Ottobre 1, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Boris Johnson difende le sue azioni mentre altri alleati conservatori se ne vanno

Boris Johnson difende le sue azioni mentre altri alleati conservatori se ne vanno

LONDRA (Reuters) – Il primo ministro britannico Boris Johnson ha lottato per la sua vita politica mercoledì, poiché più ministri e aiutanti hanno continuato a lasciare il suo governo e le persone frustrate dalla sua leadership hanno chiesto che si dimettesse.

Le improvvise dimissioni di martedì di due dei suoi massimi ministri di gabinetto – il cancelliere Rishi Sunak e il ministro della Salute Sajid Javid – hanno portato a un esodo di massa, con almeno 32 politici conservatori hanno lasciato queste posizioni nel corso di 24 ore.

Le dimissioni, arrivate a seguito di una serie di scandali, hanno sollevato dubbi sul fatto che questa sia la fine per un presidente del Consiglio che ha sfidato molte precedenti previsioni sulla sua morte.

In un’ardente sessione di domande settimanali del Primo Ministro, Johnson ha licenziato coloro che lo avevano invitato a dimettersi.

“Onestamente, il lavoro del primo ministro in circostanze difficili quando si ottiene un mandato straordinario è quello di portare avanti, ed è quello che farò”, ha detto.

Sebbene i funzionari del governo in partenza abbiano evidenziato varie ragioni, il loro ragionamento in generale aveva a che fare con un senso di sfiducia e cattiva gestione.

Javid, l’ex ministro della Salute, ha espresso una feroce critica al primo ministro, dicendo al parlamento che “andare sul filo del rasoio tra lealtà e integrità è diventato impossibile negli ultimi mesi”. Ha detto che alla fine dell’anno scorso, figure di spicco gli hanno detto che nessuna festa si sarebbe tenuta a Downing Street durante il blocco della pandemia. L’indagine della polizia sul Partigate si è conclusa 126 benedi cui uno per Johnson.

READ  Il petrolio scende mentre la chiusura di Shanghai solleva preoccupazioni per la diminuzione della domanda

L’indagine di Partigate UK si conclude con 126 multe, niente più citazioni per Boris Johnson

“Ancora questa settimana, abbiamo motivo di mettere in dubbio la verità e l’equità di ciò che ci è stato detto”, ha detto Javid, riferendosi a uno scandalo separato che coinvolge Chris Pincher, che di recente si è dimesso da vicepresidente dopo l’accusa di aver aggredito due uomini. mentre è ubriaco. Downing Street ha inizialmente affermato che Johnson non era a conoscenza di alcuna precedente accusa di cattiva condotta quando il primo ministro Pincher ha dato una posizione chiave del governo, ma in seguito ha ritrattato per riconoscere che Johnson era a conoscenza di un’indagine che ha sostenuto denunce simili nel 2019.

“Il problema inizia dall’alto”, ha detto Javid.

Mentre Javid parlava, un altro ministro si è dimesso.

L’ultimo scandalo di Boris Johnson porta alle dimissioni degli alti ministri

Indicando lo stato d’animo della sessione, un gruppo di parlamentari laburisti contrari a Johnson ha salutato, cantando: “Arrivederci”.

La maggior parte del pubblico britannico pensa che Johnson dovrebbe gettare la spugna. un Sondaggio YouGov Una pubblicazione pubblicata martedì ha rilevato che il 69% dei britannici ha affermato che Johnson dovrebbe dimettersi, inclusa la maggioranza degli elettori conservatori (54%).

Solo il 18% del pubblico britannico ha affermato che Johnson dovrebbe rimanere.

Le dimissioni dei massimi ministri del Regno Unito e la difficile situazione del governo del primo ministro Boris Johnson hanno dominato i titoli dei giornali britannici il 6 luglio (Video: Reuters)

Secondo le attuali regole Tory, non esiste un modo ufficiale per i critici del primo ministro di sbarazzarsi di lui rapidamente se non vuole andarsene. Poiché Johnson è sopravvissuto – con difficoltà – a Voto di sfiducia Dal suo partito il mese scorso, è ufficialmente isolato da ulteriori sfide del partito per un anno.

