Settembre 28, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Boeing invia per la prima volta una capsula Starliner alla Stazione Spaziale Internazionale | notizie spaziali

Boeing invia per la prima volta una capsula Starliner alla Stazione Spaziale Internazionale |  notizie spaziali

La capsula dell’astronauta Boeing arriva alla Stazione Spaziale Internazionale in un esperimento senza pilota dopo diversi tentativi falliti.

Con solo un manichino di prova a bordo, la capsula dell’astronauta Boeing ha fatto tappa per la prima volta alla Stazione Spaziale Internazionale (ISS), un grande traguardo per l’azienda dopo anni di false partenze.

Con lo Starliner in arrivo alla fine di venerdì, la NASA ha finalmente realizzato il suo sforzo di lunga data per inviare capsule dell’equipaggio dalle compagnie rivali statunitensi alla stazione spaziale.

SpaceX è già iniziato. La compagnia di Elon Musk ha condotto lo stesso test tre anni fa e da allora ha lanciato 18 astronauti sulla stazione spaziale, oltre ai turisti.

“Oggi rappresenta una grande pietra miliare”, ha comunicato via radio l’astronauta della NASA Bob Haynes dal complesso orbitante. “Lo Starliner ha un bell’aspetto nella parte anteriore della stazione”, ha aggiunto.

L’unica altra volta che un aereo Boeing Starliner è volato nello spazio, non si è avvicinato da nessuna parte alla stazione ed è finito nell’orbita sbagliata.

Questa volta, il veicolo spaziale riparato è arrivato nel posto giusto dopo il lancio giovedì e ha attraccato alla stazione 25 ore dopo. L’incontro robotico è decollato senza troppi intoppi, anche se una manciata di propulsori ha fallito.

Se il resto della missione Starliner andrà bene, Boeing potrebbe essere pronta a lanciare il suo primo equipaggio entro la fine di quest’anno. Gli astronauti che probabilmente avrebbero prestato servizio nel primo equipaggio di Starliner si sono uniti ai controllori di volo della Boeing e della NASA a Houston mentre l’operazione si svolgeva a un’altitudine di 435 chilometri (270 miglia).

READ  SpaceX e la NASA hanno rinviato la decodifica di speciali astronauti Ax-1 sulla Stazione Spaziale Internazionale

La NASA vuole ripetere quando si tratta di servire i taxi degli astronauti in Florida. Il direttore Bill Nelson ha affermato che la lunga strada di Boeing con lo Starliner sottolinea l’importanza di avere due tipi di pod dell’equipaggio. Gli astronauti americani sono rimasti bloccati a bordo di razzi russi una volta terminato il programma dello shuttle, fino al primo volo dell’equipaggio di SpaceX nel 2020.

Il primo volo di prova di Boeing del suo Starliner nel 2019 è stato afflitto da errori del software che hanno accorciato la missione e avrebbero potuto distruggere il veicolo spaziale. Ciò è stato corretto, ma quando la nuova capsula era in attesa di decollare la scorsa estate, le valvole corrose hanno interrotto il conto alla rovescia. Sono seguite altre riparazioni, con Boeing che ha raccolto quasi $ 600 milioni di costi di completamento.

Prima di consentire allo Starliner di avvicinarsi alla stazione spaziale venerdì, i controllori di terra della Boeing si sono esercitati a manovrare la capsula e hanno testato il suo sistema di visione robotica. Boeing ha detto che tutto è stato controllato correttamente, ad eccezione dell’anello di raffreddamento e di quattro propulsori guasti. La capsula manteneva una temperatura costante e aveva molti altri motivi per guidare.

Una volta che lo Starliner si trovava entro 15 chilometri (10 miglia) dalla stazione spaziale, i controllori di volo della Boeing a Houston potevano vedere la stazione spaziale attraverso le telecamere della capsula. “Stiamo salutando. Ci vedi?”, ha scherzato Hines.

C’era solo silenzio dallo Starliner. Il posto del comandante è stato ancora una volta preso da un manichino soprannominato Rosie Rockettier, una versione spaziale di Rosie the Riveter della seconda guerra mondiale.

READ  Mettere in pratica la teoria della relatività speciale

La capsula bianco-blu brillante stava volando entro 10 metri (33 piedi) dalla stazione per quasi due ore, molto più a lungo del previsto, mentre i controllori di volo regolavano l’anello di attracco e si assicuravano che tutto il resto fosse in ordine. Quando finalmente è arrivato il semaforo verde, Starliner ha colmato il divario in quattro minuti, tra gli applausi del centro di controllo della Boeing. L’applauso è esploso non appena i chiavistelli sono stati saldamente fissati.

I sette astronauti sulla stazione spaziale scaricheranno generi alimentari e attrezzatura da Starliner e li impacchettano per gli esperimenti. A differenza della capsula Dragon di SpaceX che cade al largo della costa della Florida, Starliner punta ad atterrare nel New Mexico mercoledì prossimo.