup Avalanche e potrebbero non essere vicini al completamento.

Nathan McKinnon lo capisce

Le prime cinque partite della finale della Stanley Cup erano destinate a essere frustranti per McKinnon. Entrando in Gara 6, ha segnato solo un gol con 28 tiri, ma ha continuato a scivolare via ed è stato il più grande team maker nella valanga nella loro vittoria consecutive.

McKinnon è stato il cuore e l’anima di Avalanche durante la sua ricostruzione ed è diventato uno dei primi cinque giocatori della lega. Nonostante la sua sfortuna nella finale della Stanley Cup, McKinnon ha mantenuto il suo equilibrio e ha rifiutato di scoraggiarsi. In gara 6, McKinnon ha segnato il pareggio e assistito nel gol della vittoria da Laconon. Dato quanto McKinnon significasse per la valanga, era giusto che fosse lui a introdurre in questo gioco.

Impressionante arrivo in gara a Tampa

Il Tampa Bay Lightning è caduto di sole due vittorie dopo aver vinto tre Stanley Cup consecutive, qualcosa che è stato fatto solo cinque volte nella storia della NHL. Anche se questa perdita sarebbe stata dolorosa, Lightning ha comunque gestito uno dei corsi più impressionanti nell’era del tetto salariale.

READ  News che la star della nazionale Juan Soto ha rifiutato un contratto del valore di $ 440 milioni | cittadini di Washington

Il Lightning ha vinto 11 playoff consecutivi, il che è un enorme risultato se si considerano le limitazioni che il tetto salariale, il libero arbitrio, il draft di espansione e la pandemia hanno imposto alle squadre negli ultimi anni. Tutti, dal direttore generale Julian Presboa all’allenatore John Cooper, ai giocatori, meritano tutti gli elogi del mondo per aver costantemente fornito risultati in un periodo di tre anni. Dubito che Tampa Bay andrà da qualche parte presto e probabilmente sarebbe un errore pensare diversamente. La squadra è ancora piena di talento, ma possiamo ancora apprezzare la grandezza che ha dimostrato in ciascuna delle ultime tre stagioni.