Ottobre 6, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Come e quando assistere al lancio di Artemis I Moon della NASA sabato

Come e quando assistere al lancio di Artemis I Moon della NASA sabato

Un singhiozzo tecnico ha impedito al gigantesco razzo lunare della NASA, lo Space Launch System, di essere espulso dalla rampa di lancio lunedì. Quindi la NASA proverà di nuovo sabato, sperando che i suoi ingegneri possano risolvere il problema. Ecco cosa devi sapere sul secondo tentativo di avviare un file Missione Artemide I.

La data di lancio è fissata per le 14:17 ET. In caso di condizioni meteorologiche sfavorevoli o malfunzionamenti tecnici, il decollo può essere ritardato fino a due ore, fino alle 16:17

TV della NASALa copertura online del lancio di Artemis I inizia alle 5:45, quando un commentatore descrive il processo di riempimento dei giganteschi serbatoi di carburante del razzo. La copertura completa dell’agenzia inizierà alle 12:15

Copertura in spagnolo Inizierà alle 13:00

Le previsioni mostrano che c’è una probabilità del 60% di condizioni meteorologiche favorevoli all’inizio della finestra di lancio e le probabilità aumentano all’80% entro la fine del periodo di due ore.

Puoi iscriverti al calendario spaziale e astronomico di The Times per ricevere un promemoria Nel tuo calendario personale sul lancio e altri eventi.

Se Artemis I discende dalla Terra, la copertura continuerà per circa due ore dopo il decollo con quello che è noto come il lancio di un motore a iniezione lunare per spingere la navicella Orion fuori dall’orbita terrestre bassa su una traiettoria verso la luna.

Se il lancio viene nuovamente ritardato, la NASA potrebbe anche tentare di decollare lunedì 5 settembre o martedì 6 settembre.

Se il razzo non è decollato dalla Terra entro martedì, la NASA dovrà restituirlo al Vehicle Assembly Building, che è essenzialmente un enorme garage per il servizio missilistico. Un tentativo di lancio potrebbe quindi essere più tardi a settembre o ottobre.

READ  Gli scienziati coltivano per la prima volta piante nel suolo lunare: ``tutto germogliato'

Il lancio è stato interrotto lunedì perché un sensore ha riferito che uno dei quattro motori dello stadio centrale del razzo non era stato sufficientemente raffreddato, parte dei preparativi necessari prima dell’accensione.

John Honeycutt, il responsabile del programma che supervisiona lo sviluppo del razzo Space Launch System, ha detto che le temperature di tre dei motori si stavano avvicinando all’obiettivo di meno 420 gradi Fahrenheit, mentre la temperatura del quarto sembrava essere di circa 40 gradi più calda. Se il motore è troppo caldo, potrebbe spegnersi durante il decollo.

In una conferenza stampa giovedì, i funzionari della missione hanno affermato che l’analisi di altri dati li aveva convinti che il sensore di temperatura era difettoso e che il motore era, in effetti, abbastanza freddo.

Affinché gli astronauti raggiungano la luna, avrebbero bisogno di un grande razzo. Lo Space Launch System è quel razzo: il razzo più potente da quando il Saturn V portò gli astronauti della NASA sulla Luna negli anni ’60 e ’70. L’aereo, in attesa del lancio lunedì, è alto 322 piedi e peserà 5,5 milioni di libbre una volta riempito di carburante.

Il razzo, noto come SLS, ha alcune somiglianze visive con le navette spaziali in pensione. Questo in base alla progettazione: per semplificare lo sviluppo del suo nuovo razzo lunare, la NASA ha riutilizzato gran parte della tecnologia dello space shuttle negli anni ’70.

Il carico utile SLS di lunedì è Orion, una capsula progettata per voli di più settimane al di fuori dell’orbita terrestre bassa. Non avrà un equipaggio a bordo di questo volo ma potrà trasportare fino a quattro astronauti. Se questo volo avrà successo, un quartetto di astronauti viaggerà nella prossima missione, Artemis II.

READ  La sonda della NASA ha individuato uno strano "equipaggio magico" sulla superficie di Marte

Dopo il decollo, si verificheranno diversi eventi in rapida successione.

Poco più di due minuti dopo aver lasciato la Terra, i due sottili booster laterali attaccati al gigantesco stadio centrale del sistema di lancio spaziale esauriranno il loro combustibile solido per razzi e cadranno, cadendo nell’Oceano Atlantico.

Dopo otto minuti di volo, i quattro motori dello stadio primario verranno spenti. Questo stadio cadrà e il secondo stadio del razzo e della capsula Orion (che trasporterà i futuri astronauti) sarà da solo nello spazio.

Circa un’ora e mezza dopo il lancio, il secondo stadio si accenderà di nuovo per circa 18 minuti, in quella che viene chiamata iniezione lunare incrociata. Cioè, la seconda fase spingerebbe Orione sulla via della Luna. Dopo che questo motore si esaurisce, Orion si separerà dal secondo stadio.

Il sesto giorno, Orione inizierà la sua orbita attorno alla Luna, spostandosi verso quella che è conosciuta come un’orbita retrograda distante.

La durata esatta della missione varia in base alla data di lancio. Se Artemis I verrà lanciato sabato, Orion lascerà un’orbita molto retrograda il giorno 27 e il giorno 33 inizierà il suo viaggio di ritorno sulla Terra. Splashdown sarà l’11 ottobre, concludendo una missione di 38 giorni.

Perché la NASA dovrebbe fare quello che ha fatto mezzo secolo fa?

I funzionari della NASA lo sostengono Le missioni lunari sono fondamentali per il programma di volo spaziale umano E non solo gli sbarchi sulla Luna dell’Apollo dal 1969 al 1972.

La NASA spera anche di incoraggiare le aziende private interessate a perseguire un’attività consolidata di portare sulla Luna attrezzature scientifiche e altri carichi utili e ispirare gli studenti ad entrare nei campi della scienza e dell’ingegneria.

Per gli scienziati, una rinnovata attenzione alla Luna promette una ricchezza di nuovi dati nei prossimi anni. C’è un particolare interesse per la quantità di ghiaccio d’acqua sulla Luna, che potrebbe essere utilizzata per fornire acqua e ossigeno ai futuri astronauti e per fornire carburante per le missioni nello spazio profondo.

Gli scienziati non sanno quanta acqua ci sia o quanto sia facile estrarre l’acqua dalle rocce e dal suolo circostanti. Le missioni future possono aiutare a risolvere questa domanda.