Maggio 25, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Bitcoin opera sempre più come un altro titolo tecnico

Bitcoin opera sempre più come un altro titolo tecnico

San Francisco – Bitcoin È stato riconosciuto per più di un decennio come “oro digitale”, una riserva di valore a lungo termine che contrasterebbe le tendenze economiche più ampie e fornirebbe una copertura contro l’inflazione.

Ma Bitcoin prezzo di crollo Nell’ultimo mese, sembra che la visione sia lontana dalla realtà. Invece, i trader trattano sempre più la criptovaluta come un altro investimento tecnico speculativo.

Dall’inizio di quest’anno, l’azione dei prezzi di bitcoin ha rispecchiato da vicino quella del Nasdaq, un benchmark fortemente ponderato per i titoli tecnologici, secondo un’analisi della società di dati Arcane Research. Ciò significa che con il prezzo del bitcoin in calo di oltre il 25% nell’ultimo mese, al di sotto dei $ 30.000 mercoledì – meno della metà del picco di novembre – il calo è arrivato quasi in un blocco con un crollo più ampio dei titoli tecnologici mentre lottavano Investitori con tassi di interesse più alti e la guerra in Ucraina.

La maggiore correlazione aiuta a spiegare perché coloro che hanno acquistato la criptovaluta l’anno scorso, sperando che diventasse più preziosa, hanno visto il loro investimento crollare. E mentre il bitcoin è sempre stato volatile, la sua crescente somiglianza con i titoli tecnologici rischiosi mostra chiaramente che la sua promessa come asset trasformativo non è stata mantenuta.

Delegittima l’argomento secondo cui il bitcoin è come l’oro”, ha affermato Vetle Lunde, analista di Arcane. “Le prove suggeriscono che bitcoin è solo un asset rischioso.”

Arcane Research ha stabilito un punteggio numerico compreso tra 1 e -1 per catturare la correlazione dei prezzi tra Bitcoin e il Nasdaq. Il punteggio 1 indica una sottile correlazione, il che significa che i prezzi si muovono in tandem e -1 rappresenta una sottile differenza.

READ  L'azienda dietro i video delle celebrità ha licenziato un quarto dei suoi dipendenti

Dal 1° gennaio, il punteggio medio a 30 giorni di Bitcoin-Nasdaq è vicino a 1 e questa settimana ha raggiunto 0,82, che è il più vicino possibile a una precisa correlazione uno-a-uno. Allo stesso tempo, il movimento del prezzo del Bitcoin si è discostato dalle fluttuazioni del prezzo dell’oro, l’asset con cui viene confrontato più spesso.

La vicinanza con il Nasdaq è cresciuta nel corso della pandemia di coronavirus, spinta in parte da investitori instituzionali Piace hedge fundDotazioni e family office che hanno pompato denaro nel mercato delle criptovalute.

A differenza degli idealisti che hanno guidato l’entusiasmo iniziale per il bitcoin negli anni 2010, questi trader professionisti considerano la criptovaluta come parte di un portafoglio più ampio di investimenti tecnici ad alto rischio e ad alto rendimento. Alcuni di loro sono sotto pressione per garantire rendimenti a breve termine per i clienti e sono meno ideologicamente impegnati nel potenziale a lungo termine di Bitcoin. E quando perdono fiducia nel settore tecnologico in generale, ciò influisce sul loro trading di bitcoin.

“Cinque anni fa, le persone che lavoravano nelle criptovalute erano criptovalute”, ha affermato Mike Burrow, fondatore del fondo di investimento Fortis Digital. “Ora hai ragazzi che coprono l’intero spettro delle attività di rischio. Quindi, quando vengono colpiti lì, si prende un pedaggio su se stessi”.

I timori nel mercato azionario, influenzati dalle difficili tendenze economiche, tra cui l’invasione russa dell’Ucraina ei livelli storici di inflazione, sono stati particolarmente evidenti nel crollo dei titoli tecnologici di quest’anno. Meta, precedentemente Facebook, quest’anno è in calo di oltre il 40%. Netflix ha perso il 70 percento del suo valore.

READ  I rendimenti del Tesoro salgono prima del rapporto chiave sull'inflazione

Mercoledì, le azioni di Coinbase, l’exchange di criptovalute, sono crollate del 26% dopo la segnalazione Diminuzione delle entrate e perdita di 430 milioni di dollari nel primo trimestre. Le azioni della società sono scese di oltre il 75% nel complesso quest’anno.

Il Nasdaq esiste già Distretto del mercato degli orsi, dopo aver terminato mercoledì in calo del 29% rispetto al record di metà novembre. Novembre è stato anche il momento in cui il prezzo del bitcoin ha raggiunto il picco di circa $ 70.000. È stato l’incidente Verifica della realtà sui sostenitori di Bitcoin.

“C’era un’innegabile convinzione al dettaglio che il bitcoin alla fine dello scorso anno fosse una copertura contro l’inflazione: era un porto sicuro e avrebbe sostituito il dollaro”, ha affermato Ed Moya, analista di criptovaluta presso la società di trading OANDA. “E quello che è successo è che l’inflazione ha iniziato a diventare molto brutta e il bitcoin ha perso metà del suo valore”.

Anche i prezzi di altre criptovalute sono crollati. Il prezzo di Ether, la seconda criptovaluta più preziosa, è sceso di circa il 25% dall’inizio di aprile, al di sotto di $ 2.300. Anche altri, come Solana e Cardano, quest’anno hanno subito forti cali.

Bitcoin è rimbalzato da pesanti perdite precedenti e la sua crescita a lungo termine continua ad essere impressionante. Prima del boom della pandemia dei prezzi delle criptovalute, valeva ben meno di $ 10.000. I veri credenti, che si definiscono estremisti di Bitcoin, rimangono irremovibili sul fatto che la criptovaluta alla fine si scollegherà dalla sua associazione con l’asset rischioso.

Michael Saylor, CEO di Business Intelligence strategia microHa speso miliardi dei soldi della sua azienda in Bitcoin, creando una scorta di oltre 125.000 monete. A causa del calo del prezzo del bitcoin, le azioni della società sono scese di quasi il 75% da novembre.

In un’e-mail, Saylor ha accusato il crollo di “commercianti e tecnocrati” che non apprezzano il potenziale a lungo termine di Bitcoin di trasformare il sistema finanziario globale.

“A breve termine, il mercato sarà dominato da coloro che sottovalutano i vantaggi del bitcoin”, ha affermato. “A lungo termine, gli estremisti saranno convalidati, perché miliardi di persone hanno bisogno di questa soluzione e la consapevolezza si sta diffondendo a milioni di persone ogni mese”.