Ottobre 1, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Cardinale Joseph Zen: Hong Kong detiene 90 anni con l’accusa di sicurezza nazionale

Cardinale Joseph Zen: Hong Kong detiene 90 anni con l'accusa di sicurezza nazionale

Zain è tra i quattro importanti attivisti pro-democrazia arrestati dalla polizia: gli altri tre sono la star del canto pop Dennis Ho, l’ex parlamentare Margaret Ng e l’accademico Hui Bo Kyung, secondo il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti.

Sono stati arrestati con l’accusa di collusione con forze straniere, un’accusa ai sensi della legge sulla sicurezza nazionale globale della città, secondo una dichiarazione delle forze di polizia di Hong Kong.

La polizia di sicurezza nazionale della città ha affermato che i quattro avevano chiesto ai governi stranieri di imporre sanzioni alla città Hong KongChe ha detto essere un atto che minaccia la sicurezza nazionale. I detenuti sono stati rilasciati su cauzione nella tarda notte di mercoledì, secondo la polizia di Hong Kong.

I quattro provenivano dagli amministratori del Fondo di soccorso umanitario 612, istituito nel giugno 2019 per fornire assistenza finanziaria e consulenza legale ai manifestanti che sono stati feriti o arrestati. Il fondo ha cessato l’attività l’anno scorso, dopo che la polizia di sicurezza nazionale ha annunciato di aver aperto un’indagine sulle fonti delle sue donazioni e se le sue operazioni comportassero una violazione della legge sulla sicurezza nazionale.

Zen era l’ex pastore cattolico romano più anziano di Hong Kong. È uno dei critici più espliciti della città sia del governo di Hong Kong che di Pechino, ed è conosciuto come la “coscienza di Hong Kong” tra i suoi sostenitori.

In risposta all’arresto di Zain, il Vaticano ha affermato di aver appreso della notizia “con preoccupazione” e di “seguire con grande interesse l’evolversi della situazione”, ha affermato il Vaticano in una nota alla Cnn.

READ  Zelensky ha detto che le forze russe hanno iniziato la battaglia del Donbass

Gli arresti hanno anche attirato la condanna degli Stati Uniti e dell’Europa.

“Arrendendo questi attivisti veterani, studiosi e leader religiosi ai sensi del cosiddetto National Security Act, le autorità di Hong Kong hanno dimostrato ancora una volta che perseguiranno tutti i mezzi necessari per reprimere il dissenso e minare i diritti e le libertà preventive”, il portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price ha detto in una conferenza stampa mercoledì.

Il principale diplomatico dell’UE, Josep Borrell, ha dichiarato su Twitter di seguire gli sviluppi “con grande preoccupazione”. “Le libertà fondamentali, come garantite dalla Legge fondamentale di Hong Kong e dalla Dichiarazione congiunta sino-britannica, devono essere rispettate”, ha affermato Borrell.

Il direttore regionale di Amnesty International per l’Asia e il Pacifico, Erwin van der Bught, ha affermato in una dichiarazione che gli arresti hanno rappresentato una “escalation scioccante” anche per i “recenti standard di peggioramento della repressione” di Hong Kong e hanno dimostrato la “sfacciata disattenzione delle autorità di Hong Kong per i diritti fondamentali”. dei suoi cittadini.

Gli arresti sono arrivati ​​pochi giorni dopo che John Lee, un ex ufficiale di polizia e capo della sicurezza, è stato scelto domenica come prossimo leader di Hong Kong.

Sono l’ultima repressione su larga scala del movimento pro-democrazia a Hong Kong, dopo che la controversa legge sulla sicurezza nazionale è stata imposta alla città nel 2020. Da allora, la maggior parte delle figure pro-democrazia della città sono state arrestate o andato a. In esilio, mentre molti media indipendenti e ONG sono stati chiusi.

Il governo di Hong Kong ha ripetutamente negato le critiche secondo cui la legge – che criminalizza atti di secessione, sovversione, terrorismo e collusione con forze straniere – ha soffocato le libertà, sostenendo invece di aver ristabilito l’ordine nella città dopo il movimento di protesta del 2019.

READ  Il "forte odore" proveniente da un appartamento di nuova costruzione in Corea del Sud risulta essere feci umane nei muri.

Sugam Pocharrell, Kristi Lou Stout, Sophie Jeong, Jennifer Deaton, Livia Borghese e Mia Alberti della CNN hanno contribuito a questo rapporto.