READ  Aggiornamenti in tempo reale di Russia e Ucraina: gli Stati Uniti affermano che la Russia ha perso il 15-20% della sua potenza di combattimento

Ma mercoledì c’erano pressioni in corso affinché il comitato del 1922 di potenti legislatori conservatori, che fissa le regole, le cambiasse – immediatamente o nei prossimi giorni, quando dovrebbero eleggere nuovi membri. Alcuni di coloro che lottano per i ruoli hanno suggerito che avrebbero sostenuto consentendo un altro voto di sfiducia.

Per votare, 54 parlamentari conservatori – ovvero il 15 per cento del partito parlamentare – dovranno presentare lettere di sfiducia.

Boris Johnson è sopravvissuto ma è stato indebolito da un voto di sfiducia

Gli analisti hanno affermato che il partito potrebbe volere un nuovo leader in carica prima della sua conferenza annuale in autunno, qualcuno che possa aiutarli a vincere le prossime elezioni generali.

Rob Ford, un esperto di politica all’Università di Manchester, ha fatto un paragone con il 2016 quando, dopo il voto sulla Brexit, ci sono state le dimissioni di massa del governo ombra dei laburisti dell’opposizione volte a fare pressione sul leader Jeremy Corbyn. Mentre alcuni leader potrebbero aver letto la stanza e deciso di dimettersi, ha detto Ford, Corbyn non l’ha fatto ed è rimasto un leader fino alla primavera del 2020.

Allo stesso modo, con Johnson, c’è un’ampia opposizione alla sua leadership. Hai un leader che non cederà alle pressioni informali per andarsene e l’unico meccanismo formale che hai non è disponibile. ha detto Ford.

Nel frattempo, mercoledì il numero delle dimissioni, anche da parte di ex lealisti, ha continuato a crescere di ora in ora. in uno MessaggioCinque deputati si sono dimessi contemporaneamente. “Sta diventando sempre più chiaro che il governo non può agire alla luce delle questioni emerse e del modo in cui sono state affrontate”, hanno scritto.

READ  Almeno 5 morti dopo che i terremoti hanno colpito il sud dell'Iran

in un altro posto MessaggioWill Quince, ministro per l’infanzia e la famiglia, ha affermato di non poter accettare il modo in cui a Downing Street è stato chiesto di difendere i media per uno scandalo che coinvolge Pincher. Ha affermato di aver ottenuto informazioni “imprecise” sulla conoscenza degli eventi da parte di Johnson e di “aver accettato e ripetuto quelle affermazioni in buona fede”.

C’è una tradizione nella politica britannica secondo cui i ministri vengono inviati al mattino per le trasmissioni dei media, per sollevare la posizione del governo sulle questioni. Di solito è un dovere e un onore. È così che i politici possono farsi un nome. Ma molti ministri indicano che hanno finito di difendere questo governo.

Il legislatore Joe Churchill Rassegnato Da sottosegretario afferma che “i recenti eventi hanno dimostrato integrità, competenza e giudizio sono tutti elementi essenziali per il ruolo di primo ministro, mentre un approccio giocoso egoistico deve avere i suoi limiti”.

Ford ha affermato che mentre Johnson potrebbe zoppicare fino a quando non si verificherà un altro voto di fiducia, che potrebbe essere tra 11 mesi, o prima se le regole verranno modificate. Ha detto che sembrava improbabile che Johnson sarebbe sopravvissuto.

Cosa cambierà esattamente da ora in poi per ripristinare la fiducia in Johnson? chiese Ford. “A questo punto, penso che ci vorrebbe qualcosa di simile a un miracolo biblico. Nulla può essere escluso con il politico più fortunato della politica britannica, ma ci vuole qualcosa di straordinario”.