Luglio 16, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Colloqui di pace “domani” se la Russia si ritirerà dall’Ucraina – Zelenskyj

Colloqui di pace “domani” se la Russia si ritirerà dall’Ucraina – Zelenskyj
Commenta la foto, Zelenskyj e altri leader mondiali hanno rilasciato dichiarazioni conclusive dopo il vertice

  • autore, Robert Greenall
  • Ruolo, notizie della BBC

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj ha affermato che domani Kiev terrà colloqui di pace con la Russia se Mosca si ritirerà da tutto il territorio ucraino.

Ma al termine di un vertice di pace in Svizzera ha affermato che il presidente russo Vladimir Putin non porrà fine alla guerra e che deve essere fermata “in ogni modo possibile”, sia con mezzi militari che diplomatici.

Ha aggiunto che gli aiuti occidentali non sono sufficienti per vincere la guerra, ma il vertice ha dimostrato che il sostegno internazionale all’Ucraina non si sta indebolendo.

L’incontro si è concluso con l’impegno di decine di paesi per l’integrità territoriale dell’Ucraina.

È stato adottato un documento finale che incolpava la Russia per le sofferenze diffuse e la distruzione della guerra.

Tuttavia, molti paesi partecipanti, tra cui India, Sud Africa e Arabia Saudita, non l’hanno firmato.

Il vertice mira a creare il più ampio sostegno possibile per un processo che potrebbe contribuire a porre fine alla guerra in Ucraina.

Al vertice hanno partecipato più di 90 paesi e organizzazioni internazionali.

La Russia non è stata invitata e la Cina, il suo principale sostenitore, non era presente, portando alcuni a mettere in dubbio l’efficacia del vertice.

Il documento finale chiede il ripristino del controllo ucraino sulla centrale nucleare di Zaporizhzhya, attualmente occupata dalla Russia.

La risoluzione si riferisce anche all’invasione russa come a una “guerra”, una descrizione che Mosca ha respinto.

Ha chiesto lo scambio di tutti i prigionieri e la restituzione dei bambini rapiti dalla Russia.

Gli argomenti più controversi, come lo status dei territori sotto occupazione russa, verranno rimandati a dopo.

Parlando ai giornalisti dopo il vertice, Zelenskyj ha ringraziato i leader mondiali presenti, dicendo di essere grato che abbiano mostrato indipendenza nella loro presenza, nonostante le pressioni della Russia affinché restassero lontani.

“Questo vertice afferma il sostegno internazionale [for Ukraine] Non si indebolisce”, ha detto, sottolineando che i paesi che non avevano precedentemente partecipato agli sforzi diplomatici si sono uniti al processo.

Quando la BBC gli ha chiesto se la posizione più debole dell’Ucraina sul campo di battaglia lo avesse costretto a prendere in considerazione mosse diplomatiche, ha risposto che non era così e che l’Ucraina aveva sempre parlato di pace.

Ha detto che la presenza di Mosca nei negoziati dimostrerebbe la sua disponibilità per la pace.

“La Russia può iniziare i negoziati domani se si ritira dalle nostre terre”, ha detto.

Zelenskyj ha anche affermato che la Cina non è nemica dell’Ucraina.

“Rispettiamo la Cina e la sua integrità territoriale, e vogliamo che la Cina faccia lo stesso per noi”, ha affermato, invitando Pechino a impegnarsi seriamente nello sviluppo di proposte di pace.

In precedenza il primo ministro olandese Mark Rutte aveva affermato che i presenti erano uniti nel perseguimento della pace in Ucraina.

“E anche se alcuni di noi attorno a questo tavolo hanno opinioni diverse su come raggiungere la pace in Ucraina, non ci sono errori… Siamo completamente uniti in una visione condivisa su principi, valori e decenza.

“Non si invade un altro paese. Non si rapiscono bambini. Non si fa politica con l’approvvigionamento alimentare mondiale. E non si mette a repentaglio la sicurezza nucleare”.

Ci si aspettava che tutte le delegazioni appoggiassero una dichiarazione finale che condannasse l’invasione russa, ma domenica il cancelliere austriaco Karl Nehammer ha detto ai giornalisti che la dichiarazione non sarebbe stata sostenuta all’unanimità.

Zelenskyj ha detto sabato che i risultati del vertice svizzero saranno inviati a Mosca “in modo che nel secondo vertice di pace si possa determinare la vera fine della guerra”.

La Russia ha descritto l’evento svizzero come una perdita di tempo, e il presidente Vladimir Putin ha dichiarato venerdì che accetterebbe un cessate il fuoco se l’Ucraina ritirerà le sue forze da quattro regioni che la Russia occupa parzialmente e sostiene di aver annesso.

Il primo ministro italiano Giorgia Meloni ha descritto la questione come “propaganda” e il primo ministro britannico Rishi Sunak ha accusato Putin di “intrecciare una falsa narrativa sulla sua volontà di negoziare”.

Poi il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha detto domenica che il leader russo non ha escluso i colloqui con l’Ucraina, ma ha aggiunto che sono necessarie garanzie per garantire la loro credibilità e che Zelenskyj non può parteciparvi.