Dicembre 4, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Come siamo diventati dipendenti dall’usare i suggerimenti Q nel modo sbagliato

Come siamo diventati dipendenti dall'usare i suggerimenti Q nel modo sbagliato
Ma Estrazione della cera dai condotti uditivi Questo è esattamente il motivo per cui la maggior parte di noi acquista i suggerimenti Q in primo luogo. L’umile Q-tip è così perfettamente progettato per questo scopo che si è trasformato in una parola generica per un prodotto.
Tuttavia, in qualche modo, lo usiamo per la stessa cosa Ci avverte specificamente di non farlo.

Le origini di questo strano fenomeno consumistico possono essere fatte risalire a Leo Gerstenzang, un immigrato polacco.

Nel 1923, Gerstenzang pensò di poter migliorare il modo in cui sua moglie Ziota avvolse un pezzo di cotone attorno a uno stuzzicadenti per pulire gli occhi, le orecchie, l’ombelico e altre aree sensibili della figlia appena nata Betty durante il bagno.

Gerstenzang fondò un’azienda quell’anno per sviluppare e produrre il primo impianto chiavi in ​​mano Tamponi di cotone sterili per prendersi cura del bambino. Nei due anni successivi lavorò alla progettazione di una macchina in grado di produrre tamponi “non toccati da mani umane”.
“Baby Betty Gays” era il nome originale dei tamponi perché la figlia Betty rideva quando i suoi genitori le facevano il solletico con loro, lei pagò nel 2017. necrologio. Quando Gerstenzang pubblicò uno dei primi annunci per la stampa per la sua invenzione nel 1925, era vero. Grasso solido vegetale o animale per cucinare ai “bambini gay”.

Gerstenzang ha presto cambiato il nome del marchio in “Q-Tips Baby Gays”. Entro la metà degli anni ’30, “Baby Gays” era stato cancellato dal nome.

Ci sono date in competizione sulla fonte dell’aggiunta “Q-tips”. Secondo un portavoce Unilever (acqua) Il conglomerato di beni di consumo che ha acquistato Q-Tips nel 1987, la lettera “Q” sta per “qualità” e “suggerimenti” descrive il batuffolo di cotone all’estremità del bastoncino (i primi tamponi unilaterali erano venduti in barattoli di latta scorrevoli) .

Ma, secondo il necrologio di Betty, “Q-tips” era un gioco su Cutie-Tips perché era così carina quando era una ragazzina.

READ  I futures su azioni scendono mentre i trader valutano un altro massiccio aumento dei tassi della Fed

Cura dell’orecchio per adulti

Q Tips non ci ha mai detto di inserire i tamponi nel condotto uditivo per rimuovere il cerume. Ma sin dal suo inizio negli anni ’20, ha reso la cura dell’orecchio un obiettivo importante della sua strategia di marketing. Questo ha addestrato generazioni di americani ad associarlo alla pulizia lì.

Le pubblicità della metà del secolo spesso includevano illustrazioni di uomini e donne che si pulivano le orecchie o le orecchie dei loro figli con loro, inclusa l’immagine di un uomo rimozione dell’acqua dalle sue orecchie dopo aver nuotato.
Le versioni precedenti delle scatole elencavano “Cura dell’orecchio per adulti” come a Uso principale per il prodotto.
Anche Betty White in seguito è apparsa negli spot TV per Q Tips negli anni ’70 e ’80, pubblicizzandolo come “Le salviette più sicure e morbide Nel mercato per i tuoi occhi, naso e orecchie.
Un annuncio per i consigli Q sulla rivista Life del 1956. Alcuni annunci in questo periodo mostravano uomini che pulivano l'acqua dalle orecchie usando i suggerimenti Q.

Douglas Backus, un neurologo specializzato nel trattamento delle condizioni dell’orecchio e del cranio, ha detto che i suggerimenti Q creano quasi dipendenza da usare per rimuovere la cera e diventano un circolo vizioso quando lo facciamo. La rimozione del cerume provoca la secchezza della pelle e quindi vogliamo strofinarlo – ovviamente – con una punta di cotone.

Attaccare i cotton fioc nelle orecchie può anche danneggiare il condotto uditivo. La maggior parte delle persone non ha nemmeno bisogno di rimuovere il cerume, poiché le orecchie sono autopulenti. L’inserimento di un tampone può intrappolare il cerume più profondamente, ha detto, “e stai effettivamente lavorando contro te stesso usandolo”.

Non è stato fino agli anni ’70, sotto l’ex proprietario Chesebrough-Pond’s, che Q Tips ha aggiunto un avvertimento sul non infilarti la cosa nell’orecchio. Non è chiaro il motivo di questo cambiamento.

“La società non ha dettagli sul motivo per cui l’hanno fatto e la nostra ricerca nei registri non ha rivelato un caso segnalato di qualcuno con uno striscio cerebrale”, The Washington Post menzionato nel 1990. “Deve essere successo qualcosa e Chesbro Bond non voleva essere incolpato”.

Ma quando i suggerimenti Q hanno aggiunto l’etichetta di avvertimento, era troppo tardi. È diventato impossibile rompere le abitudini dei consumatori e Q-Tips controllava circa il 75% del mercato dei tamponi di cotone.

READ  I timori di recessione sono ovunque, ad eccezione della Casa Bianca

“È stato accettato che questo sia il modo in cui le persone lo usano”, ha affermato Aaron Calloway, brand manager Q-Tips presso Unilever nel 2007 e nel 2008.

assistente di bellezza

e allora dovrebbe Stai usando Q-Tips per? L’azienda ha diversi suggerimenti. Per decenni ho cercato di enfatizzare la versatilità dei tamponi di cotone.

Durante gli anni ’40, le punte Q furono posizionate come uno strumento cosmetico e di bellezza essenziale per le donne.

“Mamma, lo sapevi che puoi usare i Q-Tips per così tante cose?… Puoi usarli tu stesso quando usi la crema o il trucco, mamma!” Leggere un annuncio cartaceo del 1941.

Negli anni '40, i Q-Tips furono commercializzati dalle donne come strumento per la loro routine di bellezza.

Un altro annuncio cartaceo, un decennio dopo, descriveva Q Tips come un “assistente di bellezza” per le donne.

Negli anni ’50 e ’60, Q-Tips iniziò a dire ai consumatori che erano più che semplici bambini o donne: erano utili per qualsiasi progetto in casa o nelle loro vite.

“Per lubrificare seghe e trivelle… pistole e mulinelli da pesca… riparare tazze da tè e pulire gioielli… mobili antichi”, recitava la pubblicità del 1971.

Oggi, gli annunci Q-Tips non sono orecchie. Un portavoce del marchio afferma che l’80% dei consumatori utilizza Q Tips per scopi diversi dalla cura personale.