Maggio 28, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Centinaia di lavoratori Chevron nella raffineria della California scioperano | sindacati statunitensi

centinaia di gallone I lavoratori della California hanno scioperato lunedì dopo che la società e la United Steelworkers’ Union non sono riuscite a raggiungere un accordo contrattuale.

Il sindacato ha dichiarato in una e-mail che più di 500 lavoratori di una raffineria che produce benzina, diesel, carburante per aerei e lubrificanti a Richmond, nella baia di San Francisco, hanno iniziato il loro sciopero alle 00:01. I lavoratori hanno recentemente votato per rifiutare un’offerta di contratto della Chevron e la società si è rifiutata di tornare al tavolo dei negoziati.

Chevron ha detto che le operazioni di raffineria continueranno come al solito. Ma se lo sciopero interrompe le operazioni alla raffineria, potrebbe influire negativamente sui prezzi del carburante in California, che ha già i prezzi del gas più alti negli Stati Uniti a $ 5,86 al gallone, secondo l’American Automobile Association.

“Sarebbe in un momento molto sfortunato perché in questo momento abbiamo già una carenza di capacità di raffinazione in California, quindi è probabile che una perdita dell’uno o due percento della capacità di raffinazione dello stato porti a un aumento significativo dei prezzi della benzina”, Severin Bornstein, un’Università della California a Berkeley KTVU.

I prezzi del gas sono proseguiti nel Golden State salita, anche se hanno iniziato a diminuire altrove negli Stati Uniti. I legislatori chiedono una detrazione di $ 400 per contribuente per alleviare l’onere degli aumenti dei prezzi alle pompe.

La Chevron, che ha sede a San Ramon, in California, ha affermato che non si aspettava che lo sciopero causasse problemi alla catena di approvvigionamento e ha detto a KTVU che avrebbe portato lavoratori qualificati per sostituire gli scioperanti.

La Chevron ha dichiarato domenica in una dichiarazione di aver negoziato con il sindacato per mesi e ritiene che il contratto offerto fosse equo e affrontasse le preoccupazioni del sindacato.

Il sindacato ha affermato di aver negoziato un accordo nazionale per i lavoratori petroliferi su salari e condizioni di lavoro, ma circa 200 singole unità negoziali devono ancora negoziare questioni locali.

Il rappresentante di USW Local 5 BK White, un operatore di raffineria che ha lavorato nell’azienda per 29 anni, ha affermato che la Chevron non ha affrontato la fatica dei lavoratori e la carenza di personale.

“Se avessimo più persone e potessimo ottenere una retribuzione migliore, i nostri membri probabilmente non si sentirebbero obbligati a entrare e lavorare fino a 70 ore a settimana per sbarcare il lunario. Non pensiamo che sia sicuro”, ha detto White.

Chevron ha affermato che a Richmond “le richieste del sindacato sono andate oltre ciò che la società riteneva ragionevole e sono andate oltre ciò che era stato concordato come parte dell’accordo nazionale di contrattazione”.

Il sindacato ha affermato che il vecchio contratto con la Chevron a Richmond è scaduto il 1° febbraio e che i lavoratori si sarebbero presentati al lavoro per un’estensione di 24 ore.

White ha detto che la società aveva offerto un aumento salariale del 2,5%, ma il sindacato aveva chiesto il 5% per stare al passo con l’inflazione e il costo della vita nella Bay Area.

“È dura per i colletti blu nella Bay Area e abbiamo chiesto un aumento del 5% per aiutarci un po’ con i nostri servizi medici al Kaiser, che è aumentato del 23% l’anno scorso”, ha detto White.

White ha affermato che la società ha già assunto circa 100 lavoratori sostitutivi che non erano stati formati per gestire le fabbriche.

“Questo è a scapito della città di Richmond e dell’ambiente”, ha detto.

La società ha affermato di aver introdotto sostituti idonei a partire da un turno domenicale.

“I dipendenti che gestiscono la raffineria durante lo sciopero hanno soddisfatto i requisiti necessari per svolgere le funzioni loro assegnate (compresa la formazione sul lavoro da parte di dipendenti/operatori esperti) affinché la raffineria possa operare in sicurezza e nel rispetto di tutti i requisiti per il rispetto tutti i regolamenti, ha detto il portavoce della Chevron Tyler Kruzic in una e-mail.

Se lo sciopero chiudesse la raffineria, potrebbe influire negativamente sui prezzi della benzina in California, che ha il prezzo più alto per il gas normale nel paese a $ 5,86 al gallone, secondo l’American Automobile Association.

Tuttavia, Ken Medlock, direttore del Center for Energy Studies presso il Baker Institute della Rice University, ha affermato che è improbabile che lo sciopero porti la Chevron a chiudere le sue operazioni o ad aumentare i prezzi.

È probabile che la raffineria operi con uno staff strutturale “fino a quando i problemi relativi al contratto di lavoro non saranno risolti”, ha detto Medlock in una e-mail.

“I prezzi della California sono già più alti rispetto ad altri stati a causa del mix unico che deve essere venduto nello stato che limita il saldo della benzina importata da altre regioni, quindi c’è un enorme incentivo a mantenere in funzione la raffineria”, ha aggiunto.

Il sindacato ha affermato che il vecchio contratto con la Chevron a Richmond è scaduto il 1° febbraio e che i lavoratori si presentavano al lavoro 24 ore al giorno.

La Chevron Corporation di San Ramon, in California, ha dichiarato sul suo sito web che la raffineria impiega 1.300 lavoratori. White ha affermato che il sindacato rappresenta circa 600 dipendenti, tra cui installatori, installatori di tubi, tecnici di laboratorio e magazzinieri.

La raffineria è una delle più grandi dello stato e lavora circa 240.000 barili di petrolio greggio al giorno per produrre benzina, diesel, carburante per aerei e lubrificanti, prodotti venduti principalmente in California.

La Chevron ha dichiarato in una dichiarazione di essere “pienamente preparata a continuare le sue normali operazioni” nonostante lo sciopero.

“Non prevediamo alcun problema nel mantenere una fornitura affidabile di prodotti sul mercato”, ha affermato.

READ  "Smettila di picchiarmi", ha detto Elon Musk ad Alexandria Ocasio-Cortez dopo aver pubblicato un tweet feroce sulla tecnologia "Miliardario con un problema di ego".